I più recenti risultati di uno studio suggeriscono che i livelli di angiopoietina-2 potrebbero essere un indicatore predittivo dell'efficacia di lenvatinib nel carcinoma differenziato della tiroide refrattario allo iodio radioattivo

27 Set, 2014, 08:15 BST Da Eisai Europe Limited

HATFIELD, Inghilterra, September 27, 2014 /PRNewswire/ --

DESTINATO ESCLUSIVAMENTE AI MEDIA DELL'UE NON DESTINATO AI MEDIA DI SVIZZERA/USA 

 

Ulteriori nuove analisi di sottogruppo per la sperimentazione di Fase III SELECT presentate al Congresso dell'European Society for Medical Oncology (ESMO) 2014 

Nuove analisi per lo studio di Fase III SELECT (Study of (E7080) LEnvatinib in Differentiated Cancer of the Thyroid) su lenvatinib (E7080) nel trattamento del carcinoma differenziato della tiroide refrattario allo iodio radioattivo, dimostrano che i livelli di angiopoietina-2 potrebbero essere un fattore predittivo per la risposta a lenvatinib e di conseguenza per  la riduzione delle dimensioni tumorali e per una maggiore sopravvivenza libera da progressione (PFS).[1] L'angiopoietina-2 è una proteina che regola la formazione di nuovi vasi sanguigni nei tumori.

Un secondo studio mostra una correlazione statisticamente significativa tra l'ipertensione e la PFS in persone affette da carcinoma differenziato della tiroide refrattario allo iodio radioattivo. L'ipertensione è un noto evento avverso dell'inibizione del fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGRF) e un biomarcatore dell'efficacia degli inibitori della tirosin-chinasi nel trattamento del carcinoma a cellule renali.[2],[3] Nello studio SELECT, il 73% dei pazienti trattati con lenvatinib ha evidenziato ipertensione.[2]

"Ad oggi non sono stati identificati biomarcatori prognostici o predittivi specifici per il carcinoma differenziato della tiroide refrattario allo iodio radioattivo o per i suoi trattamenti, pertanto questi studi hanno un'importanza determinante per comprendere meglio questa patologia e il miglior modo di trattarla. Sebbene l'ipertensione sia un evento avverso significativo, che deve essere monitorato e gestito attentamente, può essere un importante indicatore dell'efficacia di un trattamento come lenvatinib. Sono necessari ulteriori studi per indagare il ruolo dell'ipertensione come indicatore predittivo della risposta a lenvatinib, in modo tale che le persone affette da carcinoma differenziato della tiroide refrattario allo iodio radioattivo possano essere gestite correttamente e ottenere il meglio dal loro trattamento" ha commentato Lori Wirth, M.D., Assistente di Medicina presso l'Harvard Medical School e Direttore Medico presso il Center for Head and Neck Cancers, Massachusetts General Hospital.

Una terza analisi caratterizza il cambiamento delle dimensioni del tumore nei pazienti con carcinoma differenziato della tiroide refrattario allo iodio radioattivo e offre importanti conoscenze cliniche per l'uso di lenvatinib in questo tipo di cancro difficile da trattare. I pazienti che hanno ricevuto trattamento con lenvatinib per un anno o più hanno evidenziato una rapida riduzione delle dimensioni del tumore nelle prime otto settimane di trattamento, seguita da una riduzione continua più lenta.[4]

Altri dati presentati all'ESMO 2014 indicano che il beneficio in termini di PFS osservato nella popolazione complessiva dello studio con lenvatinib rispetto al placebo è stato mantenuto in tutti i sottogruppi esaminati, compresi i pazienti con carcinoma della tiroide papillare e follicolare.[5]

I dati di uno studio di Fase II su lenvatinib in pazienti con tutti i sottotipi di carcinoma della tiroide (differenziato, midollare e anaplastico) in stadio avanzato dimostrano una promettente attività in tutti questi tipi di carcinoma. I profili degli eventi avversi sono generalmente simili ai dati ottenuti in studi clinici precedenti.[6]

