Far East Energy annuncia un aumento della produzione, l'estrazione di gas da un secondo giacimento di carbone e da un pozzo parametro distante

08 Set, 2009, 12:30 BST Da Far East Energy Corporation

HOUSTON, September 8 /PRNewswire/ --

Far East Energy Corporation (OTC Bulletin Board: FEEC) ha oggi annunciato che la produzione di gas del giacimento di carbone n. 15 della zona pilota 1H nel complesso di Shouyang, nella provincia di Shanxi in Cina, continuerà a crescere. Far East ha annunciato anche che i risultati preliminari indicano la probabile scoperta di un secondo giacimento di carbone, che permetterebbe un ulteriore aumento della produzione di gas. Inoltre, un pozzo parametro distante circa 7 chilometri dalla zona pilota 1H ha iniziato a produrre gas dal giacimento di carbone n. 15 e lascia ben sperare per una produzione dal giacimento n. 9.

La produzione di gas nella zona pilota 1H è aumentata fino ad oltre 300.000 piedi cubi (300 Mpc) al giorno. Sebbene sia soggetta a variazioni giornaliere, dal 1 gennaio 2009 la produzione complessiva di gas è cresciuta.

Inoltre, il 30 giugno Far East ha ricompletato un pozzo nel giacimento di carbone n. 9 della zona pilota 1H e il 15 luglio lo stesso pozzo ha iniziato a produrre gas dal giacimento di carbone n. 9. A partire dalla fine di luglio, la produzione del pozzo ha oscillato complessivamente tra i 20 e i 37 Mpc al giorno.

Il pozzo parametro P2, che era stato trivellato per testare le caratteristiche e il potenziale di produzione di un'area distante circa sette chilometri dalla zona pilota 1H, ha recentemente iniziato a produrre gas dal giacimento di carbone n. 15. Si tratta lo stesso giacimento con alto tasso di permeabilità nella zona pilota 1H e da cui deriva gran parte della produzione attuale. Inoltre, un'estrazione dal giacimento n. 9 del pozzo parametro P2 ha rivelato dati molto promettenti relativi alla produzione di gas.

"Nel corso dell'anno abbiamo raggiunto un livello critico di pressione di desorbimento nel giacimento n. 15 in una parte della zona pilota e un numero sempre maggiore di pozzi sta cominciando a produrre", afferma Bob Hockert, responsabile operativo di Far East Energy. "Si tratta dell'andamento che stavamo aspettando. Attualmente abbiamo nove pozzi conformi agli standard volumetrici delle riserve cinesi, sebbene alcuni dei pozzi che sono stati recentemente ricompletati non soddisfino ancora i requisiti di ampiezza di produzione continua ai volumi richiesti. Ciò rappresenta una crescita rispetto ai quattro pozzi di aprile e indica che stiamo raggiungendo un livello critico di pressione di desorbimento in una zona in costante sviluppo".

"Inoltre - continua Hockert - arrivare alla produzione di gas così velocemente, dopo aver ricompletato un pozzo nel giacimento di carbone n. 9 della zona pilota 1H, ci dà motivo di sperare che il giacimento n. 9 sia quasi saturo e che avremo altri due giacimenti come obiettivo per la produzione dei nostri pozzi. Sarebbe davvero un successo se il giacimento n. 15 e il n. 9 dimostrassero di essere produttivi anche a sette chilometri di distanza dall'attuale zona pilota".

A causa della quantità di gas prodotta nella zona, Far East ha aperto un colloquio con il suo partner cinese, China United Coalbed Methane Co. Ltd. (CUCBM), per un accordo che permetterebbe di commercializzare il gas insieme a CUCBM mediante una struttura per la vendita di gas. Far East ritiene che qualsiasi struttura iniziale per la vendita di gas debba essere a gas naturale compresso (CNG) e che debba essere in grado di trattare da 1 a 3 milioni di piedi cubi al giorno. "Prevediamo di aprire le trattative per la struttura dopo aver concluso i colloqui per l'accordo con CUCBM e contiamo di iniziare la vendita di gas nella seconda metà del 2010", dichiara Phil Christian, direttore generale di Far East Energy.

Ad aprile 2009, Far East ha portato a termine il trivellamento e l'estrazione del pozzo parametro P2. I pozzi parametro sono pozzi trivellati ad una determinata distanza dall'attuale zona pilota, con l'obiettivo di stabilire se anche le zone distanti costituiscano o meno una risorsa potenziale. Il pozzo parametro P2 si trova a circa sette chilometri ad ovest della zona pilota 1H. L'analisi dei campioni di terreno del giacimento di carbone n. 9 in questo pozzo indica che il giacimento è quasi completamente saturo in questa zona, con un contenuto di gas di circa 450 piedi cubi standard per tonnellata (scf/ton). Il giacimento di carbone n. 15 possiede un contenuto di gas di circa 490 scf/ton ed è saturo tra il 75% e l'80%. Un giacimento di carbone saturo, così come appare il giacimento di carbone n. 9 in questa zona, contiene la quantità massima di gas esistente nel giacimento, basata sulla temperatura del bacino e sulla pressione. In condizione di saturazione, il giacimento di carbone non ha bisogno di essere prosciugato per cominciare a produrre gas. Ciò evita ritardi nell'inizio della produzione di gas associata al prosciugamento.

A fine giugno 2009, sulla base di questi risultati incoraggianti, Far East ha ricompletato il pozzo 4H già esistente nella zona pilota 1H al giacimento n. 9 e ha iniziato il test della produzione. Il gas ha cominciato a fluire dal giacimento di carbone n. 9 entro quindici giorni dall'inizio del test. Ciò sembra indicare che il giacimento di carbone n. 9 sia molto vicino alla saturazione, sia nella zona del pozzo parametro P2 sia nella zona pilota 1H. Quindi, il giacimento di carbone n. 9 costituisce un obiettivo per il completamento e la produzione in quasi tutti i pozzi della zona pilota 1H e nell'area che circonda il pozzo parametro P2.

