BB&T riporta un aumento del 46% sul reddito netto

26 Lug, 2011, 01:57 BST Da BB&T Corporation

WINSTON-SALEM, North Carolina, July 26, 2011 /PRNewswire/ --

 

Il valore degli utili per azione (EPS) ammonta a $0,44, in crescita del 47%

Il fatturato ammonta a $2,2 miliardi, con una crescita del 28% collegata al trimestre

La qualità del credito migliora ad una velocità più elevata, le attività non produttive diminuiscono del 13%

BB&T Corporation (NYSE: BBT) ha oggi riportato i guadagni del secondo trimestre del 2011. Il reddito netto ammonta a 327 milioni di dollari, un aumento del 46% rispetto ai 224 milioni di dollari riportati nel secondo trimestre dell'anno scorso. Il reddito netto disponibile per gli azionisti comuni era di 307 milioni di dollari ($ 0,44) per azione comune diluita, rispetto ai 210 milioni di dollari ($ 0,30) per azione comune diluita, guadagnati durante il secondo trimestre del 2010. Questi risultati riflettono rispettivamente aumenti del 46% e 47%.

"Siamo lieti di annunciare un trimestre in rialzo, con guadagni per azione in crescita del 47% rispetto all'anno scorso", ha dichiarato il Presidente e CEO Kelly S. King. "La crescita è stata sostenuta da una qualità del credito notevolmente superiore e da prestazioni solide in tutte le nostre linee di business. Le entrate nette del trimestre in corso ammontano a 2,2 miliardi di dollari, in crescita del 28% circa su base annua rispetto al primo trimestre di quest'anno. Questo aumento è stato generato da costi di finanziamento più bassi, commissioni d'assicurazione maggiori e perdite inferiori per vendite difficili del prestito.

"Il nostro margine d'interesse netto è migliorato raggiungendo un solido 4,15% nel secondo trimestre rispetto al 4,01% dell'ultimo trimestre", ha dichiarato King. "Il nostro portafoglio di crediti acquisiti continua ad essere di estremo rilievo e ha migliorato la previsione del margine rispetto all'ultimo trimestre. Attualmente stimiamo che il margine si manterrà tra il 4,05% e il 4,10% durante il resto del 2011. Inoltre, sta traendo vantaggio da un equilibrio finanziario più favorevole, da un minore costo dei fondi e da spread di credito più ampi.

"La velocità dei miglioramenti della qualità del nostro credito ha fatto registrare un'accelerazione durante questo trimestre", ha dichiarato King. "In particolare, la diminuzione del 25% negli afflussi delle nuove attività non produttive e i 675 milioni di dollari nelle vendite delle attività problematiche ha portato ad una diminuzione del 13% nelle attività non produttive. Durante lo scorso anno, abbiamo ridotto le attività non produttive di circa 1 miliardo di dollari al livello minimo in due anni.

"Nonostante la domanda costante ma debole, BB&T ha riportato una crescita dei prestiti su vasta scala", ha dichiarato King. "I prestiti di BB&T per l'investimento, escluso il nostro portafoglio di ADC residenziali e coperti, sono cresciuti del 3,4% su base annua. Inoltre, all'inizio del terzo trimestre abbiamo avuto un ottimo slancio, con un bilancio di fine periodo superiore di 810 milioni di dollari rispetto all'inizio del trimestre.

"Abbiamo continuato ad avere ottimi risultati con la nostra strategia di diversificazione e raccolta di depositi", ha dichiarato King. "Mentre i depositi medi dei clienti sono aumentati del 7% su base annua rispetto al primo trimestre, i conti di transazione meno costosi sono aumentati del 29%. Abbiamo ridotto il costo medio dei depositi fruttiferi dal 1,10% del secondo trimestre dell'anno scorso e dal 0,82% del trimestre precedente al 0,72% del trimestre in corso".

Caratteristiche principali delle prestazioni del secondo trimestre

  • Il margine d'interesse netto è aumentato notevolmente
    • Il margine d'interesse netto è stato del 4,15% nel secondo trimestre, un aumento di 3 punti base rispetto al secondo trimestre del 2010 e un aumento di 14 punti base rispetto al trimestre precedente
    • La previsione per il margine è di nuovo aumentata e, secondo le proiezioni attuali, il margine si manterrà tra il 4,05% e il 4,10% per tutto il 2011
  • I proventi non finanziari sono aumentati del 41,0% su base annua collegata al trimestre
    • I proventi assicurativi sono aumentati di 49 milioni di dollari o 78,6% su base annua
    • Gli oneri di servizio sono aumentati del 29,7% su base annua
    • Le commissioni sulle carte di pagamento e le carte bancarie sono aumentate rispettivamente del 39,0% e del 52,3% su base annua
    • Le entrate sull'investment banking sono migliorate del 13,8% su base annua
    • I ricavi per consulenze su fondi e investimenti sono aumentati del 18,7%
  • La velocità dei miglioramenti nelle attività problematiche è aumentata notevolmente durante il trimestre
    • Le attività non produttive (NPA) sono diminuite del 13,2% escluse le attività garantite: il 5° trimestre consecutivo con le NPA più basse
    • I TDR performing (debiti problematici totali) sono diminuiti del 10,0%, esclusi i prestiti garantiti dal governo
    • Gli afflussi di NPA sono diminuiti del 24,9%
    • I crediti insoluti sono diminuiti del 11,7%, esclusi i prestiti coperti e quelli garantiti dal governo
    • BB%T ha venduto circa 675 milioni di dollari in attività problematiche durante il trimestre
    • Gli storni netti ammontano al 1,80% di prestiti medi per il trimestre, esclusi i prestiti coperti
    • Gli storni netti centrali, esclusi i prestiti coperti e 87 milioni di dollari di storni netti correlati alla strategia di disposizione delle NPA, sono diminuiti del 11,6% e ammontano a 1,46% sui prestiti medi nel trimestre rispetto al 1,65% del trimestre precedente
  • I crediti e le locazioni totali medi per l'investimento, escluso l'impatto di ADC e il deflusso di prestiti coperti, è aumentato del 3,4% su base annua
    • I prestiti C&I medi sono aumentati del 2,6%
    • I prestiti medi originati nel gruppo di prestito specializzato sono aumentati del 11,9%
    • I mutui medi sono aumentati del 8,6%
    • I crediti di finanziamento medi nelle vendite sono aumentati del 5,9%
    • I prestiti totali medi per l'investimento sono aumentati del 0,6%
    • I prestiti ADC residenziali medi sono diminuiti del 42,5%
  • I depositi medi dei clienti sono aumentati di 1,8 miliardi di dollari o 7,1% su base annua collegata al trimestre
    • I depositi infruttiferi medi sono aumentati di 1,2 miliardi di dollari (22,2%)
    • I depositi medi dei clienti, esclusi i CD, sono aumentati di 2,5 miliardi di dollari (12,3%)
    • I costi dei depositi fruttiferi medi sono stati ridotti a 0,72% rispetto al 0,82% del primo trimestre
  • Livelli di capitale ulteriormente migliorati durante il trimestre
    • Il patrimonio netto materiale è rimasto stabile al 7,2%
    • Il capitale comune livello 1 è aumentato al 9,6%
    • Il capitale di rischio livello 1 è aumentato al 12,3%
    • Il capitale di finanziamento è aumentato al 9,5%
    • Il capitale totale è aumentato al 16,0%
    UTILI IN EVIDENZA                                   
    (milioni di                                       Variazione   Variazione
     dollari, eccetto                                   T2 11        T2 11
     i dati per azione)       T2       T1       T2        vs.          vs.
                             2011     2011     2010     T1 11        T2 10

