Halaven® (eribulina) nuovi dati dimostrano attività antiproliferativa in linee cellulari selezionate nei sarcomi dei tessuti molli

17 Apr , 2016, 06:01 BST Da Eisai

HATFIELD, Inghilterra, April 17, 2016 /PRNewswire/ --

Gli studi condotti con linee cellulari di sarcomi dei tessuti molli (STS) ampliano le conoscenze scientifiche relative all'attività molecolare di eribulina 

DESTINATO ESCLUSIVAMENTE AI MEDIA DELL'AREA UE: NON DESTINATO AI GIORNALISTI DI SVIZZERA/AUSTRIA 

I risultati di uno studio pre-clinico condotto su Halaven® (eribulina)[1],[2] in linee cellulari di sarcomi dei tessuti molli (soft tissue sarcoma, STS) e presentati al congresso annuale dell'American Association for Cancer Research (AACR) del 2016, tenutosi a New Orleans, negli Stati Uniti, hanno mostrato attività antiproliferativa nei confronti di xenoinnesti selezionate di sarcoma di Ewing, leiomiosarcoma, liposarcoma e fibrosarcoma e il rimodellamento della vascolarizzazione del tumore in un modello di leiomiosarcoma. Questo potrebbe ridurre il potenziale metastatico del tumore nei sarcomi dei tessuti molli.

"Questi dati supportano l'effetto antimitotico e l'effetto non mitotico complesso di eribulina mesilato nei modelli di sarcomi dei tessuti molli. Eribulina ha mostrato attività antiproliferativa, in vitro e in vivo, e potrebbe indurre la differenziazione delle cellule di STS. Ciò potrebbe ridurre il potenziale metastatico del tumore nell'STS," ha commentato il Dott. Junji Matsui, Senior Director, Eisai.

Lo studio ha analizzato le modifiche morfologiche in tre linee cellulari dell'STS, l'espressione genica in due linee cellulari e la perfusione ematica in una linea cellulare. I dati relativi alla perfusione ematica mostrano che l'eribulina potrebbe contribuire al rimodellamento della vascolarizzazione tumorale creando così un ambiente ricco di ossigeno. Le cellule tumorali prosperano in un ambiente deossigenato (ipossico), pertanto questa perfusione ematica può portare a una diminuzione del potenziale metastatico del tumore.[3]

"Più approfondiamo la scienza alla base dei nostri trattamenti, meglio possiamo offrire un vantaggio potenziale alle persone che soffrono di queste rare forme di cancro. Eisai continua il suo impegno nelle aree in cui i pazienti hanno bisogno maggiormente; chiamiamo questo approccio 'ricchi'", ha commentato Gary Hendler, Chief Commercial Officer Oncology Business Group, Chairman and CEO EMEA.

I dati presentati al congresso annuale dell'AACR sono compatibili con il meccanismo d'azione di eribulina e offrono ulteriori informazioni sul ruolo del farmaco nella riduzione del potenziale metastatico nell'STS.

La sopravvivenza attesa a cinque anni è solo del 50% per le persone affette da sarcomi dei tessuti molli[4] Ogni anno vengono diagnosticati sarcomi dei tessuti molli a 29.000 persone, circa l'1% di tutti i tumori diagnosticati in Europa.[5]

Ad aprile 2016 il Comitato dei medicinali per uso umano (Committee for Medicinal Products for Human Use, CHMP) dell'Agenzia europea dei medicinali (European Medicines Agency, EMA) ha adottato un parere positivo nei confronti di eribulina nel trattamento di pazienti adulti affetti da liposarcoma (sarcomi adipocitici) non resecabile localmente avanzato, sottoposti a trattamento precedente contenente un'antraciclina. A gennaio 2016 la Food and Drug Administration (FDA, organismo statunitense preposto alla regolamentazione degli alimenti e dei farmaci) ha approvato eribulina negli Stati Uniti per il trattamento delle persone affette da liposarcoma non resecabile o metastatico, sottoposti a trattamento precedente contenente un'antraciclina. A febbraio 2016 in Giappone è stata concessa l'approvazione per ampliare l'indicazione di eribulina al trattamento di pazienti affetti da sarcomi dei tessuti molli.

