Giornata mondiale contro il cancro dedicata al legame tra infezioni e tumore

28 Gen, 2010, 08:00 GMT Da International Union Against Cancer (UICC)

GINEVRA, Svizzera, January 28 /PRNewswire/ --

- L'Unione internazionale contro il cancro (UICC) richiama l'attenzione sul contributo delle infezioni nei casi di cancro a livello mondiale

"Anche il cancro può essere prevenuto" è il tema di una nuova campagna che sarà lanciata oggi, 4 febbraio, in fase di apertura della giornata mondiale contro il cancro, dall'Unione internazionale contro il cancro (UICC). La campagna è sostenuta da una nuova relazione scientifica, "Protezione contro le infezioni che causano il cancro", in cui vengono presi in esame i nove tipi di infezione che possono portare al cancro.

Per visualizzare il comunicato stampa multimediale fare clic su:

http://multivu.prnewswire.com/mnr/prne/uicc/40774

"Su 12 milioni di persone a cui ogni anno viene diagnosticato il cancro, circa il 20% dei casi può essere attribuito a infezioni batteriche e virali che causano direttamente o aumentano il rischio di contrarre questa malattia" ha affermato il professor David Hill, presidente dell'UICC. "Per tale motivo l'UICC, che conta tra i propri membri oltre 300 organizzazioni in più di 100 paesi, richiamerà l'attenzione della campagna della giornata mondiale contro il cancro di quest'anno sul contributo delle infezioni nei casi di cancro a livello mondiale".

Il cancro causato da infezioni virali o batteriche può essere prevenuto attraverso strategie quali la vaccinazione e la modifica del proprio stile di vita, comportamenti prudenti e altre misure di controllo che potrebbero essere implementate in tutto il mondo.

Recentemente sono stati registrati straordinari risultati nello sviluppo di un secondo vaccino, attualmente disponibile ed efficace nella prevenzione del cancro: il vaccino HPV che protegge dal papilloma virus umano, responsabile del carcinoma della cervice uterina, la terza principale causa di morte per cancro nelle donne. Il primo vaccino sviluppato protegge contro il virus dell'epatite B che può portare al cancro al fegato, terza causa principale di morte per cancro negli uomini.

Nonostante l'esistenza di queste misure di prevenzione, esiste un'evidente disparità tra paesi ad alto e basso reddito relativamente ai seguenti fattori: percentuale di incidenza del cancro collegato a infezioni (26% contro 8%), accesso ai programmi di prevenzione e cure e assistenza. Ad esempio, l'80% delle morti a livello globale per cancro alla cervice uterina si verificano nei paesi sviluppati, e anche dove è disponibile tecnologia accessibile, permangono sfide enormi a causa di limiti nella conoscenza della malattia e nelle infrastrutture sanitarie pubbliche, evidenziati dalle considerevoli differenze nella copertura dei programmi di vaccinazione contro l'epatite B a livello mondiale.

"Le possibilità offerte dalla prevenzione esigono maggiore conoscenza delle modalità con cui alcune infezioni possono condurre al cancro" ha affermato Cary Adams, Amministratore delegato dell'UICC.

"I responsabili delle politiche sanitarie di tutto il mondo hanno la possibilità e l'obbligo di utilizzare questi vaccini per salvare vite umane ed istruire le proprie comunità su stili di vita e misure di controllo che riducono il rischio di cancro".

La protezione contro le infezioni causa di cancro è uno dei temi trattati nella campagna "Anche il cancro può essere prevenuto", che intende sensibilizzare maggiormente la popolazione sul fatto che il rischio di sviluppare il cancro può essere potenzialmente ridotto fino al 40% attraverso semplici modifiche al proprio stile di vita e altre misure di controllo quali vaccinazioni, costante attività fisica, alimentazione sana, riduzione del consumo di alcol e dell'esposizione al sole nonché totale rinuncia al tabacco. "Per sfruttare al meglio tutte le possibilità di prevenzione del cancro sono necessarie iniziative nazionali coordinate e complete che pongano l'accento sui fattori di rischio principali", ha affermato il Dott. Ala Alwan, Vicedirettore generale di WHO.

La campagna a livello mondiale è sostenuta da una stimolante campagna digitale incentrata su questi sei principali cambiamenti del proprio stile di vita e sulle misure di controllo.

Per il materiale destinato ai media, compresa la relazione sulla campagna mondiale contro il cancro 2010 "Protezione contro le infezioni che causano il cancro" visitare il sito

http://www.worldcancercampaign.org

Contatto stampa:

Anne-Lise Berthon, Cohn & Wolfe public relations

Tel: +41-22-908-4077 - anne-lise.berthon@cohnwolfe.com

Per il materiale destinato ai media visitare: http://www.worldcancercampaign.org

FONTE International Union Against Cancer (UICC)