    Reddito netto
    disponibile per gli
    azionisti
    comuni                  $ 307     $ 225    $ 210     $ 82        $ 97

    Utile diluito
    per azione comune        0,44      0,32     0,30     0,12        0,14

    Utili netti per
    interessi equivalenti

    interamente tassabili $ 1.390   $ 1.321  $ 1.392     $ 69        $ (2)

    Proventi
    non finanziari            787       714    1.039       73        (252)

             Fatturato
             totale       $ 2.177   $ 2.035  $ 2.431    $ 142      $ (254)

    Rendimento su
    attività medie (%)       0,83      0,60     0,56     0,23        0,27

    Rendimento
    delle
    azioni
    ordinarie medie(%)       7,25      5,48     5,01     1,77        2,24

    Margine d'interesse
    netto - imponibile
    equivalente (%)          4,15      4,01     4,12     0,14        0,03

    Indice di
    efficienza(1) (%)        55,8      57,1     53,7     (1,3)        2,1


    (1) Sono escluse le plusvalenze (minusvalenze) su titoli, le ipoteche non
        riscattabili, l'ammortamento dei beni immateriali, gli oneri di
        ristrutturazione e di fusione, l'impatto della contabilità perdite
        azionarie nette FDIC e altri elementi selezionati. Vedere
        Riconciliazione non-GAAP a pagina 20 del Riepilogo trimestrale dei
        rendimenti.

 

Secondo trimestre 2011 paragonato al secondo trimestre 2010

Il reddito netto consolidato disponibile per gli azionisti comuni nel secondo trimestre del 2011 di 307 milioni di dollari è stato superiore del 46,2% rispetto ai 210 milioni di dollari guadagnati durante lo stesso periodo nel 2010. Su base diluita per azione comune, i guadagni del secondo trimestre del 2011 sono stati superiori a $ 0,44, con un aumento del 46,7% rispetto ai $ 0,30 per lo stesso periodo nel 2010. I risultati delle operazioni di BB&T per il secondo trimestre del 2011 hanno prodotto un rendimento annuo su attività in media dello 0,83% e un rendimento annuo su patrimonio netto degli azionisti comuni del 7,25% rispetto ai rapporti dell'anno precedente rispettivamente dello 0,56% e del 5,01%.

I ricavi totali sono stati pari a 2,2 miliardi di dollari per il secondo trimestre del 2011, con una diminuzione di 254 milioni di dollari rispetto al secondo trimestre del 2010. La causa della diminuzione nei ricavi totali è data principalmente dal calo di 252 milioni di dollari in proventi non finanziari. Il declino in proventi non finanziari è stato principalmente il risultato di plusvalenze nette su titoli di 221 milioni di dollari rispetto all'anno precedente. I proventi non finanziari includevano 219 milioni di dollari in plusvalenze nette su titoli durante il secondo trimestre del 2010 rispetto ad una perdita netta di 2 milioni di dollari nel trimestre in corso. Inoltre, il secondo trimestre del 2011 comprendeva 27 milioni di dollari in perdite e svalutazioni correlate a crediti commerciali detenuti per la vendita in connessione con la strategia di disposizione di attività non produttive messa in atto dalla dirigenza. Esclusi questi elementi, i proventi non finanziari sono stati relativamente stabili rispetto al secondo trimestre del 2010. Il reddito da interesse netto è rimasto fondamentalmente inalterato, mentre lievi declini nei bilanci medi sono stati compensati da un margine d'interesse netto più alto. Il margine d'interesse netto è aumentato di 3 punti base rispetto al secondo trimestre del 2010, come risultato di costi di finanziamento più bassi e rese più elevate su prestiti acquisiti nell'acquisizione di Colonial.

L'accantonamento per le perdite di credito, esclusi i prestiti coperti, nel secondo trimestre del 2011 sono diminuite di 339 milioni di dollari o 52,0% rispetto al secondo trimestre del 2010, mentre una qualità del credito notevolmente superiore ha consentito di ridurre le spese di accantonamento. L'accantonamento per i prestiti coperti è aumentato di 17 milioni di dollari, compensato da un aumento corrispondente di 14 milioni di dollari in perdite azionarie nette FDIC. Gli storni netti per il secondo trimestre del 2011 si sono rivelati inferiori di 198 milioni di dollari rispetto al secondo trimestre del 2010. Il trimestre in corso comprende 87 milioni di dollari di storni netti correlati alla vendita di mutui residenziali difficoltosi rispetto ai 148 milioni di dollari del secondo trimestre del 2010. Il livello di attività non produttive, prestiti insoluti e le prospettive riguardanti le future perdite su crediti sono notevolmente migliorate durante il secondo trimestre del 2011.

È stato registrato un accantonamento di 91 milioni di dollari per imposte sul reddito per il secondo trimestre del 2011 rispetto ai 25 milioni di dollari per il secondo trimestre del 2010. Questo ha portato ad un'aliquota fiscale effettiva per il secondo trimestre del 2011 del 21,8% rispetto al 10,0% del secondo trimestre dell'anno precedente. L'aumento dell'aliquota fiscale effettiva è da attribuire principalmente a livelli più alti degli utili al lordo delle imposte nel 2011 rispetto al 2010.

