Il famoso wine writer Hugh Johnson partecipa alla finale della Pinot noir Cup 2006. Un eccezionale nono posto per la Tenuta Mazzolino di Corvino San Quirico (Pv)

01 Dic, 2006, 13:13 GMT Da Wein Gourmet

KÖNIGSWINTER, Germania, December 1 /PRNewswire/ -- Due tenute vinicole si sono spartite la Pinot noir Cup 2006: la tenuta Schmitts Kinder di Randersacker della regione vinicola Franken e la tenuta Eichholz di Jenins del Cantone Svizzero dei Grigioni. Dopo due giorni di degustazione presso il Grand Hotel Petersberg la giuria internazionale della rivista Wein Gourmet ha assegnato ai due vini vincitori lo stesso punteggio. Un eccezionale nono posto per la Tenuta Mazzolino di Corvino San Quirico (Pv) per il suo Pinot nero Oltrepo Pavese del 2004.

Durante le tre sedute nel Grand Hotel Petersberg i degustatori hanno valutato 59 vini. Alla fase di preselezione avevano partecipato oltre 450 vini - tutti del 2004 - per l'incoronazione del migliore Spätburgunder proveniente da Germania, Italia e Austria, Svizzera e Francia (esclusa la Borgogna).

L'ospite d'onore della giuria, il famosissimo wine writer Hugh Johnson, si è mostrato molto impressionato dall'elevato livello dei vini arrivati in finale. "Qualche vino è un po' troppo caratterizzato dalla botte di quercia. Ma ho trovato anche classici di buon gusto - e i vini migliori hanno uno charme davvero seducente".

Wein Gourmet organizza tutti gli anni la Pinot noir Cup - quest'anno si tratta della quinta edizione. Lo scopo è attirare l'attenzione sul progresso qualitativo dei vini Pinot nero dei paesi partecipanti. "Il Pinot Nero della Borgogna è l'originale e rimane per molti versi il metro di misura", ha affermato il redattore di Wein Gourmet, Dr. Ulrich Sautter. "Ma in tutta Europa i viticoltori lavorano con grande impegno personale ed entusiasmante talento ai vini di questo difficile tipo di vite. Come organizzatori della Pinot noir Cup siamo fortunati di poter accompagnare questo sviluppo". Parallelamente alla cerimonia della premiazione presso il Grand Hotel Petersberg di Bonn si è svolto un meeting di viticoltori di due giorni: uno scambio di esperienze, che pone le basi per un ulteriore incremento della qualità.

La giuria:

Hugh Johnson, scrittore, Londra (GB)

Prof. Dr. Konrad Bernath, Fachhochsule Wädenswil (CH)

Hofrat Robert Steidl, Höhere Lehranstalt Klosterneuburg (A)

Gianni Fabrizio, Slow Food Piemont, Torino (I)

Anton Eggel, commerciante di vini, Gummersbach (D)

Dr. Ulrich Sautter, Redazione Wein Gourmet, Amburgo (D)

I cinque migliori vini:

Primo posto: 2004 Pinot noir "Eichholz", Weingut Eichholz, Irene Grünenfelder, Jenins (CH)

Primo posto: 2004 Randersackerer Sonnenstuhl Spätburgunder "S" trocken, Weingut Schmitts Kinder, Randersacker (D)

Terzo posto: 2004 Pinot noir, Weingut Claus Preisinger, Gols (A)

Quarto posto: 2004 Schloss Proschwitz Spätburgunder trocken "Barrique", Weingut Prinz zur Lippe, Meissen (D)

Quinto posto: 2004 Untertürckheimer Gips Spätburgunder *** trocken, Weingut Aldinger, Untertürckheim (D)

Dr. Ulrich Sautter, Redazione Wein Gourmet, Amburgo

    
    Contatto:
    
    Dr. Ulrich Sautter
    Redazione WEIN GOURMET
    Tel.: +49-(0)40-2717-3762
    Fax: +49-(0)40-2717-2062
    E-Mail: ulrich.sautter@wein-gourmet.com
    
    Mona Burmester
    Pubbliche relazioni
    Tel.: +49-(0)40-2717-2493
    Fax: +49-(0)40-2717-2063
    E-Mail: presse@jalag.de

FONTE Wein Gourmet