"I dati presentati all'ESMO di quest'anno dimostrano la mole di evidenze a supporto di lenvatinib nel trattamento del carcinoma differenziato della tiroide refrattario allo iodio radioattivo. Continuiamo a impegnarci a chiarire ulteriormente il potenziale ruolo di lenvatinib nel carcinoma della tiroide e ci dedichiamo a scoprire, sviluppare e produrre innovative terapie oncologiche che possono fare la differenza nelle vite dei pazienti e delle loro famiglie" ha commentato Gary Hendler, Presidente e CEO di Eisai EMEA e Presidente di Eisai Oncology Global Business Unit.[7],[8],[9]

Lenvatinib è un inibitore di molteplici recettori della tirosin-chinasi (TKI) in formula orale con un nuovo meccanismo di legame, che inibisce in modo selettivo le attività chinasiche di tutti i recettori del fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGFR), nonché di altre TKI oncogeniche correlate alle vie proangiogenica e oncogenica, compresi tutti i recettori del fattore di crescita dei fibroblasti (FGFR), il recettore del fattore di crescita derivato dalle piastrine (PDGF) PDGFRα, KIT e RET, coinvolti nella proliferazione dei tumori. Questo meccanismo rende lenvatinib il primo potenziale trattamento che inibisce simultaneamente le attività chinasiche di FGFR 1-4 e VEGFR 1-3.[8],[9],[10]

Lenvatinib, scoperto e sviluppato da Eisai, è stato sottoposto a valutazione accelerata da parte dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA) il 31 luglio ed è stata presentata richiesta di autorizzazione in Europa e negli USA il 18 agosto 2014. In Giappone la domanda di autorizzazione è stata presentata nel giugno 2014. Lenvatinib ha ottenuto la designazione di farmaco orfano (ODD) per il trattamento del carcinoma della tiroide follicolare e papillare da parte della Commissione Europea nell'aprile 2013. È designato inoltre come ODD per il carcinoma della tiroide follicolare, midollare, anaplastico e metastatico o per il carcinoma della tiroide papillare localmente avanzato negli USA e per il carcinoma della tiroide in Giappone.

Lo sviluppo di lenvatinib sottolinea la mission di Eisai nel campo della salute umana (human health care), l'impegno della società di trovare soluzioni innovative per la prevenzione e la cura delle malattie e la sua attenzione alla salute e al benessere dei pazienti in tutto il mondo. Eisai opera nel settore terapeutico oncologico, dedicandosi a soddisfare le esigenze insoddisfatte dei pazienti e delle loro famiglie.

Note per gli editori  

Lenvatinib (E7080) 

Lenvatinib, scoperto e sviluppato da Eisai, è un inibitore orale di vari recettori della tirosin-chinasi (TKI) con un innovativo binding mode che inibisce in modo selettivo le attività chinasiche di tutti i recettori del fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGFR), oltre che di altri TKI correlati alla via proangiogenica e oncogenica (compresi tutti i recettori del fattore di crescita fibroblastico (FGFR); il recettore del fattore di crescita derivato dalle piastrine (PDGF) PDGFRα; KIT e RET coinvolti nella proliferazione tumorale.[10],[11] Tutto ciò rende lenvatinib potenzialmente il primo TKI che inibisce simultaneamente le attività chinasiche di FGFR 1-4 e VEGFR 1-3. È attualmente in fase di studio come trattamento per i tumori della tiroide, il carcinoma epatocellulare (Fase III), il carcinoma polmonare non a piccole cellule (Fase II) e altri tipi di tumori solidi.

