FRA: gli organismi di protezione dei diritti fondamentali necessitano di un maggiore supporto

07 Mag, 2010, 12:00 BST Da European Union Agency for Fundamental Rights (FRA)

<div> <p>VIENNA, May 7, 2010 /PRNewswire/ -- Quattro nuove relazioni pubblicate oggi dall'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) dimostrano che le autorità preposte alla protezione dei dati, gli organismi per l'uguaglianza e le istituzioni nazionali per la difesa dei diritti umani presenti in tutta l'Unione europea necessitano di un ulteriore supporto. </p> <p> Per vedere la multimedia news release clicca qui: http://multivu.prnewswire.com/mnr/prne/fra/42423/ </p> <p> Le relazioni rivelano che questi protagonisti chiave nella protezione e nella promozione dei diritti fondamentali nell'UE spesso mancano di risorse, non sono sufficientemente indipendenti o hanno mandati deboli. Inoltre, alcuni tra i gruppi più vulnerabili nella società non solo sono ignari della loro esistenza; soltanto il 16% delle minoranze etniche e degli immigrati che hanno risposto all'indagine EU-MIDIS ( http://fra.europa.eu/fraWebsite/eu-midis/index_en.htm) sono stati in grado di pensare a qualsiasi organizzazione che offre sostegno a persone oggetto di discriminazione. L'82% degli intervistati EU-MIDIS contro cui sono stati compiuti atti di discriminazione nel corso dei 12 mesi che hanno preceduto il sondaggio non hanno riferito della loro esperienza in nessun luogo. </p> </p> <p> E' importante ammettere che si è compiuto un notevole progresso in questo settore; gli organismi istituiti per proteggere e promuovere I diritti fondamentali nell'UE hanno un potenziale enorme. Tuttavia, necessitano di essere dotati delle risorse, dell'autorità e dell'indipendenza necessari a funzionare in maniera efficace. Gli individui in tutta l'UE sono molto interessati, ad esempio, a ciò che riguarda i loro diritti di protezione dei dati, ad esempio, ma se le autorità deputate alla protezione dei dati non hanno l'autorità di intraprendere azioni contro coloro che violano tale diritto, si corre il rischio che esso diventi insignificante. Morten Kjaerum, direttore FRA </p> <pre> La FRA ha pubblicato: - un sondaggio sulla consapevolezza dei diritti che fa in parte riferimento agli organismi per l'uguaglianza (basato sui dati UE-MIDIS); - una relazione sulle autorità per la protezione dei dati; - una relazione sulle autorità nazionali per la protezione dei diritti umani e - una relazione sull'impatto della direttiva sull'uguaglianza razziale. Note per i redattori La FRA svolge tre funzioni chiave: - raccolta di informazioni e dati sui diritti fondamentali; - fornitura di riscontri basati su riscontri all'EU e ai suoi Stai membri; - promozione del dialogo con la società civile al fine di incrementare la consapevolezza in merito ai diritti fondamentali. Le precedenti relazioni FRA sono disponibili sul sito http://www.fra.europa.eu Per ulteriori informazioni, si prega di contattare il FRA media team: E-mail: media@fra.europa.eu Telefono +43-1-58-030-671 </pre> <p> </p> <p> </p> </div> <div> <p>VIENNA, May 7, 2010 /PRNewswire/ -- Quattro nuove relazioni pubblicate oggi dall'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) dimostrano che le autorità preposte alla protezione dei dati, gli organismi per l'uguaglianza e le istituzioni nazionali per la difesa dei diritti umani presenti in tutta l'Unione europea necessitano di un ulteriore supporto. </p> <p> Per vedere la multimedia news release clicca qui: http://multivu.prnewswire.com/mnr/prne/fra/42423/ </p> <p> Le relazioni rivelano che questi protagonisti chiave nella protezione e nella promozione dei diritti fondamentali nell'UE spesso mancano di risorse, non sono sufficientemente indipendenti o hanno mandati deboli. Inoltre, alcuni tra i gruppi più vulnerabili nella società non solo sono ignari della loro esistenza; soltanto il 16% delle minoranze etniche e degli immigrati che hanno risposto all'indagine EU-MIDIS ( http://fra.europa.eu/fraWebsite/eu-midis/index_en.htm) sono stati in grado di pensare a qualsiasi organizzazione che offre sostegno a persone oggetto di discriminazione. L'82% degli intervistati EU-MIDIS contro cui sono stati compiuti atti di discriminazione nel corso dei 12 mesi che hanno preceduto il sondaggio non hanno riferito della loro esperienza in nessun luogo. </p> </p> <p> E' importante ammettere che si è compiuto un notevole progresso in questo settore; gli organismi istituiti per proteggere e promuovere I diritti fondamentali nell'UE hanno un potenziale enorme. Tuttavia, necessitano di essere dotati delle risorse, dell'autorità e dell'indipendenza necessari a funzionare in maniera efficace. Gli individui in tutta l'UE sono molto interessati, ad esempio, a ciò che riguarda i loro diritti di protezione dei dati, ad esempio, ma se le autorità deputate alla protezione dei dati non hanno l'autorità di intraprendere azioni contro coloro che violano tale diritto, si corre il rischio che esso diventi insignificante. Morten Kjaerum, direttore FRA </p> <pre> La FRA ha pubblicato: - un sondaggio sulla consapevolezza dei diritti che fa in parte riferimento agli organismi per l'uguaglianza (basato sui dati UE-MIDIS); - una relazione sulle autorità per la protezione dei dati; - una relazione sulle autorità nazionali per la protezione dei diritti umani e - una relazione sull'impatto della direttiva sull'uguaglianza razziale. Note per i redattori La FRA svolge tre funzioni chiave: - raccolta di informazioni e dati sui diritti fondamentali; - fornitura di riscontri basati su riscontri all'EU e ai suoi Stai membri; - promozione del dialogo con la società civile al fine di incrementare la consapevolezza in merito ai diritti fondamentali. Le precedenti relazioni FRA sono disponibili sul sito http://www.fra.europa.eu Per ulteriori informazioni, si prega di contattare il FRA media team: E-mail: media@fra.europa.eu Telefono +43-1-58-030-671 </pre> <p> </p> <p> </p> </div>