Secondo trimestre 2011 paragonato al primo trimestre 2011

Il reddito netto consolidato disponibile per gli azionisti comuni per il secondo trimestre del 2011 di 307 milioni di dollari è stato superiore di 82 milioni di dollari (146,2% su base annua) rispetto ai 225 milioni di dollari guadagnati durante il primo trimestre del 2011. Su base diluita per azione comune, i guadagni per il secondo trimestre del 2011 sono stati di $ 0,44 fino a $ 0,12 (150,4% su base annua) rispetto all'importo guadagnato nel primo trimestre del 2011. I risultati delle operazioni di BB&T per il secondo trimestre del 2011 hanno prodotto un rendimento annuo su attività in media dello 0,83% e un rendimento annuo su patrimonio netto degli azionisti comuni del 7,25% rispetto ai rapporti dell'anno precedente rispettivamente dello 0,60% e del 5,48%.

I ricavi totali sono stati pari a 2,2 miliardi di dollari nel secondo trimestre del 2011, in crescita di 142 milioni di dollari rispetto al primo trimestre del 2011. L'incremento dei ricavi totali è stato favorito dall'aumento dei proventi da interessi netti e dei proventi non finanziari del secondo trimestre del 2011 rispetto al trimestre precedente. I proventi non finanziari sono cresciuti di 73 milioni di dollari rispetto al primo trimestre del 2011. L'incremento di proventi non finanziari ha incluso un aumento pari a 49 milioni di dollari in proventi assicurativi e una diminuzione di 47 milioni di dollari in perdite e svalutazioni su prestiti commerciali detenuti per la vendita. Questi aumenti in proventi non finanziari sono stati parzialmente compensati da un declino pari a 23 milioni di dollari collegato alle attività di ripartizione delle perdite azionarie nette FDIC. I proventi da interessi netti equivalenti interamente tassabili sono diminuiti di 69 milioni di dollari rispetto al primo trimestre del 2011, soprattutto a causa di un aumento di 14 punti base nel margine d'interesse netto che ha tratto vantaggio dai costi di finanziamento più bassi e da rese più elevate su prestiti coperti.

Il valore dell'accantonamento per perdite su crediti, esclusi i prestiti coperti, per il secondo trimestre 2011 è diminuito di 27 milioni di dollari rispetto al primo trimestre del 2011, grazie al miglioramento delle tendenze del credito. Il valore degli accantonamenti per i prestiti coperti è aumentato di 15 milioni di dollari, compensati da un corrispondente aumento di 12 milioni di dollari di entrate derivanti dalla ripartizione delle perdite azionarie nette FDIC. Gli storni netti di crediti per il secondo trimestre del 2011 sono stati superiori di 40 milioni di dollari rispetto al primo trimestre del 2011, poiché il trimestre in corso includeva 87 milioni di storni legati alla vendita di mutui residenziali difficoltosi.

L'accantonamento per le imposte sul reddito era pari a 91 milioni di dollari per il secondo trimestre del 2011, rispetto ai 53 milioni di dollari del primo trimestre del 2011. Ciò ha prodotto un'aliquota fiscale effettiva per il secondo trimestre del 2011 pari al 21,8%, rispetto al 18,5% del trimestre precedente.


   
    RICAVI, AL NETTO
    DELL'IMPATTO DI ACCANTONAMENTO                        
       DA ATTIVITÀ                                      Variazione  Variazione
       ACQUISITE (1)                                       T2 11       T2 11
                                T2       T1       T2        vs.         vs.
    (milioni di dollari)       2011     2011     2010      T1 11       T2 10

    Proventi finanziari -
    crediti                   $ 279    $ 266    $ 245       $ 13        $ 34

    Proventi finanziari -
    titoli                       43       37       35          6           8

            Totale proventi
            finanziari          322      303      280         19          42

    Accantonamento per prestiti
    coperti                     (15)      --        2        (15)        (17)

    Entrate da ripartizione perdite
    azionarie FDIC, al netto    (81)     (58)     (78)       (23)         (3)

            Ricavi al netto
            degli accantonamenti
            per prestiti
            coperti           $ 226    $ 245    $ 204      $ (19)       $ 22


    (1) Importi attuali relativi a prestiti coperti e e acquisiti, titoli
        coperti e attività derivanti da ripartizione delle perdite FDIC
        riconosciute nell'acquisizione di Colonial. Sono esclusi tutti gli
        importi relativi alle altre attività acquisite e responsabilità
        assunte nell'acquisizione.

Secondo trimestre 2011 paragonato al secondo trimestre 2010

I proventi finanziari per il secondo trimestre del 2011 su prestiti e titoli acquisiti nell'acquisizione di Colonial sono cresciuti di 42 milioni di dollari rispetto al secondo trimestre del 2010, parzialmente compensato dalla riduzione delle perdite azionarie nette FDIC. Gran parte dell'incremento è legato ai prestiti e rispecchia i maggiori flussi di cassa previsti in base al processo di rivalutazione del flusso di cassa trimestrale necessario per la contabilità dell'acquisizione. La resa su prestiti coperti e gli altri prestiti acquisiti per il secondo trimestre del 2011 è stata del 19,61%, rispetto al 13,48% del 2010. Al 30 giugno 2011, il saldo del rendimento realizzabile per questi crediti era di 2,5 miliardi di dollari. La differenza tra il valore dei prestiti iscritti a bilancio dalle banche e il flusso di cassa che dovrebbero produrre, indica l'eccedenza dei flussi di cassa futuri sull'importo contabile netto dei redditi e verrà riconosciuto negli utili nella durata rimanente dei prestiti coperti e acquisiti.

L'accantonamento per i prestiti coperti nel trimestre corrente è stato di 15 milioni di dollari, un aumento di 17 milioni di dollari rispetto al secondo trimestre del 2010. La rivalutazione del secondo trimestre del 2011 ha indicato una riduzione dei flussi di cassa previsti in alcuni gruppi di prestiti, che ha causato accantonamenti aggiuntivi compensati parzialmente dai recuperi degli altri gruppi di prestiti precedentemente compromessi.

Le perdite azionarie nette FDIC sono state leggermente inferiori rispetto al secondo trimestre del 2010.

Secondo trimestre 2011 paragonato al primo trimestre 2011

Il valore dei proventi finanziari su crediti e titoli acquisiti nell'acquisizione di Colonial è aumentato di 19 milioni di dollari nel secondo trimestre del 2011, rispetto al primo trimestre. Il rendimento sui prestiti coperti e sugli altri prestiti acquisiti del secondo trimestre del 2011 è stato del 19,61%, un valore leggermente superiore al 18,09% del trimestre precedente a causa della rivalutazione del secondo trimestre.

Il valore degli accantonamenti per i prestiti coperti è aumentato di 15 milioni di dollari nel secondo trimestre del 2011, compensato da un corrispondente aumento di 12 milioni di dollari di entrate derivanti dalla ripartizione delle perdite azionarie nette FDIC.

