Il Congresso Mondiale della Misericordia 'prende fuoco'

06 Apr , 2008, 21:00 BST Da Association of Marian Helpers

ROMA, April 6 /PRNewswire/ --

- di Dan Valenti

L'inferno è la stazione per la pesa per poter andare in paradiso?

Nel corso di uno splendido momento ecumenico in occasione del primo Congresso Mondiale della Divina Misericordia, il vescono russo ortodosso Hilarion Alfeye, vescovo di Vienna e dell'Austria, ha affermato dinanzi alle 8.000 persone del pubblico che l'amore di Dio non pone limiti alla sua misericordia nei confronti dell'umanità, fino ad arrivare ad imporre un limite temporale alla durata dell'inferno.

Citando Sant'Isacco il siriano, un santo del VII secolo venerato dai russi ortodossi come "famoso tra i santi," il vescovo Hilarion ha commentato che "Dio non fa nulla per ricevere in cambio una retribuzione. Anche il solo pensare a Dio in questi termini sarebbe un atto blasfemo. Ed ancora peggiore è l'opinione secondo la quale Dio permette agli uomini di condurre una vita di peccato sulla terra per punirli in eterno dopo la morte. Si tratta di opinioni blasfeme e perverse di Dio, una calunnia ai danni di Dio."

Questo insegnamento è di valenza opposta rispetto all'opinione del cattolicesimo secondo la quale l'inferno è il punto di arrivo per la dannazione eterna. Nonostante ciò, questo insegnamento "radicalmente bello" per usare le parole di uno dei delegati, non solo è stato permesso dagli organizzatori del congresso che operano a nome di Papa Benedetto XVI, ma è stato anche richiesto con invito.

Il vescovo Hilarian ha parlato su invito del team esecutivo internazionale del Congresso della Divina Misericordia, guidato dal cardinale Christoph Schonborn dell'Austria, un uomo che molti osservatori del Vaticano considerano un successore potenziale di Papa Benedetto.

Il vescovo ha dichiarato che la Divina Misericordia testimonia "l'amore totale di Dio," e per questa ragione, san'Isacco era "molto risentito a causa della diffusione opinione secondo la quale la maggior parte delle persone sarebbe stata punita all'inferno, e solo una piccola parte di coloro che erano stati scelti avrebbe goduto del Paradiso. Egli era convinto," ha aggiunto il vescovo, "che, al contrario, la maggior parte delle persone si sarebbe trovata nel Regno dei cieli, e che solo pochissimi peccatori sarebbero stati condannati a Geenna [inferno], ed anche in questo caso, solo per il tempo necessario al loro pentimento ed alla remissione dei peccati."

Il vescovo Hilarion ha dichiarato che il luogo che viene tradizionalmente considerato "inferno" è di fatto molto più vicino alla dottrina cattolica del purgatorio: un luogo di punizione temporaneo per la remissione dei peccati. Le anime del purgatorio hanno la garanzia di andare in paradiso.

Molti osservatori si sono sentiti rincuorati dal fatto che il Vaticano ha inserito questa dottrina nel Congresso, e vi hanno letto un segno di speranza per il riavvicinamento tra oriente ed occidente. Come ha detto un delegato, il Congresso, che ha avuto il coraggio di invitare il vescovo Hilarion, aveva "preso fuoco."

E così il Congresso Mondiale della Divina Misericordia ha avuto il suo momento carico di tensione. I commenti del vescovo Hilarion sono stati accolti da applausi entusiasti, e dopo il suo intervento, una folla in festa si è fatta avanti per ringraziarlo delle sue parole. Il vescovo Hilarion ha scambiato parole di affetto con il cardinale Schonborn. Il cardinale Schonborn ha ringraziato il vescovo Hilarion per il suo insegnamento, ed i due hanno parlato per diversi minuti, con una calorosa stretta di mano. Schonborn opera a nome di Papa Benedetto come moderatore delle sessioni plenarie del Congresso.

Benedetto ha aperto il Congresso mercoledì 2 aprile, con una mezza nella piazza di San Pietro in occasione del terzo anniversario della morte di Papa Giovanni Paolo II.

La sessione plenaria del Congresso si tiene nella Basilica di San Giovanni in Laterano, la cattedrale del Papa nelle sue vesti di vescovo di Roma. Il Congresso termina domenica 6 aprile nella piazza di san Pietro.

Dan Valenti è redattore capo/caposervizio e commentatore per la Association of Marian Helpers, ed è presente al congresso su loro incarico. Resoconti dettagliati e completi delle attività del Congresso sono disponibili sul sito www.mercycongress.org

    
    Sito Internet: http://www.thedivinemercy.org
                   http://www.mercycongress.org

FONTE Association of Marian Helpers