I Ministri europei firmano un documento d'intenti rivoluzionario sui sistemi sanitari

27 Giu, 2008, 21:03 BST Da World Health Organization Regional Office for Europe

TALLINN, Estonia e COPENHAGEN, June 27 /PRNewswire/ --

- Il nuovo documento porta equità, prestazioni e responsabilità nel settore della sanità pubblica

I Ministri della Sanità di 53 paesi (1), che compongono la regione europea della WHO, hanno firmato oggi un nuovo documento sui sistemi sanitari, impegnandosi verso il compimento di interventi concreti e quantificabili per il potenziamento dei sistemi sanitari, che permetteranno ai cittadini dei rispettivi paesi e alla comunità internazionale di ritenere detti Ministri responsabili.

Osservando che tutti i paesi hanno sacche di popolazione escluse da un'assistenza sanitaria di qualità, il documento sottolinea che devono essere messi in atto sistemi sanitari forti, per rimuovere barriere quali accesso insufficiente, costi e mancanza di informazioni, ed assicurare a tutti la copertura sanitaria. Il documento dichiara: "Oggi è inaccettabile il fatto che la gente si impoverisca a causa di malattie." "Noi, Stati Membri, ci impegniamo a promuovere valori comuni di solidarietà, equità e partecipazione attraverso politiche sanitarie e allocazione di risorse, e per garantire che attenzione sia posta ai bisogni dei poveri e di altri gruppi di persone vulnerabili."

La WHO calcola che ogni anno le spese sanitarie causano catastrofi finanziarie a 150 milioni di persone e spingono 100 milioni di esse sotto il livello di povertà.

"La salute è un diritto di tutti, ed ha un valore tutto suo. È nell'interesse di tutte le amministrazioni pubbliche investire nella salute dei loro cittadini, poiché la salute della gente arreca un contributo materiale al benessere della nazione," ha detto il Dott. Marc Danzon, Direttore regionale della WHO per l'Europa, in occasione della cerimonia odierna della firma del documento.

"Sono personalmente entusiasta del sistema di valore cosi chiaramente evidente nel documento di Tallinn," ha detto Margaret Chan, Direttore generale della WHO, rivolgendosi ai presenti alla Conferenza. "Come oggi sappiamo, denaro, impegno e beni non possono alimentare un progresso adeguato, in assenza di sistemi di erogazione del servizio sanitario che raggiungano coloro che si trovano in grande necessità, su una scala adeguata, in tempo," ha detto Chan.

Il documento indica in dettaglio gli interventi chiave necessari per rafforzare i sistemi sanitari, quali il miglioramento della trasparenza e della responsabilità per le spese sanitarie, e l'assicurazione che la spesa sia allineata con gli obiettivi della politica sanitaria. "L'aumento degli investimenti nella sanità darà ottimi frutti solo se il denaro è speso bene," ha detto il Dott. Nata Menabde, Vicedirettore regionale della WHO per l'Europa. "Non esiste una misura 'giusta' o 'ottimale' del budget da destinare alla sanità. Non vogliamo dare l'impressione che aumentando semplicemente il livello delle allocazioni del budget al settore della sanità risolverà tutti i problemi. Il sistema sanitario deve aumentare e dimostrare la sua capacità di usare il denaro in maniera prudente e trasparente."

Nella fase preparatoria del documento, la WHO ha eseguito studi che hanno messo in evidenza il collegamento fra salute e benessere economico della popolazione, come prova concreta della necessità di dare seria attenzione politica alle prestazioni dei sistemi sanitari (per maggiori informazioni, vedere:

http://www.euro.who.int/healthsystems/Conference/Documents/20080620_34 ).

La ricerca della WHO mostra che in passato l'importanza del sistema sanitario per la salute generale della popolazione è stata sottovalutata, così come lo è stato l'impatto di una migliore salute generale della gente sulla crescita economica di un paese. Invece di essere visto come un 'peso necessario', investire in sistemi sanitari efficienti dovrebbe essere considerato come un investimento nel benessere futuro della popolazione.

Gli oratori alla Conferenza hanno enfatizzato che buoni sistemi sanitari non devono essere un lusso che solo i paesi ricchi possono permettersi, ma una parte fondamentale dell'infrastruttura sociale e fisica che supporta la prosperità, la coesione, e il benessere sociale di un paese, sottolineando che il documento pone un'enfasi particolare sul garantire ai cittadini un trattamento di dignità e rispetto quando si rivolgono al sistema sanitario.

Firmatari del documento di Tallinn, a nome di tutti i ministri europei, sono stati la Dott.ssa Maret Maripuu, Ministro degli Affari Sociali dell'Estonia e Presidente della Conferenza, e il Dott. Marc Danzon, Direttore regionale della WHO per l'Europa.

Il testo finale del documento sarà pubblicato appena possibile sul sito Web europeo della WHO http://www.euro.who.int

Tutte le sessioni della Conferenza, compresa la cerimonia della firma del documento, sono state trasmesse in streaming in diretta. Registrazioni sono disponibili nel sito htpp://www.euro.who.int/healthsystems2008. Interviste con gli oratori principali e con esperti di rilievo continueranno ad essere disponibili dopo la Conferenza.

(1) http://www.euro.who.int/AboutWHO/About/MH

FONTE World Health Organization Regional Office for Europe