Eisai si dedica a scoprire, sviluppare e produrre terapie oncologiche innovative in grado di fare la differenza e di avere un impatto sulle vite dei pazienti e delle loro famiglie. Questa passione per le persone rientra nella missione di Eisai nel settore della salute umana, human health care (hhc), che si sforza di comprendere meglio le esigenze dei pazienti e delle loro famiglie, allo scopo di aumentare i benefici forniti dall'assistenza medica.

Note per gli editori  

Halaven® (eribulina)  

Eribulina è il primo inibitore della dinamica dei microtubuli appartenente alla classe delle alicondrine con un nuovo meccanismo di azione. Dal punto di vista strutturale eribulina è una versione sintetica semplificata di alicondrina B, un prodotto naturale isolato dalla spugna marina Halichondria okadai. Si ritiene che eribulina agisca inibendo la fase di crescita della dinamica dei microtubuli, prevenendo la divisione cellulare.

Eribulina è attualmente indicata per il trattamento di donne con cancro della mammella localmente avanzato o metastatico, che hanno mostrato una progressione dopo almeno un regime chemioterapico per malattia avanzata. La terapia precedente deve aver previsto l'impiego di un'antraciclina e di un taxano, in contesto adiuvante o metastatico, a meno che le pazienti siano inidonee a ricevere questi trattamenti.[6]

Si ricorda infine che l'indicazione attualmente rimborsata dal SSN Italiano è la seguente: HALAVEN in monoterapia è indicato per il trattamento di pazienti con cancro della mammella localmente avanzato o metastatico, che hanno mostrato una progressione dopo almeno due regimi chemioterapici per malattia avanzata. La terapia precedente deve avere previsto l'impiego di un'antraciclina e di un taxano, a meno che i pazienti non siano idonei a ricevere questi trattamenti.

Sarcomi dei tessuti molli 

Sarcoma dei tessuti molli è un termine collettivo che indica un gruppo di tumori maligni diversi. I sarcomi dei tessuti molli sono tumori che hanno origine nei tipi di cellule mesenchimali (tessuto connettivo), ovvero gli adipociti e le cellule della muscolatura liscia.

A differenza di altri tumori, come il carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC, non-small cell lung cancer), i sarcomi dei tessuti molli vengono prevalentemente diagnosticati quando la malattia è localizzata e molti sono assoggettabili alla completa asportazione chirurgica, tuttavia i tassi di recidiva possono raggiungere il 50%.[7] Gli esiti per i pazienti con malattia avanzata sono infausti e la sopravvivenza mediana è di circa un anno o meno. In considerazione della rarità di questi tumori, le evidenze relative ai fattori prognostici sono limitate e non sono state chiarite a sufficienza.[8]

Eribulina in un modello di sarcoma dei tessuti molli - dettagli dello studio[1]

