Clariden Leu semplifica la struttura direzionale e rende noti i coefficienti di ripartizione per i primi sei mesi del 2007

24 Ago, 2007, 13:30 BST Da Clariden Leu AG

ZURIGO, Svizzera, August 24 /PRNewswire/ --

- Indicazioni: Ulteriori informazioni (Organigramma al 1. ottobre 2007) possono essere scaricate in formato pdf gratuitamente su: http://www.presseportal.ch/fr/pm/100010813/clariden_leu_ag/?langid=4-

A partire dal primo ottobre 2007 Clariden Leu semplifica la propria struttura direzionale e concentra il proprio know-how nel settore prodotti e investimenti in una nuova unità chiamata Investment Products & Wealth Management Services. Hans Nützi, ex CEO Private Banking di Clariden Leu, è stato nominato vice CEO della banca e assume la direzione della nuova unità. Le regioni di mercato saranno sotto il diretto controllo del CEO F. Bernard Stalder. Questa struttura organizzativa semplificata permette a Clariden Leu di continuare a portare avanti con successo la strategia adottata e di abbreviare i processi decisionali. Clariden Leu ha realizzato nel primo semestre 2007 un utile netto di 317 milioni di franchi svizzeri e fino al 30 giugno 2007 ha gestito un patrimonio clienti pari a 133 miliardi di franchi svizzeri.

Walter Berchtold, presidente del consiglio di amministrazione di Clariden Leu, ha commentato: <<Per sfruttare al massimo il potenziale a disposizione di Clariden Leu e per proseguire sulla strada dell'integrazione, il consiglio di amministrazione ha approvato una nuova struttura direzionale. Con F. Bernard Stalder, Hans Nützi e gli altri membri della direzione disponiamo di un team manageriale molto forte che è simbolo di continuità e che seguirà la stessa strada percorsa finora da Clariden Leu, e con lo stesso successo.>>

F. Bernard Stalder, CEO Clariden Leu, aggiunge: <<Con il nuovo team abbiamo integrato l'organizzazione di mercato e le nostre unità servizi e prodotti su uno stesso piano direzionale. Sono molto contento che Hans Nützi assuma la direzione del nuovo dipartimento Investment Products & Wealth Management Services. Grazie alla sua pluriennale esperienza acquisita nel soddisfare i bisogni della nostra esigente clientela del Private Banking, Hans Nützi è la persona più adatta per questo ruolo. La nuova divisione creerà una piattaforma centrale con un'offerta completa di prodotti di investimento innovativi e servizi e soluzioni su misura a cui i consulenti della clientela potranno fare riferimento. Sono passati solo sei mesi da quando la banca è attiva e operativa e possiamo già guardare indietro a un primo semestre molto soddisfacente. L'utile netto di 317 milioni di franchi svizzeri e lo sviluppo del patrimonio clienti mostrano che siamo sulla strada giusta.>>

Dirigenti esperti nelle nuove strutture

Le quattro regioni di mercato saranno dirette da Adrian V. Nösberger (Private Banking Svizzera & External Asset Managers), Adrian F. Leuenberger (Private Banking Europa), Rémy L. de Bruyn (Private Banking America Latina & Senior Private Bankers) e Roland Knecht (Private Banking Europa dell'Est, Medio Oriente & Asia). Investment Products & Wealth Management Services includerà i quattro dipartimenti Investment Management, Structured Products & Markets, Wealth Management Services e Investment Funds. Grazie a questa fusione di know-how, la collaborazione tra i diversi settori di prodotto sarà rafforzata e la capacità innovativa di Clariden Leu sarà ulteriormente incrementata. La continuità nei rapporti tra consulenti e clientela sarà garantita anche nella nuova organizzazione direzionale.

La struttura direzionale di Clariden Leu comprende, oltre ai quattro responsabili delle regioni di mercato,anche: Hans Nützi, vice CEO, Roman Kurmann, CFO, Jean-Pierre Colombara, CRO, Roland Herrmann, COO, Othmar Locher, HR, e Rudolf Hugentobler, Legal & Compliance.

Risultati soddisfacenti nel primo semestre 2007

Il patrimonio gestito è aumentato nel primo semestre del 7% raggiungendo 133 miliardi di franchi svizzeri. I flussi di nuovi capitali hanno raggiunto un totale di 2,7 miliardi di franchi svizzeri. Senza contare i costi di fusione, pari a circa 30 milioni di franchi svizzeri, l'utile netto è cresciuto del 3% nei primi sei mesi del 2007. Considerati i costi necessari alla fusione, l'utile netto nel primo semestre del 2007 è diminuito di circa il 6% rispetto ai risultati Pro-Forma del primo semestre 2006, assestandosi su 317 milioni di franchi svizzeri. I profitti netti sono migliorati del 5%, raggiungendo quota 857 milioni di franchi svizzeri, e la spesa è aumentata del 15%, fino a raggiungere i 475 milioni di franchi svizzeri.

