Il casco di Formula 1 "Made in Germany": alta tecnologia allo stato puro!

11 Ago, 2009, 14:00 BST Da Schuberth GmbH

MAGDEBURG, Germania, August 11 /PRNewswire/ -- Schuberth, l'industria produttrice di caschi con sede a Magdeburg dimostra ancora una volta quanto sia importante l'impiego di materiali e sostanze ad alto sviluppo tecnologico: la fibra di carbonio T 1000 ha protetto il pilota brasiliano di Formula 1 Felipe Massa da gravi lesioni in occasione del suo incidente nel corso del Gran Premio di Ungheria.

http://www.newscom.com/cgi-bin/prnh/20090811/355681

Gli specialisti della Schuberth dedicano circa 3000 ore di lavoro allo sviluppo di un casco di Formula 1. Particolare attenzione è rivolta allo sviluppo della fibra di carbonio, un materiale che è stato reso utilizzabile per la produzione dei caschi di Formula 1 proprio grazie al know-how degli specialisti Schuberth. L'attuale grado di sviluppo contaddistingue il T 1000, oggi la fibra di carbonio più resistente agli urti mai prodotta al mondo. Milioni di piccolissimi fili, intrecciati in 80-120 panni, formano la struttura principale della calotta del casco. Il casco di Massa era composto da 18 strati di questa fibra di carbonio, un normale casco da moto ne ha solo tre.I dati sulla performance della fibra di carbonio sono ineguagliati per quanto riguarda la protezione dagli urti. Una verniciatura speciale assicura che un casco di Formula 1 resista per 45 secondi al calore emesso da un cannello per saldatura (circa 900 gradiC) posizionato a distanza di 5 cm.

Protezione e sicurezza, ma anche ricerca del comfort

Il casco non solo protegge il pilota in caso di incidente, ma serve anche ad evitare che questo si verifichi. I caschi sono muniti di uno speciale collare fonoassornbente per minimizzare il rumore percepito. All'orecchio del pilota il rumore del motore giunge a meno di 100 dB. Alle sue spalle, a meno di un braccio di distanza, romba un motore a otto cilindri a oltre 19.000 giri.

Ma anche il peso ha un ruolo importante rispetto all'enorme forza centrifuga. Già solo in frenata, il sestuplo della forza di gravità produce uno stiramento temporaneo sui muscoli della nuca. Perciò sulla lunghezza della corsa i sei grammi in meno grazie alla chiusura del sottogola in titanio invece che in acciaio sono un notevole sollievo.

La protezione della vista è garantita da una lastra antiurto in policarbonato da 4 mm, che deve resistere all'impatto con le particelle a una velocità di 500km/h. In caso di condizioni atmosferiche umide, gli ingegneri della Schuberth, nel 2008, hanno offerto ai loro piloti una visiera riscaldabile: un'altra novità a livello mondiale che, dopo la famigerata corsa sotto la pioggia di Silverstone, ha destato anche l'interesse degli altri piloti di Formula 1.

Il successo ottenuto grazie al trasferimento tecnologico della Formula 1

Un lungo periodo di sviluppo, che rappresenta anche un'impresa audace e dispendiosa, precede le inspiegabili performance dei caschi di Formula 1: per poter mettere in circolazione un nuovo casco di Formula 1, il produttore di caschi Schuberth calcola un importo a sei cifre. Per ogni modello viene poi eseguito l'adattamento individuale alla testa di ciascun pilota di Formula 1.

Tuttavia l'impresa introduce nei suoi prodotti futuri il capitale intellettuale mutuato dal suo impegno nella classe regina degli sport motoristici. Molti dettagli e novità tecniche adottati nella Formula 1, confluiscono nello sviluppo di caschi per il settore della protezione antinfortunistica, vigili del fuoco, corpi di polizia ed esercito. Questo transfer tecnologico interno ha contribuito a rendere il ruolo di leader ottenuto dalla Schuberth nello sviluppo di questi prodotti non solo nel settore dei caschi per sport motoristici indiscusso da decenni. Anche in tutti gli altri settori, la tecnologia per la protezione del capo offerta dalla casa di Magdeburg è incontestata ai massimi vertici nel mondo.

Marcel Lejeune, amministratore della Schuberth GmbH sottolinea l'importanza della Formula 1 per lo sviluppo di ulteriori caschi Schuberth: "La Formula 1 è la piattaforma ideale per testare i nostri prodotti ad alto livello tecnico e in condizioni estreme. Tutto ciò che impariamo nella Formula 1 lo trasferiamo in tutti i settori della nostra gamma di prodotti per motociclismo, protezione antinfortunistica, per i corpi di polizia ed l'esercito. Ogni nostro cliente gode dell'esperienza da noi acquisita in Formula 1. Il nostro principale obiettivo è poter offrire una protezione ottimale del capo unita alla massima sicurezza."

    
    Addetto stampa Schuberth GmbH:

    Manuela Wurm
    Manager Communication/PR
    Telefono: +49-391-8106-212
    E-mail: manuela.wurm@schuberth.de

FONTE Schuberth GmbH