  • L'attività antiproliferativa di eribulina è stata esaminata in 6 linee cellulari di STS umano a diversi dosaggi.
  • Per analizzare l'effetto di eribulina sulla variazione morfologica in una provetta di analisi, 3 linee cellulari di STS umano sono state trattate con eribulina a 1, 3 e 10 nmol/l per 7 giorni. È stata analizzata la variazione dell'espressione genica.
  • Per l'analisi della perfusione ematica del tumore (il processo di trasporto dei nutrienti al sangue arterioso in un letto capillare nel tessuto) negli xenoinnesti SK-LMS-1, l'eribulina è stata somministrata in dosi di 0,38, 0,75 e 1,5 mg/kg e la perfusione ematica del tumore è stata calcolata 5 giorni dopo la somministrazione.
  • Eribulina ha mostrato in vitro e in vivo attività antiproliferativa dose-dipendente nei confronti di 6 linee cellulari. Eribulina ha mostrato una significativa attività antitumorale dose-dipendente nei confronti di 4 xenoinnesti (sarcoma di Ewing, leiomiosarcoma, liposarcoma e fibrosarcoma). Il trattamento con eribulina per 7 giorni ha indotto un'alterazione morfologica apparente in 3 linee cellulari. Inoltre, eribulina ha intensificato significativamente la perfusione ematica del tumore, rispetto al controllo vettore, 5 giorni dopo la somministrazione negli xenoinnesti di leiomiosarcoma, a tutte le dosi. Eribulina potrebbe causare una differenziazione delle cellule di STS e il rimodellamento della vascolarizzazione tumorale per intensificare la perfusione ematica del tumore.
  • Eribulina ha mostrato un effetto mitotico e un effetto non mitotico, che potrebbe ridurre il potenziale metastatico del tumore nell'STS così come nel cancro della mammella.

Eisai in oncologia  

Il nostro impegno verso il conseguimento di progressi significativi nella ricerca oncologica, sulla base delle nostre competenze scientifiche, è sostenuto da una capacità globale di condurre ricerche di scoperta e pre-cliniche, e di sviluppare piccole molecole, vaccini terapeutici, agenti biologici e farmaci di supporto al trattamento dei tumori in più indicazioni.

Informazioni su Eisai Co., Ltd. 

Eisai Co., Ltd. è una casa farmaceutica leader a livello mondiale nel settore Ricerca e Sviluppo con sede centrale in Giappone e delinea come missione aziendale l'impegno di "dare priorità ai pazienti e alle famiglie e incrementare i benefici per la salute", definita da Eisai stessa la filosofia della "human health care" (hhc). Con oltre 10.000 dipendenti operativi nella rete mondiale di siti di R&S, siti di produzione e consociate addette alla commercializzazione, ci impegniamo a mettere in pratica la nostra filosofia hhc offrendo prodotti innovativi in diverse aree terapeutiche in cui esistono molteplici esigenze non soddisfatte, tra cui l'oncologia e la neurologia.

In qualità di casa farmaceutica mondiale, la nostra missione si estende ai pazienti di tutto il mondo, attraverso i nostri investimenti e iniziative basate su partenariati al fine di migliorare l'accesso ai farmaci nel paesi in via di sviluppo e nei paesi emergenti.

Per ulteriori informazioni su Eisai Co., Ltd., visitate il sito web http://www.eisai.com.

Bibliografia  

1. Kawano S, et al. Antimitotic effect and complex of non-mitotic effect on tumor biology of eribulin mesilate in soft tissue sarcoma model. AACR 2016, New Orleans, USA; Poster 344

2. Kawano S, et al. Antimitotic and Non-mitotic Effects of Eribulin Mesilate in Soft Tissue Sarcoma. Anticancer Research 2016; 36; 1553-1562

3. Kevin L Bennewith and Shoukat Dedhar. Targeting hypoxic tumour cells to overcome metastasis. BMC Cancer 2011;11:504

4. National Cancer Institute - http://www.cancer.org/cancer/sarcoma-adultsofttissuecancer/detailedguide/sarcoma-adult-soft-tissue-cancer-survival-rates

5. ESMO Guidance. Available at: http://annonc.oxfordjournals.org/content/25/suppl_3/iii102.full.pdf+html Accessed: November 2015

6. SPC Halaven (updated November 2015). Available at: http://www.medicines.org.uk/emc/medicine/24382 Accessed: March 2016

7. R. Pollock. Soft Tissue Sarcomas, A Volume in the American Cancer Society Atlas of Clinical Oncology Series. 2012

8. Fletcher et al. World Health Organization Classification of Tumours of Soft Tissue and Bone (4th Edition). Lyon: IARC Press, 2013

FONTE Eisai