Esperti raccomandano ai visitatori dell'EURO 2008 di prestare attenzione all'insorgenza dei sintomi della TBE

23 Giu, 2008, 09:15 BST Da ISW-TBE (International Scientific Working Group on Tick-Borne Encephalitis)

VIENNA, June 23 /PRNewswire/ --

- Migliaia di supporter non vaccinati

La meningoencefalite da zecche (TBE) è fortemente endemica in Austria e in Svizzera. Eppure, nonostante gli avvisi divulgati dalle organizzazioni nazionali della sanità e l'UEFA, migliaia di supporter europei non si sono vaccinati contro questa malattia potenzialmente molto debilitante. Pertanto, l'ISW-TBE (International Scientific Working Group on Tick-Borne Encephalitis) invita i medici a prendere in considerazione la TBE quando si diagnosticano sintomi neurologici in pazienti di ritorno dal campionato europeo di calcio.

ISW-TBE sollecita a prestare attenzione all'insorgenza dei sintomi della TBE

L'ISW-TBE è un gruppo di esperti internazionali all'opera per sensibilizzare il pubblico in generale e in particolare i supporter di ritorno da EURO 2008 sulla TBE e sulle potenziali conseguenze per la salute che questa malattia può comportare. Il DDr. Martin Haditsch dell'Istituto di Igiene, Microbiologia e Medicina Tropicale dell'Ospedale Elisabethinen di Linz avverte i viaggiatori di "non ignorare sintomi che potrebbero essere attribuiti alla TBE e di consultare un medico quanto prima."

Il numero di infezioni da TBE è in aumento

"Negli ultimi trent'anni, la meningoencefalite da zecche è diventata un problema crescente per la salute pubblica in Europa, con l'incidenza ogni anno di circa 13.000 casi di ospedalizzazione," ha spiegato il Prof. Michael Kunze, direttore generale di ISW-TBE.

Sintomi della TBE

Secondo il Prof. Uta Meyding-Lamadé, Ospedale Nordovest, Francoforte sul Meno, i visitatori in Austria e Svizzera di ritorno, così come i medici, devono essere pronti ad identificare i seguenti sintomi: "La TBE ha in genere un decorso bifase: tra le 1-3 settimane dopo il morso della zecca infetta, si presenta l'insorgenza di sintomi non specifici, quali febbre, emicrania, spossatezza e dolori articolari. Ciò è seguito da un intervallo asintomatico e senza febbre. Anche dopo 3 settimane, si verifica l'insorgenza di febbre molto elevata, che segna l'inizio della seconda fase. Fino al 60% dei pazienti subisce danni neurologici permanenti, a volte seri, quali vertigini, disturbi della coscienza, depressione o anche paralasi parziale."

Immunizzazione - l'unica protezione efficace contro la TBE

Il vaccino resta la sola arma efficace contro la TBE, una malattia virale trasmessa da zecche infette. La malattia è caratterizzata dall'infiammazione delle membrane celebrali, il cervello o altre parti del sistema nervoso centrale.

    
    Per domande, contattare:
    Michael Leitner per conto dell'ISW-TBE
    Tel: +43-1-602-05-30-0
    Fax: +43-1602-05-30-90
    E-mail: michael.leitner@publichealth.at
    
    Per ulteriori informazioni, visitare:
    http://www.TBE-prevention.info
    http://www.ISW-TBE.info

FONTE ISW-TBE (International Scientific Working Group on Tick-Borne Encephalitis)