Fammi sentire come batte il tuo cuore

22 Dic, 2010, 07:15 GMT Da European Space Agency

NOORDWIJK, Paesi Bassi, December 22, 2010 /PRNewswire/ -- E se monitorare il proprio battito cardiaco fosse semplice come ascoltare la musica mentre si fa jogging? Grazie ai progressi della tecnologia spaziale, gli utenti di iPhone saranno presto in grado di sintonizzarsi sulla musica dei loro artisti preferiti monitorando al contempo i propri segni vitali.

Con il supporto del Programma di Trasferimento Tecnologico dell'ESA (Technology Transfer Programme, o TTP), quest'anno l'azienda svizzera CSEM ha messo a punto il prototipo finale del suo dispositivo Pulsear. Si tratta di un apparecchio minuscolo, contenuto in un normale auricolare, che utilizza dei segnali infrarossi per misurare la velocità del battito cardiaco. L'unità invia dei segnali infrarossi attraverso i tessuti dell'orecchio e registra i risultati mediante un piccolo fotodiodo, inviando poi le informazioni attraverso i cavi degli stessi auricolari a un dispositivo collegato al telefono.

Il risultato è una lettura accurata del proprio battito cardiaco, senza il fastidio legato alla necessità di indossare una cinghia pettorale.

"Sono moltissime le persone che ascoltano la musica mentre praticano sport, e moltissime quelle che trovano scomodo indossare le cinghie pettorali; abbiamo così pensato che fosse più logico poter effettuare la misurazione del battito cardiaco attraverso l'orecchio," ha affermato il dott. Andrea Ridolfi di CSEM.

Soluzioni grazie alla tecnologia spaziale

Già in passato l'azienda elvetica CSEM aveva effettuato tentativi volti al monitoraggio del battito cardiaco mediante l'impiego di auricolari. Secondo il dott. Ridolfi, però, tali tentativi non si erano rivelati soddisfacenti perché la tecnologia a disposizione non era abbastanza sofisticata. In seguito, però, CSEM ha messo a punto per il sistema di indagine medica a lungo termine dell'ESA un complesso sensore pettorale per la misurazione dei livelli di ossigeno nel sangue degli astronauti. "Una volta completato," ha affermato Ridolfi, "abbiamo deciso di riciclarlo."

CSEM ha creato il prototipo grazie a un finanziamento da parte dell'iniziativa "Technology Transfer Demonstrator" del TTP dell'ESA, che supporta lo sviluppo di nuovi hardware e software per colmare il divario tra la tecnologia spaziale e le sue applicazioni sulla Terra.

Un'applicazione iPhone mostra sullo schermo nel corso del tempo il battito cardiaco dell'utente e mette a confronto, ad esempio, la sessione di jogging del giorno con quella della settimana precedente. I soggetti che hanno sperimentato l'applicazione durante le sessioni di esercizio fisico si sono detti estremamente soddisfatti del dispositivo. L'attuale prototipo misura solo la frequenza cardiaca, tuttavia le versioni future potrebbero essere facilmente adattate per il monitoraggio di altri segni vitali, come ad esempio i livelli di ossigeno nel sangue. Questo renderebbe possibili svariate applicazioni mediche.

"Il trasferimento di tecnologia dallo spazio ha enormi potenzialità nello stimolare processi innovativi in settori in cui non ci si aspetterebbe mai di trovare tecnologie spaziali," spiega Frank M. Salzgeber, responsabile del programma TTP dell'ESA. "Il programma TTP dell'ESA mira a fornire aiuto alle industrie europee nell'applicazione di sofisticate soluzioni spaziali ai propri mercati."

Chiamata aperta per Technology Transfer Demonstrators: http://www.technology-forum.com/demonstrators/

Ulteriori informazioni disponibili alla pagina: http://www.esa.int/ttp

FONTE European Space Agency