Le perdite azionarie FDIC nette sono diminuite di 23 milioni di dollari principalmente a causa dell'impatto delle rivalutazioni del flusso di cassa, parzialmente compensate dall'accantonamento di prestiti coperti.


   

    PROVENTI
    NON FINANZIARI                                    
    (milioni di                                     Variazioni %  Variazioni %
    dollari)                T2      T1        T2       T2 11 vs.     T2 11 vs.
                           2011    2011      2010      T1 11         T2 10
                                                   (su base annua)

    Proventi assicurativi $ 299   $ 250     $ 287       78,6          4,2

    Oneri di servizio
    su depositi             145     135       164       29,7        (11,6)

    Proventi da
    ipoteche                 83      95       110      (50,7)       (24,5)

    I costi e le
    commissioni del
    banking investment
    e del brokeraggio        90      87        91       13,8         (1,1)

    Commissioni sulle carte
    di pagamento             79      72        70       39,0         12,9

    Altre costi e
    commissioni non
    finanziari               66      67        63       (6,0)         4,8

    Commissioni e
    sconti di commercio
    sulle carte bancarie     52      46        45       52,3         15,6

    Ricavi per
    consulenze su
    fondi e investimenti     45      43        39       18,7         15,4

    Proventi da
    assicurazioni sulla vita
    detenute dalla banca     29      30        31      (13,4)        (6,5)

    Entrate da ripartizione
    perdite azionarie FDIC,
    al netto                (81)    (58)      (78)     159,1          3,8

    Plusvalenze (minusvalenze)
    su titoli, al netto      (2)     --       219         NS       (100,9)

    Altri proventi          (18)    (53)       (2)        NS           NS

           Totale
           proventi
           non finanziari $ 787   $ 714   $ 1.039       41,0        (24,3)

    NS: non significativo.

Secondo trimestre 2011 paragonato al secondo trimestre 2010

I proventi non finanziari sono stati pari a 787 milioni di dollari per il secondo trimestre del 2011 rispetto ai 1,0 miliardi di dollari del secondo trimestre del 2010. Gli oneri di servizio sui depositi si sono ridotti di 19 milioni di dollari (11,6%) principalmente a causa di modifiche nelle politiche di scoperto da BB&T nel corso del terzo trimestre del 2010, in parte come risposta a modifiche normative. I redditi dovuti a mutui bancari si sono ridotti di 27 milioni di dollari (24,5%) rispetto allo stesso periodo del 2010. La diminuzione dei proventi da mutui bancari è stata favorita da una diminuzione di 33 milioni di dollari dei proventi da mutui bancari residenziali dovuta alla riduzione dei volumi e parzialmente compensata da un aumento del 6% delle attività relative ai mutui bancari commerciali risultante da un miglioramento delle condizioni del mercato. I costi delle carte di pagamento sono aumentati di 9 milioni di dollari (12,9%), mentre i costi delle carte bancarie e gli sconti di commercio sono aumentati di 7 milioni di dollari (15,6%), soprattutto grazie all'aumento dei volumi.   I ricavi per consulenze su fondi e investimenti hanno tratto vantaggio dal miglioramento delle condizioni di mercato e sono cresciute di 6 milioni (15,4%), rispetto al secondo trimestre del 2010. I guadagni netti dei titoli sono diminuiti di 221 milioni di dollari rispetto al trimestre dell'anno precedente, 208 milioni di dollari da minori vendite durante il trimestre in corso e di 13 milioni di dollari in limitazioni maggiori non temporanee. Altri proventi si sono ridotti di 16 milioni di dollari rispetto al secondo trimestre del 2010, principalmente a causa di 27 milioni di dollari di perdite e svalutazioni registrate su prestiti commerciali detenuti per la vendita durante il trimestre in corso connessa alla strategia di disposizione delle attività non produttive adottata dalla direzione.

Secondo trimestre 2011 paragonato al primo trimestre 2011

I proventi non finanziari del secondo trimestre del 2011 hanno registrato una crescita di 73 milioni di dollari rispetto al primo trimestre del 2011. I proventi assicurativi sono aumentati di 49 milioni di dollari (78,6% su base annua) rispetto al primo trimestre del 2011, principalmente a causa di un secondo trimestre più forte in base alla stagione. Gli oneri di servizio sui depositi sono aumentati di 10 milioni di dollari (29,7% su base annua), principalmente a causa della combinazione di ricavi superiori e costi di scoperto e della realizzazione di nuove offerte di servizi. I redditi dovuti a mutui bancari sono diminuiti di 12 milioni di dollari rispetto al trimestre precedente a causa di una riduzione dei proventi dalle attività di mutuo bancario residenziale per vendite ridotte e margini inferiori. I costi della carte di pagamento sono aumentati di 7 milioni di dollari (39,0% su base annua), mentre i costi delle carte bancarie e gli sconti di commercio sono aumentati di 6 milioni di dollari (52,3% su base annua), soprattutto grazie all'aumento dei volumi.   Le perdite azionarie nette FDIC sono diminuite di 23 milioni di dollari rispetto al primo trimestre del 2011 soprattutto in conseguenza dell'impatto delle rivalutazioni del flusso di cassa e dell'accantonamento di prestiti coperti. Altri proventi sono aumentati di 35 milioni di dollari rispetto al primo trimestre del 2011. L'aumento di altri proventi comprende perdite e svalutazioni inferiori di 47 milioni di dollari su prestiti commerciali detenuti per la vendita e 10 milioni di dollari in profitti inferiori sulla negoziazione di attività per il trattamento di fine rapporto, compensato dai costi del personale.


   

    ONERI
    NON FINANZIARI                                          
    (milioni di                                     Variazioni % Variazioni %
    dollari)                   T2       T1       T2    T2 11 vs.     T2 11 vs.
                              2011     2011     2010   T1 11         T2 10
                                                   (su base annua)

    Spese del personale      $ 683    $ 694    $ 649     (6,4)         5,2

    Spese per
    proprietà pignorata        145      143      240      5,6        (39,6)

    Spese per
    edifici e attrezzature     152      154      158     (5,2)        (3,8)

    Servizi
    professionali               84       71       86     73,4         (2,3)

    Oneri normativi             59       61       46    (13,2)        28,3

    Spese di elaborazione
    del prestito                49       53       47    (30,3)         4,3

    Ammortamento dei
    beni immateriali            25       26       32    (15,4)       (21,9)
    Spese relative
    al software                 29       26       30     46,3         (3,3)

    Oneri relativi a
    fusioni e
    ristrutturazioni, al netto   2       (2)      38       NS        (94,7)

    Altre spese                167      146      174     57,7         (4,0)

            Totale
            oneri
            non finanziari $ 1.395  $ 1.372  $ 1.500      6,7         (7,0)

    NS: non significativo.

