FRANCE-IX: il massimo punto di interscambio a Parigi

21 Giu, 2010, 09:00 BST Da France IX

PARIGI, June 21, 2010 /PRNewswire/ -- Fino ad ora, Parigi era stato un luogo di peering caratterizzato da molte divisioni. France-IX intende risolvere questo problema con la messa a punto di un'infrastruttura indipendente, riunendo gli IXP già esistenti sul territorio parigino e attraendo così interscambi nazionali e internazionali.

Un modello di associazione forte e neutrale

Basandosi sul modello dei 3 principali IXP d'Europa, la cui efficienza è già stata comprovata, l'organizzazione di France-IX si appoggia a un'associazione senza scopo di lucro. Stranamente, questo modello non era mai stato applicato in Francia.

Tuttavia, esso presenta il principale vantaggio di includere i membri nella strategia operativa, attraverso i voti da questi assegnati durante le riunioni generali, assicurando così una più precisa aderenza da parte di France-IX alle necessità degli stessi membri. I profitti realizzati, inoltre, vengono costantemente reinvestiti nel progetto, garantendo così la fornitura di servizi all'avanguardia e di qualità superiore da parte di France-IX.

Servizi che seguono il trend del mercato

France-IX offre una gamma completa di servizi, tra cui unicast, multicast IPv4 e IPv6, route servers per facilitare il peering e closed user groups VLANs. L'architettura di France-IX è sviluppata in modo tale da poter fornire soluzioni per triple/quadruple players. Qualunque ente dotato di un numero AS può collegarsi a France-IX.

France-IX dispone di un ampio footprint che copre 6 diversi punti di presenza (PoP) presso i data centre Interxion, Telehouse e Telecitygroup. Entro la fine del 2010 si prevede il lancio di altri PoP, per rafforzare ulteriormente la neutralità dell'organizzazione e aumentare il livello di traffico.

Un IXP francese diventa internazionale

Oltre all'istituzione di un potente punto di interscambio a Parigi, l'obiettivo di France-IX consiste anche nella realizzazione di associazioni tra IXP situati in Francia e all'estero. Tali associazioni saranno annunciate con il dovuto anticipo.

Grazie ai cavi sottomarini che collegano Africa, Medio Oriente e India a Marsiglia (SEACOM, EASSY, SMW 3/4/5), France-IX prevede di attrarre il traffico in aumento generato dagli operatori in funzione nelle suddette regioni.

France-IX inizierà una fase pilota di due mesi (da giugno fino alla fine di luglio) durante la quale i membri avranno la possibilità di stabilire sessioni di peering senza dover sostenere alcun costo.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito http://www.france-ix.net o contattare direttamente info@france-ix.fr

FONTE France IX