Migrazione prima della chiusura

Con la migrazione delle piattaforme IT dell'ex Clariden Bank e Credit Suisse Fides sulla piattaforma IT unificata, la fusione tecnica di Clariden Leu potrà definirsi conclusa a fine settembre 2007, come era stato pianificato. Parallelamente è stata anche completata l'unificazione delle sedi in Svizzera e all'estero. Entro la fine del terzo trimestre 2007 sarà effettuata la fusione delle 15 sedi di Zurigo, in modo che in futuro Clariden Leu sarà rappresentata a Zurigo da sei sedi commerciali.

Clariden Leu SA è nata il 26 gennaio 2007 dalla fusione delle quattro banche private del Credit Suisse - Clariden, Bank Leu, Bank Hofmann, BGP Banca di Gestione Patrimoniale - nonché della Credit Suisse Fides, società specializzata nella negoziazione di titoli. È una banca privata leader con un'ampia offerta di servizi di consulenza e prodotti di alto profilo qualitativo. Con oltre 20 sedi in tutto il mondo, Clariden Leu assiste clienti facoltosi con elevate esigenze di wealth management e prodotti, gestori patrimoniali esterni e clienti wholesale. Sulla base del volume di patrimoni gestiti - circa CHF 133 mia. (al 30 giugno 2007) - Clariden Leu figura tra i principali gestori patrimoniali della Svizzera.

Cautionary Statement Regarding Forward-Looking and Non-GAAP Information

This press release contains statements that constitute forward-looking statements within the meaning of the Private Securities Litigation Reform Act of 1995. In addition, in the future we, and others on our behalf, may make statements that constitute forward-looking statements. Such forward-looking statements may include, without limitation, statements relating to the following:

- Our plans, objectives or goals;

- Our future economic performance or prospects;

- The potential effect on our future performance of certain contingencies; and

- Assumptions underlying any such statements.

Words such as "believes," "anticipates," "expects," "intends" and "plans" and similar expressions are intended to identify forward-looking statements but are not the exclusive means of identifying such statements. We do not intend to update these forward-looking statements except as may be required by applicable securities laws.

By their very nature, forward-looking statements involve inherent risks and uncertainties, both general and specific, and risks exist that predictions, forecasts, projections and other outcomes described or implied in forward-looking statements will not be achieved. We caution you that a number of important factors could cause results to differ materially from the plans, objectives, expectations, estimates and intentions expressed in such forward-looking statements. These factors include:

- The ability to maintain sufficient liquidity and access capital markets;

- Market and interest rate fluctuations;

- The strength of the global economy in general and the strength of the economies of the countries in which we conduct our operations in particular;

- The ability of counterparties to meet their obligations to us;

- The effects of, and changes in, fiscal, monetary, trade and tax policies, and currency fluctuations;

- Political and social developments, including war, civil unrest or terrorist activity;

- The possibility of foreign exchange controls, expropriation, nationalization or confiscation of assets in countries in which we conduct our operations;

- Operational factors such as systems failure, human error, or the failure to implement procedures properly;

- Actions taken by regulators with respect to our business and practices in one or more of the countries in which we conduct our operations;

- The effects of changes in laws, regulations or accounting policies or practices;

- Competition in geographic and business areas in which we conduct our operations;

- The ability to retain and recruit qualified personnel;

- The ability to maintain our reputation and promote our brand;

- The ability to increase market share and control expenses;

- Technological changes;

- The timely development and acceptance of our new products and services and the perceived overall value of these products and services by users;

- Acquisitions, including the ability to integrate acquired businesses successfully, and divestitures, including the ability to sell non-core assets;

- The adverse resolution of litigation and other contingencies; and

- Our success at managing the risks involved in the foregoing.

We caution you that the foregoing list of important factors is not exclusive. When evaluating forward-looking statements, you should carefully consider the foregoing factors and other uncertainties and events, as well as the information set forth in our Form 20-F Item 3 - Key Information - Risk factors. This press release contains non-GAAP financial information. Information needed to reconcile such non-GAAP financial information to the most directly comparable measures under GAAP can be found in Credit Suisse Group's Financial Review 2Q07 and Credit Suisse Group's Financial Statements 2Q07.

    
    Contatto:
    
    Thomas Ackermann
    Head Marketing & Communications Clariden Leu
    Tel. Diretto: +41-58-205-34-44
    E-Mail: thomas.ackermann@claridenleu.com
    
    Dagmar Laub, Head Communications Clariden Leu
    Tel. Diretto: +41-58-205-37-10
    E-Mail: dagmar.laub@claridenleu.com

FONTE Clariden Leu AG