Secondo trimestre 2011 paragonato al secondo trimestre 2010

Gli oneri non finanziari sono stati di 1,4 miliardi di dollari per il secondo trimestre del 2011, una diminuzione di 105 milioni di dollari (7,0%) rispetto allo stesso trimestre del 2010. La spesa per il personale è aumentata di 34 milioni di dollari (5,2%), rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. Questo include un aumento di 15 milioni di dollari derivante dalla spesa per gli incentivi, in gran parte legata alle attività relative alla produzione, e un aumento di 4 milioni di dollari relativo alle spese di compensazione basata sulle azioni. Inoltre, i costi per il personale sono aumentati di 14 milioni di dollari per i costi previdenziali e altri benefici. La spese per le proprietà pignorate sono diminuite di 95 milioni di dollari (39,6%), rispetto allo stesso trimestre del 2010, in gran parte come risultato della riduzione delle perdite e delle svalutazioni sulle proprietà pignorate. Gli oneri di legge sono aumentati di 13 milioni di dollari (28,3%), a causa dei costi di deposito e di supervisione più alti. Gli oneri di ristrutturazione e di fusione per il secondo trimestre del 2011 sono diminuite di 36 milioni di dollari rispetto allo stesso periodo del 2010 poiché il secondo trimestre dell'anno precedente includeva le spese relative all'acquisizione di Colonial.

Secondo trimestre 2011 paragonato al primo trimestre 2011

Il valore degli oneri non finanziari nel secondo trimestre 2011 è aumentato di 23 milioni di dollari (6,7% su base annua) rispetto al primo trimestre 2011. I costi per il personale sono aumentati di 11 milioni di dollari (6,4% su base annua). Ciò comprende una diminuzione delle spese legate alle tasse per disoccupazione e previdenza sociale, così come ai costi per il trattamento di fine rapporto compensati da proventi non finanziari più bassi. Queste riduzioni sono state parzialmente compensate dai costi per incentivi e stipendi più alti. I servizi professionali sono aumentati di 13 milioni di dollari (73,4% su base annua), soprattutto a causa delle competenze legali e i costi delle entrate delle attività produttive. Altri oneri non finanziari sono aumentati di 21 milioni (57,7% su base annua) rispetto al primo trimestre del 2011. L'aumento degli altri oneri non finanziari include l'aumento di 13 milioni di dollari in perdite operative dovute in gran parte ad un recupero registrato nel trimestre precedente.


   

    CREDITI E LOCAZIONI -                                                 
    saldi medi                                      Variazione % Variazione %
    (milioni di dollari)       T2       T1       T2    T2 11 vs.   T2 11 vs.
                              2011     2011     2010   T1 11       T2 10
                                                    (su base annua)

    Commerciale e
    industriale            $ 33.647  $ 33.433  $ 31.691    2,6       6,2

    Settore immobiliare
    commerciale              11.287    11.368    12.223   (2,9)     (7,7)

    Settore immobiliare
    residenziale ADC          2.933     3.281     5.165  (42,5)    (43,2)

    Prestiti diretti al
    dettaglio                13.629    13.672    13.994   (1,3)     (2,6)

    Crediti finanziamento
    vendite                   7.184     7.080     6.729    5,9       6,8

    Crediti revolving         2.070     2.082     2.002   (2,3)      3,4

    Mutui
    residenziali             18.311    17.926    15.586    8,6      17,5

    Prestito specializzato    8.029     7.797     7.645   11,9       5,0

    Altri prestiti acquisiti     53        57        96  (28,1)    (44,8)

       Totale crediti e
       contratti di locazione
       detenuti per
       l'investimento
           (sono esclusi
            i prestiti
            coperti)         97.143    96.696    95.131    1,9       2,1

    Prestiti coperti          5.625     5.927     7.162  (20,4)    (21,5)
       Totale crediti e
       contratti di
       locazione detenuti
       per investimento   $ 102.768 $ 102.623 $ 102.293    0,6       0,5

Secondo trimestre 2011 paragonato al secondo trimestre 2010

I prestiti medi detenuti per gli investimenti per il secondo trimestre del 2011 sono stati di 102,8 miliardi di dollari, con un aumento di 475 milioni di dollari rispetto al periodo corrispondente del 2010. I prestiti commerciali e industriali medi sono aumentati di 2,0 miliardi di dollari (6,2%) rispetto al secondo trimestre del 2010. La crescita nei prestiti commerciali e industriali medi riflette gli sforzi mirati della direzione per aumentare questo componente del portafoglio dei prestiti. Il settore immobiliare commerciale medio, il settore immobiliare commerciale e ADC residenziale, sono calati rispettivamente del 43,2% e del 7,7% rispetto al secondo trimestre del 2010 poiché la direzione ha intenzionalmente abbassato le esposizioni al prestito per il settore immobiliare a più alto rischio durante la congiuntura economica negativa. Il valore medio dei crediti diretti al dettaglio per il secondo trimestre del 2011 è diminuito di 365 milioni di dollari (2,6%) a causa della diminuzione dei crediti per lotti e terreni residenziali e della minor domanda di credito legato agli alloggi per la maggior parte dell'esercizio 2010. Il valore medio dei crediti ipotecari è aumentato di 2,7 miliardi di dollari (17,5%) rispetto al secondo trimestre 2010, a seguito della decisione di trattenere una parte delle ipoteche a tasso fisso e variabile di durata 10-15 anni a partire dal terzo trimestre 2010. I valori medi del credito al consumo e revolving hanno continuato a far registrare una crescita stabile, aumentando rispettivamente di 455 milioni (6,8%) e di 68 milioni di dollari (3,4%) rispetto al secondo trimestre 2010. L'aumento medio del credito sulle vendite riflette il miglioramento nel credito per quanto riguarda il settore automobilistico. Inoltre i prestiti specializzati medi sono aumentati di 384 milioni di dollari (5,0%), poiché la maggior parte di queste società di nicchia sono cresciute. I prestiti medi totali detenuti per gli investimenti includono un calo di 1,6 miliardi di dollari (21,8%) nei prestiti medi coperti o in altri prestiti acquisiti rispetto al secondo trimestre del 2010.