Il test della produzione del giacimento di carbone n. 15 nel pozzo parametro P2 è stato avviato a luglio 2009. Da allora il pozzo ha erogato acqua con continuità, iniziando ad erogare gas recentemente. Dal momento che questo pozzo dista quasi sette chilometri dalla zona pilota 1H, il raggiungimento della produzione di gas in così poco tempo (meno di 60 giorni), in questa posizione, sembra confermare l'elevata saturazione di gas del giacimento di carbone n. 15 nella zona. Far East prevede di ricompletare il giacimento n. 9 della zona P2, con la speranza di constatare che entrambi i giacimenti costituiscano una risorsa potenziale, sia nella zona del pozzo parametro P2, sia nella zona pilota IH.

Il piano di lavoro per il resto del 2009 non è ancora stato completato. Tuttavia, Far East prevede che, una volta completato, il piano di lavoro comprenderà sia ulteriori test del giacimento di carbone n. 9, sia il ricompletamento di un altro pozzo della zona pilota 1H al giacimento di carbone n. 3, allo scopo di effettuare test aggiuntivi per altri giacimenti di carbone. In base ad un breve test del flusso di un pozzo secondario nella zona pilota 1H, riteniamo che il drenaggio dell'acqua causato da un'attività di estrazione locale possa aver liberato volumi di gas significativi nel giacimento di carbone n. 3 nella zona pilota 1H.

"A partire da settembre 2008, abbiamo prodotto ininterrottamente volumi d'acqua significativi, con risultati positivi evidenti già da dicembre 2008. Il gas ha raggiunto il numero di pozzi più alto della storia di questo sviluppo", afferma Michael R. McElwrath, amministratore delegato e presidente di Far East. "Dato che il giacimento di carbone n. 15 sembra muoversi in anticipo - prosegue McElwrath - abbiamo deciso di dedicarci ad ulteriori opportunità di completamento "uphole" nella zona 1H. Ciò ci permette una prospettiva a buon mercato sul potenziale della riserva di quest'area, senza tralasciare la raccolta dati richiesta nel giacimento di carbone n. 15. Tale prospettiva nel complesso di Shouyang comprende i giacimenti di carbone n. 3 e n. 9. Di recente abbiamo completato un pozzo al giacimento di carbone n. 9 e abbiamo scoperto che questo giacimento è quasi saturo e che sembra avere buone caratteristiche di produzione. Sono previsti ulteriori test per il giacimento di carbone n. 3, dovuti a produzioni di gas segnalate dalla miniera locale. Per ovvie ragioni, con il flusso di gas presente nella zona pilota, siamo desiderosi di stabilire se la nostra area ad alta permeabilità e ad alto contenuto di gas si estenda da una parte all'altra dell'area del complesso di Shouyang."

Cenni su Far East Energy Corporation

La Far East Energy Corporation, con sede a Houston, Texas e uffici a Pechino, Kunming e Taiyuan in Cina, si occupa principalmente di esplorazione e sviluppo di CBM in Cina.

Il presente comunicato stampa riguardante propositi, speranze, convinzioni, anticipazioni, aspettative o previsioni sul futuro della Far East Energy Corporation e della sua dirigenza contiene dichiarazioni di previsione ai sensi della Sezione 27A del Securities Act degli USA del 1933, e successive modifiche, e della Sezione 21E del Securities Exchange Act degli USA del 1934, e successive modifiche. È importante sottolineare che tali dichiarazioni di previsione non costituiscono alcuna garanzia in merito ad azioni future e sono soggette ad una serie di rischi e incertezze. I risultati reali potrebbero differire sostanzialmente da quelli enunciati nelle dichiarazioni di previsione. I fattori che potrebbero fare sì che i risultati reali differiscano sostanzialmente da quelli enunciati nelle dichiarazioni di previsione includono: il gas prodotto nei nostri pozzi potrebbe non raggiungere quantità commercialmente accettabili o potrebbe diminuire; alcune delle operazioni previste con Arrows potrebbero non essere chiuse in tempo o del tutto, includendo tra le cause l'incapacità di soddisfare le condizioni di chiusura o altro; i profitti delle operazioni con Arrows previsti per noi potrebbero non realizzarsi; le cifre finali da noi ricevute da Arrows potrebbero essere diverse da quelle previste; il Ministero cinese del Commercio (MOFCOM) potrebbe non approvare le estensioni del Production Sharing Contract della Qinnan (Qinnan PSC) per tempo o del tutto; PetroChina o MOFCOM potrebbero richiedere alcuni cambiamenti dei termini e delle condizioni del Qinnan PSC in aggiunta all'approvazione di qualsiasi estensione da parte loro; la nostra mancanza di esperienza operativa; una disponibilità finanziaria limitata o potenzialmente insufficiente; rischi ed incertezze legate all'esplorazione, allo sviluppo e alla produzione di CBM; l'espropriazione o altri rischi legati agli investimenti stranieri; lo sconvolgimento del mercato dei capitali che colpisca la raccolta di fondi; questioni che colpiscono l'industria dell'energia in generale; la mancanza di disponibilità di beni e servizi nelle aree di estrazione del petrolio e del gas; i rischi ambientali; i rischi di produzione e perforazione; le modifiche di leggi o regolamenti che colpiscano le nostre operazioni e gli altri rischi individuati nella relazione annuale della società, redatta sul Modulo 10-K, e nelle successive presentazioni consegnate alla Securities and Exchange Commission.

FONTE Far East Energy Corporation