Allergia alimentare: un disagio che affligge più di 17 milioni di europei

09 Mar, 2015, 19:56 GMT Da EAACI European Academy of Allergy and Clinical Immunology

BARCELLONA, Spagna, March 9, 2015 /PRNewswire/ --

Con oltre 17 milioni di europei che soffrono di allergie[1], quella di tipo alimentare è una delle affezioni allergiche più comuni. Poiché si manifesta più tra i bambini che tra gli adulti[2], l'allergia alimentare è una delle principali patologie pediatriche nei Paesi occidentali. I ricoveri ospedalieri di bambini per gravi reazioni allergiche[3] sono aumentati di 7 volte negli ultimi 10 anni in Europa[4].

     (Logo: http://photos.prnewswire.com/prnh/20140918/706300 )

"L'allergia alimentare non è una patologia di poco conto. Finora non sono state trovate cure ed è così imprevedibile che spesso causa ansia nei pazienti e negli operatori sanitari, con conseguenze come l'esclusione sociale per la paura di ingerire inavvertitamente alimenti pericolosi. Solo informazioni chiare sugli ingredienti e sulla gestione della patologia possono aiutare tali pazienti", afferma Breda Flood, Presidente dell'EFA (European Federation of Allergy and Airways Diseases Patients Associations, Federazione Europea delle Associazioni di Pazienti affetti da Allergie e Malattie Respiratorie).

In seguito ai principali effetti della patologia su stile e qualità della vita, si prevede un aumento dei costi diretti e indiretti[4],[5]. La campagna di sensibilizzazione sulle allergie Beware of Allergy sottolinea la maggiore incidenza, con conseguente disagio, di allergie alimentari e di gravi reazioni allergiche, come lo shock anafilattico, e invita pazienti, professionisti del settore sanitario e farmacisti a imparare a riconoscere tempestivamente e gestire queste patologie.

"Concentrandosi su educazione alla prevenzione delle allergie alimentari, diagnosi precoce e corretta gestione della patologia, l'EAACI (European Academy of Allergy and Clinical Immunology, Accademia Europea di Allergologia e Immunologia Clinica) spera di aiutare i pazienti e le loro famiglie a controllare meglio la propria allergia alimentare, a migliorare la qualità della vita e a incrementare le risorse allocate dalla società per gestire l'epidemia allergica", afferma Antonella Muraro, Segretario generale eletto di EAACI.

Il riconoscimento tempestivo e la corretta gestione delle reazioni allergiche sono di vitale importanza, perché quelle gravi possono risultare addirittura fatali. È necessario fornire a operatori, insegnanti e genitori informazioni sulla gestione delle allergie, e questo include anche la fornitura di autoiniettori di adrenalina e le istruzioni su come e quando usarli[6].

Comunicato stampa completo: https://hkstrategies.egnyte.com/fl/fSTvcHsdDJ

Campagna di sensibilizzazione Beware of Allergy di EAACI, disponibile in 5 lingue: http://www.bewareofallergy.com

  1. The epidemiology of anaphylaxis in Europe: a systematic review. Allergy. Agosto 2014;69(8):992-1007
  2. Anaphylaxis: guidelines from the European Academy of Allergy and Clinical Immunology. Allergy. Agosto 2014;69(8):1026-45.
  3. Food allergy and anaphylaxis guidelines: diagnosis and management of food allergy. Allergy. Agosto 2014;69(8):1008-25.
  4. Prevalence of common food allergies in Europe: a systematic review and meta-analysis. Allergy. Agosto 2014; 69(8):992-1007.
  5. EAACI food allergy and anaphylaxis guidelines: food allergy health-related quality of life measures. Allergy. Luglio 2014; 69(7):845-53.
  6. EAACI food allergy and anaphylaxis guidelines: managing patients with food allergy in the community. Allergy. Agosto 2014; 69(8):1046-57.

FONTE EAACI European Academy of Allergy and Clinical Immunology