Secondo trimestre 2011 paragonato al primo trimestre 2011

I prestiti medi detenuti per gli investimenti per il secondo trimestre del 2011 sono aumentati di 145 milioni di dollari (0,6% annuo) rispetto al primo trimestre del 2011. I prestiti e i leasing medi commerciali e industriali sono aumentati di 214 milioni di dollari (2,6% annuo) rispetto al primo trimestre del 2011 grazie agli sforzi mirati per aumentare questo componente del portafoglio dei prestiti. Il settore immobiliare commerciale medio, settore immobiliare commerciale e ADC residenziale, sono calati rispettivamente del 42,5% e del 2,9% su base annua rispetto al primo trimestre del 2011 a causa dell'obiettivo della direzione di diversificare il mix del portafoglio di prestiti commerciali e di abbassare l'esposizione al prestito per il settore immobiliare a più alto rischio. I prestiti medi al dettaglio diretti sono diminuiti del 1,3% annuo (43 milioni di dollari) rispetto al primo trimestre del 2011. La domanda di prestiti per il capitale domestico è aumentata durante il trimestre in corso e il saldo alla fine del periodo relativo ai prestiti al dettaglio diretti è stata maggiore a partire dal 30 giugno 2011, rispetto al trimestre precedente. I mutui medi sono cresciuti di 385 milioni di dollari (8,6% annuo) rispetto al primo trimestre del 2011, poiché la direzione continua a mantenere alcuni mutui detenuti per il portafoglio degli investimenti. La crescita in questo portafoglio è un po' diminuita rispetto ai trimestri precedenti a causa di un calo nei mutui e della vendita di circa 271 milioni di dollari di mutui residenziali difficoltosi, la maggior parte dei quali non erano di competenza. I prestiti specializzati medi sono diminuiti di 232 milioni di dollari (11,9% annuo) rispetto al primo trimestre del 2011, in gran parte come risultato della crescita dei piccoli prestiti al consumo e del miglioramento nel finanziamento dei premi assicurativi. I prestiti medi totali detenuti per gli investimenti includono un calo di 306 milioni di dollari (20,5% annuo), nei prestiti coperti e negli altri prestiti acquisiti medi rispetto al primo trimestre del 2011.


   

    PRESTI DETENUTI
    PER LA VENDITA -
    fine del
    periodo                                       
    (milioni di                                   Variazione %   Variazione %
    dollari)           T2        T1        T2        T2 11 vs.      T2 11 vs.
                      2011      2011      2010       T1 11          T2 10
                                                 (su base annua)

    Mutuo
    residenziale   $ 1.745   $ 1.943   $ 1.981      (40,9)       (11,9)

    Mutuo
    commerciale        104       166        63     (149,8)        65,1

    Commerciale        116       203       127     (171,9)        (8,7)

      Totale
      prestiti
      detenuti per
      la vendita   $ 1.965   $ 2.312   $ 2.171      (60,2)        (9,5)

Secondo trimestre 2011 paragonato al secondo trimestre 2010

Al 30 giugno 2011, i prestiti detenuti per la vendita ammontavano a 2,0 miliardi di dollari, una diminuzione di 206 milioni di dollari rispetto ai 2,2 miliardi di dollari del 30 giugno 2010.

Un totale di 1,9 miliardi di dollari in saldi di capitale non pagato nei prestiti commerciali è stato trasferito in prestiti detenuti per la vendita secondo la strategia di disposizione degli investimenti non produttivi durante il 2010. Di questa somma, solo 232 milioni di dollari rimangono per la vendita al 30 giugno 2011 con un valore contabile di 116 milioni di dollari. La percentuale di perdita maturata sui prestiti commerciali che era parte di questa strategia è stata del 52%.

Secondo trimestre 2011 paragonato al primo trimestre 2011

Al 30 giugno 2011, i crediti detenuti per la vendita ammontavano a 2,0 miliardi di dollari, con una diminuzione di 347 milioni di dollari rispetto ai 2,3 miliardi di dollari del 31 marzo 2011. La diminuzione del valore dei crediti per la vendita rispetto al trimestre precedente comprende una riduzione di 73 milioni di dollari di crediti commerciali detenuti per la vendita in connessione con la strategia adottata dal management per le attività non produttive. La riduzione comprende inoltre 14 milioni di dollari legati ad un unico prestito redditizio trasferito ai prestiti detenuti per la vendita nel primo trimestre del 2011 e venduto ai primi di aprile. I mutui residenziali detenuti per la vendita sono diminuiti di 198 milioni rispetto al saldo al 31 marzo 2011 a causa di una diminuzione nella domanda di mutui.


   

    DEPOSITI - saldi medi                           Variazione % Variazione %
    (milioni di dollari)      T2        T1       T2    T2 11 vs.  T2 11 vs.
                             2011      2011     2010   T1 11      T2 10
                                                   (su base annua)

    Depositi
    infruttiferi         $ 22.151  $ 20.990  $ 19.346    22,2       14,5

    Interessi attivi        4.201     3.594     3.905    67,7        7,6

    Depositi di altri
    clienti                56.618    55.909    50.207     5,1       12,8

    Certificati di deposito
    clienti                20.408    21.081    28.745   (12,8)     (29,0)

    Totale depositi
    clienti               103.378   101.574   102.203     7,1        1,1

    Altri
    depositi
    fruttiferi              3.088     4.040     4.857   (94,5)     (36,4)

      Totale depositi   $ 106.466 $ 105.614 $ 107.060     3,2       (0,6)

Secondo trimestre 2011 paragonato al secondo trimestre 2010

I depositi medi del secondo trimestre 2011 sono diminuiti lievemente rispetto allo stesso periodo del 2010. Il mix di portafoglio ha continuato a migliorare con l'aumento del valore dei depositi infruttiferi e dei depositi dei clienti, a costo inferiore, oltre che a seguito della riduzione dei certificati di deposito clienti. Le categorie di depositi con la crescita più alta per il secondo trimestre del 2011 rispetto allo stesso trimestre del 2010 sono stati i depositi infruttiferi, che sono aumentati di 2,8 miliardi di dollari (14,5%), e altri depositi dei clienti che includono i conti di deposito di mercato monetario, i conti correnti, fondi pensione individuali e altri depositi vincolati, che sono aumentati di 6,4 miliardi di dollari (12,8%). Gli altri depositi fruttiferi che sono principalmente depositi in eurodollari e certificati di depositi negoziabili sono calati di 1,8 miliardi di dollari e i certificati di deposito dei clienti sono diminuiti di 8,3 miliardi di dollari rispetto al secondo trimestre del 2010.