Informazioni sullo studio SELECT[12] 

Lo studio SELECT (Study of (E7080) LEnvatinib in Differentiated Cancer of the Thyroid) era una sperimentazione di Fase III multicentrica, randomizzata, in doppio cieco, controllata con placebo, volta a confrontare la PFS di pazienti affetti da carcinoma differenziato della tiroide refrattario allo iodio radioattivoed evidenze radiologiche di progressione della malattia nei 13 mesi precedenti, trattati con una dose orale un volta al giorno di lenvatinib (24 mg) rispetto al placebo. Nello studio, condotto da Eisai in collaborazione con il gruppo SFJ Pharmaceuticals, sono stati arruolati 392 pazienti in oltre 100 centri in Europa, Nord America e Asia.

I partecipanti sono stati stratificati in base all'età (≤65 o >65 anni), la regione e il numero (≤1) di terapie mirate al VEGFR e sono stati randomizzati con un rapporto 2:1 a lenvatinib o placebo (24 mg/die, ciclo di 28 giorni). L'endpoint primario era la PFS, valutata mediante revisione radiologica indipendente. Gli endpoint secondari dello studio includevano il tasso di risposta globale (ORR), la sopravvivenza globale (OS) e la sicurezza.

I cinque eventi avversi correlati al trattamento (TRAE) più comuni di lenvatinib, di qualsiasi grado, erano ipertensione (67,8%), diarrea (59,4%), inappetenza (50,2%), calo ponderale (46,4%) e nausea (41,0%). I TRAE di grado 3 o superiore (Criteri terminologici comuni per gli eventi avversi) includevano ipertensione (41,8%), proteinuria (10,0%), calo ponderale (9,6%), diarrea (8,0%) e inappetenza (5,4%).

Nuove analisi di sottogruppo presentate al meeting annuale dell'European Thyroid Association nel settembre 2014 indicano che lenvatinib mantiene un beneficio in termini di PFS in tutti i sottogruppi predefiniti di pazienti con carcinoma differenziato della tiroide refrattario allo iodio radioattivo in progressione. In particolare, il beneficio in termini di PFS osservato in 195 pazienti con carcinoma differenziato della tiroide refrattario allo iodio radioattivoin progressione in Europa (lenvatinib n=131 e placebo n=64) era simile alla PFS della popolazione complessiva dello studio (HR=0,24, [IC 95%, 0,16-0,35]).[13] La PFS mediana con lenvatinib e placebo era rispettivamente di 18,7 mesi e 3,7 mesi.  

Informazioni sul cancro tiroideo 

Per cancro tiroideo si intende un tumore che si forma nei tessuti della ghiandola tiroide, situata alla base della gola, accanto alla trachea.[14] Presenta un'incidenza maggiore nelle donne rispetto agli uomini, di solito in una fascia d'età compresa tra 40 e 50 anni al momento della diagnosi.[15] Il carcinoma tiroideo è la neoplasia endocrina più comune e le statistiche a livello mondiale rivelano che la sua incidenza è aumentata significativamente negli ultimi 50 anni.[15]

Le tipologie più diffuse di cancro alla tiroide, papillare e follicolare (comprese quelli a cellule di Hurthle), sono classificate come carcinomi tiroidei differenziati (DTC) e coprono circa il 90% di tutti i casi.[16] I casi rimanenti sono classificati come midollare (5-7% dei casi) o anaplastico (1-2% dei casi).[17] Anche se molti di questi tumori sono curabili con interventi chirurgici e trattamenti di radioterapia allo iodio, la prognosi per i pazienti che non rispondono alla terapia è infausta.[18] Inoltre, il trattamento per questa forma di cancro tiroideo difficile da curare, potenzialmente letale e refrattaria alle cure presenta alternative limitate.[19]

Eisai in Oncologia 

Il nostro impegno volto al progresso nella ricerca oncologica, costruito sull'esperienza scientifica, è supportato dalla capacità globale di condurre ricerche di scoperta e pre-cliniche e di sviluppare micromolecole, vaccini terapeutici, agenti biologici e terapie di supporto per svariate tipologie di tumori.

Informazioni su Eisai Co., Ltd. 

