I risultati sperimentali con fentanil intranasale si rivelano promettenti per il trattamento del dolore episodico intenso nei pazienti affetti da cancro

07 Giu, 2007, 13:30 BST Da Nycomed

BUDAPEST, June 7 /PRNewswire/ -- Oggi(1), in occasione del decimo Congresso dell'Associazione Europea per le Cure Palliative (Budapest, 7-9 giugno), è stato rivelato che un pionieristico spray nasale potrebbe bloccare il dolore sofferto da migliaia di pazienti affetti da cancro. Lo studio ha valutato se questa innovativa formulazione sia in grado di favorire una rapida insorgenza del sollievo dal dolore e una breve durata dell'effetto, rispecchiando il dolore episodico intenso spesso sofferto da pazienti di cancro.

Nel corso della loro malattia(2), la maggioranza di questi ultimi soffre di dolore cronico. Tuttavia, il dolore episodico si può manifestare nei pazienti oncologici anche quando viene somministrato un trattamento adeguato per il dolore cronico.(3) Il dolore episodico insorge molto rapidamente, dura in media circa 30 minuti e può essere molto intenso.(2-4) Il trattamento ideale dovrebbe rispecchiare il tipico evento di dolore episodico e garantire un ottimo controllo del dolore, ovvero dando un sollievo rapido ma di breve durata.

Lo studio di raffronto tra il fentanil somministrato per via intranasale e per via intravenosa ha mostrato che il sollievo dal dolore si è verificato in tutti i pazienti 6-8 minuti dopo la somministrazione intranasale.(1) La durata del sollievo è risultata essenzialmente invariata per entrambe le vie di somministrazione.1 La biodisponibilità del fentanil intranasale era dell'89%.(1)

La Dott.ssa Lona Christrup dell'Università di Copenhagen (Danimarca) ha spiegato: 'Come modello per i pazienti affetti da cancro, abbiamo valutato il fentanil intranasale per il trattamento del dolore sofferto da pazienti sottoposti a chirurgia dentale.' Ha poi aggiunto: 'Lo spray intranasale di fentanil utilizzato nel nostro studio ha fornito un ottimo controllo del dolore, ovvero rapida insorgenza d'azione e durata relativamente breve dell'effetto, rendendolo un metodo promettente per il trattamento del dolore episodico intenso associato al cancro. Un altro vantaggio di questo metodo di somministrazione è la sua facilità d'uso, un fattore particolarmente importante per i pazienti oncologici.'

Queste scoperte sono state discusse durante il simposio satellite 'Challenges in treating breakthrough pain' (Le sfide del trattamento del dolore episodico intenso), che ha esaminato i problemi associati al trattamento e alla gestione di questa condizione debilitante. Il dolore episodico è una condizione complessa che richiede una gestione individuale del paziente(5) ed è un problema diffuso tra coloro che soffrono di cancro.(6) Il trattamento ideale dovrebbe comprendere l'utilizzo di un farmaco a rapida insorgenza d'azione, a breve durata e facile da usare. Attualmente, il trattamento usato più frequentemente per il dolore episodico è la morfina orale. Tuttavia, questa non rappresenta il metodo ideale per pazienti oncologici che soffrono di dolore episodico intenso e le motivazioni sono duplici: impiega circa 30 minuti prima di avere effetto, omettendo quindi la maggioranza dell'evento di dolore episodico, e dura 4-6 ore, molto più dell'evento stesso.

Commentando sui risultati dello studio, il Dott. Andrew Davies, Specialista in Cure Palliative presso l'Ospedale londinese Royal Marsden, si è così espresso: 'I risultati di questo studio sono particolarmente interessanti in termini di potenziale uso del fentanil intranasale per il sollievo del dolore episodico intenso in pazienti affetti da cancro. Si tratta di un tipo di dolore univoco e, pertanto, richiede un trattamento univoco. La nostra ricerca ha evidenziato che alla maggior parte di pazienti vengono prescritti analgesici oppioidi forti somministrati per via orale nonostante questi non rappresentino il trattamento ideale. Si deve prestare maggiore attenzione al problema del dolore episodico intenso e i professionisti sanitari devono essere consapevoli dei principi generali di gestione del dolore e, in particolare, dei pro e contro di varie forme di analgesici oppioidi forti.'

NOTE REDAZIONALI

È disponibile su richiesta un documento informativo sul dolore episodico intenso associato al cancro.

Per maggiori ragguagli sul dolore episodico intenso, visitare l'apposita risorsa all'indirizzo www.breakthroughpain.eu, dove vengono fornite anche ulteriori informazioni su tutte le presentazioni del simposio satellite 'Challenges in treating breakthrough pain'.

Nycomed

Nycomed è un gruppo farmaceutico internazionale che fornisce prodotti destinati a uso ospedaliero, specialistico e generico, oltre a farmaci da banco in mercati specifici.

La società opera in varie aree terapeutiche, tra cui cardiologia, gastroenterologia, osteoporosi e gestione respiratoria, del dolore e dei tessuti. Nuovi prodotti sono il risultato di ricerche interne o ottenuti da partner esterni. Attiva in tutta Europa e in mercati in rapida crescita, quali America Latina, Russia/Paesi CIS e Asia Pacifico, Nycomed è presente in circa 50 mercati globali.

Di proprietà privata, il gruppo congiunto ha registrato un fatturato annuo stimato (non verificato) di circa EUR3,4 miliardi e un EBITDA di EUR933,4 milioni (risultati del 2006). In seguito all'acquisizione di ALTANA Pharma AG, operativa sin dall'1 gennaio 2007, a giugno 2007 la sede centrale di Nycomed verrà trasferita da Roskilde (Danimarca) a Zurigo (Svizzera).

Per ulteriori informazioni, visitare www.nycomed.com

Riferimenti bibliografici

(1) Popper L, Christrup L. Breakthrough pain: a randomised trial comparing nasal and intravenous fentanyl in patients with post-operative pain. Presentata al decimo Congresso dell'Associazione Europea per le Cure Palliative, Budapest (Ungheria), 7-9 giugno 2007

(2) Gomez-Batiste X, Madrid F, Moreno F, Gracia A, Trelis J, Nabal M, Alcalde R, Planas J, Camell H. Breakthrough cancer pain: prevalence and characteristics in patients in Catalonia, Spain. Journal of Pain and Symptom Management 2002;24:45-52

(3) Zeppetella G O'Doherty CA, Collins S. Prevalence and characteristics of breakthrough pain in cancer patients admitted to a hospice. Journal of Pain and Symptom Management 2000;20:87-92

(4) Portenoy R e Hagen NA. Breakthrough pain; definition, prevalence, and characteristics. Pain 1990;41:273-281

(5) Davies A. The art of breakthrough pain treatment. Presentata durante il simposio satellite Challenges in treating breakthrough pain tenutosi presso il decimo Congresso dell'Associazione Europea per le Cure Palliative, Budapest (Ungheria), 7-9 giugno 2007

(6) Kaasa S. Challenges in breakthrough pain treatment. Presentata durante il simposio satellite Challenges in treating breakthrough pain tenutosi presso il decimo Congresso dell'Associazione Europea per le Cure Palliative, Budapest (Ungheria), 7 giugno 2007

Per ulteriori informazioni

    
    Dott.ssa Susan Craib, Wells Healthcare
    Telefono:  +44-(0)1892-511600
    Cellulare: +44-(0)7703-544-957

    Germania:
    Susanne Hof, Nycomed, Responsabile Comunicazioni Esterne
    Telefono:  +49-7531-84-30-59
    Cellulare: +49-151-55-00-26-65

FONTE Nycomed