Secondo trimestre 2011 paragonato al primo trimestre 2011

I depositi medi del secondo trimestre del 2011 sono aumentati di 852 milioni di dollari (3,2% su base annua) rispetto al primo trimestre del 2011. I depositi dei clienti aumentati in media di 1,8 miliardi di dollari (7,1% su base annua) rispetto al primo trimestre del 2011. Ciò include una crescita di 1,2 miliardi di dollari (22,2% su base annua) in depositi infruttiferi. Inoltre, i depositi medi a cedola e altri depositi cliente medi sono aumentati rispettivamente di 607 milioni di dollari (67,7% su base annua) e 709 milioni di dollari (5,1% su base annua) rispetto al primo trimestre del 2011. Questi aumenti sono stati parzialmente compensati da un declino di 673 milioni di dollari (12,8% su base annua) dei certificati di deposito cliente. Il cambiamento nel mix del portafoglio riflette la crescita dei depositi dei clienti più a basso costo. Gli altri depositi fruttiferi sono diminuiti di 1,0 miliardi di dollari rispetto al primo trimestre del 2011. Questa fonte di finanziamento è soggetta ad una maggiore volatilità poiché è utilizzata in modo intercambiabile con i fondi a prestito di breve termine.


   

    COEFFICIENTI PATRIMONIALI (1)            2011                 2010
                                          T2      T1       T4      T3      T2

    In base al rischio
              Livello 1 (%)             12,3    12,1     11,8    11,7    11,7
              Totale (%)                16,0    15,8     15,5    15,7    15,8

    Rapporto di indebitamento (%)        9,5     9,3      9,1     9,3     8,9
              Patrimonio
              netto
              materiale (%)(2)           7,2     7,2      7,1     7,0     7,0

    Capitale comune Livello 1 su
    attività ponderate in base
    al rischio (%)(2)                    9,6     9,3      9,1     9,0     8,9

    (1) I coefficienti patrimoniali dell'attuale trimestre sono preliminari.

    (2) I rapporti del capitale comune tangibile e del capitale comune
        Livello 1 sono misure non GAAP. BB&T utilizza la definizione di
        capitale comune Livello 1 usata nella valutazione SCAP per calcolare
        questi rapporti. Vedere il calcolo e la gestione che determinano
        l'uso di questi indici a pagina 18 del Riepilogo trimestrale dei
        rendimenti.

I livelli patrimoniali di BB&T al 30 giugno 2011 rimangono consistenti. Tutte le misurazioni del capitale di BB&T sono migliorate rispetto al 31 marzo 2011. Il rapporto del capitale di rischio Livello 1 e il rapporto tra le attività ponderate per il rischio e il capitale comune Livello 1 erano rispettivamente 12,3% e 9,6% rispetto al 12,1% e 9,3% del 31 marzo 2011. BB&T ha dichiarato dividendi totali di $ 0,16 durante il secondo trimestre del 2011, che riflette un dividendo trimestrale del 36% per il trimestre in corso.


    

    QUALITÀ DELL'ATTIVITÀ (1)                                             
    (milioni di                                       Variazione   Variazione
    dollari)                 T2        T1        T2     T2 11 vs.   T2 11 vs.
                            2011      2011      2010    T1 11       T2 10

    Totale
    attività
    non produttive       $ 3.353    $ 3.863    $ 4.327   $ (510)     $ (974)

    Totale crediti
    esigibili a 90 giorni
    e ancora
    in maturazione           203        263        278      (60)        (75)

    Totale crediti
    esigibili a
    30-89 giorni           1.000      1.099      1.488      (99)       (488)

    Detrazione per
    perdite su crediti
    e locazioni            2.357      2.497      2.706     (140)       (349)

    Totale
    ristrutturazione
    TDR                    1.178      1.309      1.891     (131)       (713)

    Crediti e
    locazioni
    non produttivi
    come percentuale del
    totale
    Crediti e
    locazioni (%)           2,18       2,64       2,97    (0,46)      (0,79)

    Attività non
    produttive
    come percentuale delle
    attività totali (%)     2,18       2,56       2,93    (0,38)      (0,75)

    Detrazione per
    perdite su crediti
    e locazioni
    come percentuale dei
    crediti e
    locazioni detenuti
    per l'investimento (%)  2,41        2,58       2,84    (0,17)      (0,43)

    Storni
    netti come
    percentuale
    di crediti
    e locazioni
    medie (%)
    su base annua           1,80        1,65       2,66     0,15       (0,86)

    Rapporto per
    detrazione per
    crediti e locazioni
    per storni
    netti
    (volte)
    su base annua           1,32        1,52       1,05    (0,20)       0,27

    Rapporto per
    detrazione per
    crediti e
    locazioni su
    crediti e
    locazioni
    non produttivi detenuti
    per
    l'investimento
    (volte)                 1,14        1,03       0,98     0,11        0,16


    (1) Sono esclusi gli importi relativi alle attività garantite e ai
        prestiti garantiti da governi. Vedere le note a piè pagina relative
        a Qualità del credito a partire da pagina 12 del Riepilogo
        trimestrali dei rendimenti per ulteriori informazioni.

La qualità delle attività è migliorata notevolmente durante il secondo trimestre del 2011. Le attività non produttive totali sono al 30 giugno 2011 ammontavano a 3,4 miliardi di dollari, una diminuzione di 510 milioni di dollari (13,2%) rispetto al 31 marzo 2011 a causa di una diminuzione del 24,9% degli afflussi non di competenza e delle vendite di mutui residenziali difficoltosi. Questo è il quinto declino trimestrale consecutivo delle attività non produttive.

Le ristrutturazioni di debiti problematici totali ("TDR"), esclusi i prestiti garantiti dal governo, erano pari a 1,2 miliardi di dollari al 30 giugno 2011, un calo di 131 milioni di dollari (10,0%) rispetto al 31 marzo 2011. I TDR performing commerciali hanno rappresentato la maggior parte della riduzione e sono diminuiti di 120 milioni di dollari rispetto al primo trimestre del 2011.

Inoltre, la situazione dei crediti insoluti è migliorata nel corso del secondo trimestre del 2011. I crediti esigibili a 30-89 giorni e ancora in maturazione, esclusi i prestiti garantiti dal governo, ammontavano a 1,0 miliardi di dollari al 30 giugno 2011, con una diminuzione di 99 milioni (9,0%) rispetto al 31 marzo 2011, che riflette il saldo più basso dal secondo trimestre 2007. I crediti esigibili a 90 giorni e ancora in maturazione, esclusi i prestiti coperti dal governo, ammontavano a 203 milioni di dollari al 30 giugno 2011, una diminuzione di 60 milioni di dollari (22,8%) rispetto al 31 marzo 2011 che rispecchia il saldo più basso dal terzo trimestre 2007.