Eisai Co., Ltd è una casa farmaceutica leader a livello mondiale nel settore Ricerca e Sviluppo con sede centrale in Giappone e delinea come missione aziendale l'impegno di "dare priorità ai pazienti e alle famiglie e incrementare i benefici per la salute" definita da Eisai stessa la filosofia della "human health care" (hhc). Con oltre 10.000 dipendenti operativi nella rete mondiale di siti di R&S, siti di produzione e consociate addette alla commercializzazione, ci impegniamo a mettere in pratica la nostra filosofia hhc offrendo prodotti innovativi in diverse aree terapeutiche in cui esistono molteplici esigenze non soddisfatte, tra cui l'oncologia e la neurologia. 

In qualità di casa farmaceutica mondiale, la nostra missione si estende ai pazienti di tutto il mondo, attraverso i nostri investimenti e iniziative basate su partenariati al fine di migliorare l'accesso ai farmaci nel paesi in via di sviluppo e nei paesi emergenti.

Per ulteriori informazioni su Eisai Co., Ltd., visitare il sito web http://www.eisai.it

Riferimenti 

  1. Tahara et al. Comprehensive Analysis of Serum Biomarker and Tumor Gene Mutation associated with clinical outcomes in the Phase 3 Study of (E7080) LEnvatinib in Differentiated Cancer of the Thyroid (SELECT). ESMO 2014 abstract #LBA30
  2. Hayman S, et al. Current Oncology Reports 2012; 14(4):285-294
  3. Wirth L, et al. Treatment-emergent hypertension and efficacy in the Phase 3 study of (E7080) lenvatinib in differentiated cancer of the thyroid (SELECT). ESMO 2014 abstract #1030P
  4. Robinson B et al. Characterization of tumour size change over time from the Phase 3 study of (E7080) lenvatinib in differentiated cancer of the thyroid (SELECT). ESMO 2014 abstract #1031P5658
  5. Elisei R et al. Subgroup analyses of a Phase 3, multicentre, double-blind, placebo-controlled trial of lenvatinib (E7080) in patients with 131I-refractory differentiated thyroid cancer. ESMO 2014 abstract #1033P6405
  6. Takahashi S et al. Phase II study of lenvatinib (LEN), a multi-targeted tyrosine kinase inhibitor, in patients with all histologic subtypes of advanced thyroid cancer (differentiated, medullary and anaplastic). ESMO 2014 abstract #995PD4933
  7. Data on file, Eisai.Co.Ltd
  8. Zuccotto F et al. J. Med. Chem. 2010, 53, 2681-2694.
  9. Liao et al. Journal of Medicinal Chemistry, 2007, 50;3:409-–-422
  10. Matsui J, et al. Clin Cancer Res 2008;14:5459-–-65
  11. Matsui J, et al. Int J Cancer 2008;122:664-–-71
  12. Schlumberger M et al. A phase 3, multicenter, double-blind, placebo-controlled trial of lenvatinib (E7080) in patients with 131I-refractory differentiated thyroid cancer (SELECT). ASCO 2014 abstract #E450
  13. Newbold K et al. Phase 3 study of (E7080) Lenvatinib in Differentiated Cancer of the Thyroid (SELECT): Results and subgroup analysis of patients from Europe. Presented as a digital poster at ETA 2014.   #XX
  14. National Cancer Institute at the National Institute of Health. Available at: http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/treatment/thyroid/Patient/page1/AllPages#1 Accessed: September 2014
  15. Brito J et al. BMJ 2013; 347
  16. Cooper DS et al. Thyroid. 2009;19(11):1167-–-1214
  17. Thyroid Cancer Basics. 2011. Available at: http://www.thyca.org Accessed: SeptemberAugust 2014
  18. Gild M et al. Multikinase inhibitors: a new option for the treatment of thyroid cancer. Nature Reviews Endocrinology. 2011; 7: 617-–-624
  19. Bible K, et al. Lancet Oncology 2010;11(10):962-–-972

Codice lavoro: lenvatinib-UK0036d
Data di preparazione: settembre 2014

 

FONTE Eisai Europe Limited