Gli esperti dichiarano lo stato di allerta per l'emicrania in tutta Europa

08 Mar, 2010, 06:00 GMT Da University Duisburg-Essen

ESSEN, Germania, March 8, 2010 /PRNewswire/ -- Secondo la conferenza di allerta sull'emicrania (Heads Up on Migraine), svoltasi a dicembre e alla quale hanno partecipato venti neurologi e medici di base di 10 paesi europei e del Canada, la cura dell'emicrania in Europa sta venendo meno agli obiettivi precedentemente fissati. È necessario introdurre dei miglioramenti nella cura dell'emicrania attraverso una collaborazione più stretta con i professionisti dell'assistenza sanitaria. Nonostante i progressi registrati nella sintesi dei farmaci negli ultimi decenni, i pazienti continuano ad affrontare difficoltà legate al fallimento, all'inadeguatezza e al rispetto delle terapie nonché all'uso eccessivo o insufficiente dei farmaci.

L'iniziativa di allerta fa seguito alla Dichiarazione di Roma del 2005 sull'emicrania, presieduta dal professor Hans-Christoph Diener, del policlinico di Essen, in Germania. Nella pubblicazione seguita alla Dichiarazione di Roma si affermava che un maggior numero di pazienti avrebbe dovuto ricevere cure mediche di esperti e si stabiliva come obiettivo un aumento dal 30 al 50% della percentuale di pazienti affetti da emicrania curati dai medici di base in cinque anni.1

Il Prof. Diener ha affermato: "Possiamo già concludere che questo obiettivo, nonostante alcuni miglioramenti, non è stato raggiunto". "Per questo sono lieto di aver presieduto la conferenza di dicembre e di essermi consultato con medici di base e neurologi in modo da poterci concentrare sul raggiungimento di rapidi miglioramenti nella cura dei pazienti affetti da emicrania in tutta Europa. La conferenza ha ottenuto il consenso in cinque aree chiave. I partecipanti si sono assunti la responsabilità delle aree definite nei rispettivi paesi".

1. L'ideale è rappresentato da una cura del mal di testa multidisciplinare. Tuttavia, laddove non vi siano fondi, cliniche virtuali specializzate e modelli di cura primari che includano un call centre affidato a infermieri per uno smistamento efficace dei pazienti possono rappresentare utili alternative.

2. La formazione di professionisti del settore sanitario resta una priorità critica: l'équipe multidisciplinare dedicata al mal di testa dovrebbe coinvolgere membri con abilità diverse, adeguatamente formati. La formazione di professionisti non tradizionalmente dedicati alla cura dell'emicrania, quali infermieri e farmacisti, da integrare nell'équipe di cura del paziente consente un impiego più efficace della competenza di medici specializzati. Si consiglia anche l'impiego di infermieri specializzati nell'emicrania che operino presso centri di cura primaria.

3. La formazione ai pazienti deve essere più accessibile: i pazienti devono comprendere chiaramente la propria condizione e conoscere le cure disponibili e le relative implicazioni per poter gestire meglio le terapie.

4. Comunicazione medico-paziente: è particolarmente importante nella cura dell'emicrania. Nuovi approcci per migliorare le tecniche di comunicazione, come i colloqui motivazionali, possono aiutare i medici a gestire più efficacemente i propri pazienti. Se il medico stabilisce un buon rapporto con il paziente, è più probabile che il rispetto della terapia migliori e che i pazienti gestiscano in modo autonomo la propria condizione.

5. Comunicazione medico-medico: una migliore comunicazione tra medici di base e neurologi e quindi tra tutti i membri di un'équipe multidisciplinare non può che migliorare la cura del paziente.

"Dopo aver raggiunto un chiaro consenso nel corso della conferenza di allerta sull'emicrania sulle aree chiave di interesse, siamo molto motivati a esaminare attività particolari nei paesi di interesse per migliorare realmente e nell'immediato le vite dei pazienti. È nostra intenzione esaminare e riferire i progressi nei prossimi 12 mesi", conclude il Prof. Diener.

Riferimenti:

1.Dichiarazione di Roma sull'emicrania - 2005

La conferenza Heads Up on Migraine è stata realizzata con il supporto di fondi concessi da MSD GmbH

    
    Partecipanti alla conferenza
    
    Canada
    Dott. S McKenzie    Dott. L Vieira
    Ontario             Quebec
    
    Danimarca
    Dott. J Moller Hansen Dott. S Garne
    Glostrup              Birkerod
    
    Francia
    Dott. R Elfassi      Dott. J Ruimy
    Parigi               Parigi
    
    Germania
    Dott. A Gendolla     Dott. C Gaul
    Essen                Essen
    
    Italia
    Dott. D Grimaldi     Dott. F Brighina
    Bologna              Palermo
    
    Olanda
    Dott. JSP van den Berg Dott. H Sandelowsky
    Zwolle                 Eemnes
    
    Norvegia
    Dott. M Drottning-Ronne Dott. A Sigersvold
    Oslo                    Rasta
    
    Spagna
    Dott. V Baos      Dott. E Arrieta Anton
    Madrid            Segovia
    
    Svizzera
    Dott. W Rudolph
    Kirchberg
    
    Regno Unito
    Dott. M Fontebasso  Dott. D Pascoe-Watson
    York                Cheltenham
    
    European Headache Alliance (EHA)
    Audrey Craven
    Dublino
    
    Nota ai redatoori
    Presidente della conferenza
    Professor Hans-Christoph Diener
    Presidente e Professore di Neurologia
    Reparto di neurologia e centro emicrania
    Policlinico di Essen
    Università di Duisburg-Essen
    Hufelandstr. 55
    45147 Essen
    Germania

FONTE University Duisburg-Essen