Gli storni netti durante il secondo trimestre del 2011 ammontavano al 1,80% dei crediti e delle locazioni medie, esclusi i prestiti coperti, rispetto al 1,65% del primo trimestre del 2011 e al 2,66% durante il secondo trimestre del 2010. Gli storni netti ammontavano a 444 milioni di dollari per il secondo trimestre del 2011, compresi 87 milioni di dollari legati alla vendita di mutui residenziali difficoltosi. Escludendo 87 milioni di storni netti per il trimestre in corso, il rapporto di storni netti è stato del 1,46% (riduzione di 19 punti base) rispetto al primo trimestre del 2011. La riduzione degli storni netti rispecchia il miglioramento continuo nel portafoglio di prestiti e un livello più basso di attività problematiche.

Al 30 giugno 2011, la detrazione per perdite su crediti e locazioni è stata del 2,41% sul totale dei crediti e delle locazioni detenuti per investimento, esclusi i prestiti coperti, rispetto al 2,58% registrato il 31 marzo del 2011 e al 2,84% del 30 giugno 2010. La diminuzione della detrazione come percentuale dei crediti totali riflette il miglioramento della qualità complessiva del portafoglio di prestiti. La detrazione per perdite su crediti e locazioni è stata del 114% sul totale dei crediti e delle locazioni per investimento non produttivi, esclusi i prestiti coperti, un miglioramento di 11 punti base rispetto al 103% al 31 marzo 2011.

Webcast sui profitti, presentazione e Riepilogo trimestrale dei rendimenti

Per ascoltare un webcast live della teleconferenza sui profitti del secondo trimestre 2011 di BB&T alle 8.00 (fuso della costa orientale degli Stati Uniti) di oggi, visitare il nostro sito Web http://www.BBT.com. Durante la teleconferenza sui profitti, si utilizzerà una presentazione che sarà disponibile sul nostro sito Web. Sul sito Web di BB&T saranno disponibili le repliche della teleconferenza fino a 05 agosto 2011, oppure chiamando il numero 1-888-203-1112 (codice di accesso 4313363) fino a 26 luglio 2011.

Per accedere al webcast e alla presentazione, che comprende un'appendice riassuntiva sugli elementi non GAAP, accedere all'indirizzo http://www.BBT.com e fare clic su "About BB&T", quindi su "Investor Relations". Il collegamento al webcast è disponibile nella sezione "Webcasts" e la presentazione è accessibile nella sezione "View Recent Presentations".

Il riepilogo trimestrale dei rendimenti per il secondo trimestre 2011 di BB&T, contenente programmazioni finanziarie dettagliate, è disponibile sul sito Web di BB&T all'indirizzo http://www.BBT.com/financials.html.

Informazioni su BB&T

Al 30 giugno 2011, BB&T rappresenta una delle holding di servizi finanziari più grandi negli Stati Uniti con 159 miliardi di dollari di attività e una capitalizzazione di mercato di 18,7 miliardi di dollari. Con sede a Winston-Salem, N.C., la società gestisce circa 1.800 centri finanziari in 12 Stati e a Washington D.C., offrendo una gamma completa di prodotti rivolti ai privati e alle imprese, intermediazione su titoli, gestione patrimoniale, mutui, prodotti e servizi assicurativi. Presente nell'elenco Fortune 500, BB&T si distingue costantemente per l'eccellenza nel soddisfare i clienti, come riconosciuto da JD Power and Associates, US Small Business Administration, Greenwich Associates e altri. Ulteriori informazioni su BB&T e sulla sua linea completa di prodotti e servizi sono disponibili sul sito http://www.BBT.com.

I coefficienti patrimoniali dell'attuale trimestre sono preliminari. I dati della qualità del credito escludono i prestiti coperti e garantiti dal governo, se possibile.

Questa nuova pubblicazione contiene le informazioni finanziarie e le misure sui rendimenti stabilite attraverso metodi diversi da quelli che seguono i principi di contabilità generalmente accettati negli Stati Uniti ("GAAP"). Il management di BB&T utilizza questi indici "non GAAP" per l'analisi dei risultati societari. Il management di BB&T utilizza tali indici per valutare i risultati sottostanti e l'efficienza delle proprie operazioni. Si ritiene che tali indici non GAAP consentano di comprendere meglio le operazioni in corso e di rendere meglio confrontabili i risultati con quelli dei periodi precedenti, oltre che di evidenziare gli effetti dei profitti e degli oneri significativi per quanto riguarda il periodo in corso. La società ritiene che per un'analisi significativa dei risultati finanziari sia necessario comprendere i fattori alla base di tali risultati. Il management di BB&T ritiene che gli investitori possano utilizzare questi indici non GAAP per analizzare i risultati finanziari senza l'impatto di elementi insoliti che potrebbero occultare le tendenze sottostanti i risultati dell'azienda. Queste informazioni non devono essere considerate sostitutive degli indici finanziari determinati in conformità ai principi contabili GAAP e non sono necessariamente confrontabili con eventuali indici non GAAP presentati da altre aziende. I coefficienti relativi al patrimonio netto materiale e al patrimonio netto di classe Livello 1 sono coefficienti non GAAP. Per il calcolo di questi coefficienti, BB&T usa la definizione di patrimonio netto di classe Livello 1 utilizzata nella valutazione SCAP. Il management di BB&T utilizza questi indici per valutare la qualità del patrimonio e ritiene che gli investitori potrebbero trovarli utili per l'analisi dell'azienda. Questi indici patrimoniali non sono necessariamente confrontabili con eventuali indici patrimoniali analoghi presentati da altre aziende. Gli indici di qualità dell'attivo sono stati adattati per eliminare l'influenza dei crediti acquisiti e dei pignoramenti non riscattabili che rientrano negli accordi di ripartizione delle perdite FDIC, poiché il management ritiene che la loro inclusione determinerebbe la distorsione di tali indici e potrebbe renderli non confrontabili con quelli di altri periodi o con altri portafogli non influenzati dalla contabilità delle acquisizioni.

Il presente comunicato stampa contiene alcune dichiarazioni aventi carattere previsionale, come definito nel Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Tali dichiarazioni possono riguardare questioni che implicano in misura significativa rischi, incertezze, stime e ipotesi del management. I risultati effettivi potranno differire notevolmente rispetto alle proiezioni attuali. Per una sintesi degli importanti fattori che possono influenzare le dichiarazioni previsionali di BB&T, consultare la documentazione riguardante BB&T presso la Securities and Exchange Commission (Commissione per i titoli e gli scambi). BB&T non assume alcun obbligo in merito alla revisione di queste affermazioni dopo la data del presente comunicato stampa.

 

FONTE BB&T Corporation