I fabbricanti di apparecchi elettronici si riuniscono per discutere di riutilizzo e riparazioni

20 Dic, 2013, 16:33 GMT Da UBM Built Environment Live

LONDON, December 20, 2013 /PRNewswire/ --

Natale è il periodo dell'anno in cui si producono più rifiuti. A Natale milioni di persone scartano apparecchiature elettroniche nuove che andranno a sostituire prodotti vecchi, ma ancora funzionanti che, inesorabilmente, finiranno in discarica. Una situazione cui il governo vuole dare una svolta, come evidenziato dal Piano per la prevenzione dei rifiuti varato la scorsa settimana.  

Tra l'altro, il Piano per la prevenzione dei rifiuti presta molta attenzione ai RAEE, i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche. Il governo ha ammesso che, nell'ottica della conservazione del valore delle risorse, il riciclaggio è l'ultima alternativa. Il modo più semplice, più veloce e più efficace di trattare tali rifiuti sarebbe il loro riutilizzo. Per questo motivo il governo, nell'ambito del Piano per la prevenzione dei rifiuti, ha annunciato un programma del valore di 800.000 GBP a sostegno di reti locali per il riutilizzo della apparecchiature dismesse. Resource, il primo evento europeo su larga scala dedicato alle aziende che intendono abbracciare la filosofia dell'economia circolare, ospiterà un ampio dibattito su come si possano evitare i rifiuti attraverso dei nuovi modelli di proprietà, la resistenza all'usura dei prodotti e un progetto per la fine del loro ciclo di vita.  

Mark Dempsey di HP e Kevin Considine di Samsung insieme a Margaret Bates della Northampton University e Ugo Vallauri, rappresentante di Restart Project, parteciperanno alla conferenza di Resource che si terrà dal 4 al 6 marzo presso l'ExCeL London. Il dibattito proverà a dare una risposta alle seguenti domande chiave: i fabbricanti possono progettare i prodotti in modo migliore per favorirne la riparazione e il riutilizzo? I prodotti dovranno essere noleggiati e non più posseduti? Dobbiamo ripensare il ciclo di vita del prodotto?

Ugo Vallauri afferma: "Le aziende che credono nell'economia circolare dovrebbero riconsiderare la longevità dei loro prodotti e a come i loro clienti possano eseguire interventi di manutenzione e riparazione dei prodotti in loro possesso: non si deve ignorare il circolo più stretto di riparazione e manutenzione."

Mentre continuiamo a riciclare anche più dei rifiuti che produciamo, a Natale il volume e la visibilità di questi materiali fanno notare che c'è ancora molto da fare per ridurre la quantità di risorse preziose che gettiamo in discarica durante le feste.

Il riutilizzo fa parte della gerarchia dei rifiuti, ma va giustamente detto che non ha ricevuto l'attenzione che merita. Ad affermarlo è Stephen Gee, Event Director di Resource 2014:

"Troppo spesso si parla di rifiuti e di come potrebbero essere gestiti in modo migliore.  Il problema è che, a quel punto, spesso è 'troppo tardi' per ripararli o riciclarli in modo economico. Resource 2014 cerca soluzioni più a monte, analizzando come i prodotti vengono progettati, prodotti e posseduti. Solo abbracciando la filosofia del ciclo chiuso e l'economia circolare troveremo le risposte per conservare i materiali che stanno diventando sempre più scarsi. Questo potrebbe portare a dei cambiamenti nei modelli di vendita al dettaglio, nei rapporti lungo la supply chain e nei modelli di redditività aziendale. È un passaggio epocale per rivenditori e produttori."

Per maggiori informazioni su Resource, visitare il sito http://www.resource-event.com/

Resource - 4-6 marzo 2014, ExCeL, London

Resource è il primo evento che collega l'intera supply chain - estrazione, progettazione, riciclaggio, produzione, vendita al dettaglio e recupero delle risorse - per sfruttare le opportunità commerciali di un'economia circolare. Un mondo dalle risorse limitate richiede nuove idee e nuovi modelli aziendali. Questo evento permette agli alti dirigenti di stabilire contatti reciproci lungo tutta la supply chain e di individuare soluzioni lungimiranti per strategie aziendali a ciclo chiuso.

UBM Live

UBM Live, divisione di UBM plc, l'azienda globale che si occupa di marketing e di comunicazioni associate agli eventi, mette in contatto le persone e offre opportunità ad aziende di tutto il mondo che vogliano sviluppare nuovi affari, incontrare clienti, lanciare nuovi prodotti, promuovere marchi ed espandere i propri mercati.  Grazie a marchi di alto livello, quali Ecobuild, Medtec, CPhI, IFSEC, Food Ingredients, TFM&A, Cruise Shipping Miami, il Concrete Show e molti altri, le fiere, le conferenze, i programmi di premi, le pubblicazioni, i siti web e programmi di formazione e i sistemi di certificazione di UBM Live sono parte integrante dei piani di marketing di aziende operanti in oltre 20 settori industriali.

Informazioni su UBM plc

UBM plc è un'azienda globale di servizi di marketing e di comunicazione. Informa i mercati e mette in contatto acquirenti e i venditori di tutto il mondo tramite eventi, online e a mezzo stampa. I suoi 6.500 dipendenti operano in oltre 30 Paesi e sono organizzati in team di specialisti al servizio delle comunità commerciali e professionali, aiutandole nella loro attività e permettendo ai loro mercati di funzionare in modo efficace ed efficiente.

Per maggiori informazioni, visitare il sito http://www.ubm.com/; seguiteci su @UBM plc per ricevere le ultime notizie su UBM.

 

FONTE UBM Built Environment Live