Il crescente benessere della Cina sposta l'interesse degli investitori verso nuovi mercati emergenti

30 Lug, 2008, 10:00 BST Da Atradius N.V.

AMSTERDAM, July 30 /PRNewswire/ --

- I nuovi mercati finali sono il motivo principale per le aziende orientate al Sud-est asiatico

La Cina è stata la chiave di volta per molte aziende attive in Asia. Tuttavia, l'aumento del costo della manodopera e delle materie prime ha indotto molte di queste aziende a rivedere i propri piani di crescita, dando origine ad un fenomeno conosciuto come la strategia della "Cina più uno", per la quale molte aziende cercano di diversificare maggiormente le loro attività nella regione asiatica, al di là della loro presenza in Cina.

Nonostante Cina e India continuino ad essere al centro dell'attenzione, molte aziende vedono i loro utili aumentare rapidamente anche in altri Paesi asiatici, spesso con risultati superiori a quelli ottenuti in Cina. Il 15% degli intervistati prevede un aumento dei ricavi superiore al 25% annuo per le loro attività nel Sud-est asiatico, quasi il doppio rispetto alle aziende che hanno potuto vantare tali risultati negli ultimi tre anni.

E' quanto emerge dal nuovo rapporto "Raccolti fruttuosi - opportunità sui mercati emergenti del Sud-est asiatico" pubblicato dall'assicuratore del credito globale Atradius, in collaborazione con l'Economist Intelligence Unit. Il rapporto è basato su un sondaggio condotto presso le aziende, molte delle quali con sede in Europa e negli Stati Uniti.

Un altro motivo per cui le aziende si rivolgono ai mercati emergenti di "secondo livello" è l'attuale carenza di capacità manifatturiera in India. Una miscela di burocrazia, politica e scarsità di mezzi che porta le aziende a cercare altri mercati di interesse.

"A parte i problemi infrastrutturali, il mercato asiatico presenta enormi opportunità tanto per gli investitori occidentali quanto per gli esportatori" afferma Tommie Sjödahl, Chief Market Officer di Atradius responsabile per l'Asia. "Con la contrazione, o nel migliore dei casi la stagnazione, dei mercati tradizionali in seguito alla stretta economica globale, le aziende si stanno rivolgendo - anche perché in molti casi non vedono alternative - ai mercati del Sud-est asiatico".

Il rapporto Atradius "Raccolti fruttuosi - opportunità sui mercati emergenti del Sud-est asiatico" è consultabile in lingua inglese (Rich pickings - opportunities in Southeast Asia's emerging markets) all'interno dell'area Publications del sito web Atradius all'indirizzo Internet http://global.atradius.com/creditmanagementknowledge/publications/latestreleases.html.

La pubblicazione sarà presto disponibile anche in lingua italiana. Più di metà delle aziende che hanno partecipato al sondaggio hanno osservato che il potenziale del Sudest Asiatico come nuovo mercato finale era uno dei principali motivi per cui si sono orientante verso quei Paesi. Il rapporto Atradius dimostra che le economie del Sud-est asiatico, che appartengono ai Paesi dell'ASEAN, attraggono sempre di più l'interesse delle aziende estere che intendono investire, commercializzare, approvvigionarsi o trovare dei partner nella regione.

"La resistenza di questi mercati alla recessione globale è imputabile alle lezioni apprese dopo la crisi finanziaria che aveva colpito l'Asia alla fine degli Anni '90" spiega Sjödahl "e questo è un segnale positivo per le aziende occidentali che cercano di accrescere le loro attività in Asia."

Atradius:

Atradius fornisce servizi di assicurazione del credito commerciale, di sicurezza e di riscossione dei crediti in tutto il mondo, con una presenza in 40 paesi. I suoi prodotti e servizi sono pensati per ridurre l'esposizione dei nostri clienti in caso di acquirenti insolventi rispetto ai prodotti e servizi acquistati dai clienti. Con un fatturato globale di circa 1,8 miliardi di euro e una quota del 31% del mercato globale dell'assicurazione del credito commerciale, i prodotti Atradius contribuiscono alla crescita di aziende di tutto il mondo proteggendole dai rischi di pagamento associati alla vendita a credito di prodotti o servizi. Con 160 uffici e un accesso alle informazioni sul credito di 52 milioni di aziende nel mondo, Atradius tratta più di 22.000 decisioni di credito commerciale ogni giorno.

http://www.atradius.com

FONTE Atradius N.V.