Il filantropo statunitense Greg Mortenson insignito del più alto riconoscimento civile pachistano, la Sitara-E-Pakistan (stella del Pakistan) per i suoi sedici anni di sforzi per la promozione dell'istruzione e dell'alfabetizzazione delle bambine delle zone rurali

23 Mar, 2009, 21:38 GMT Da Central Asia Institute

ISLAMABAD, Pakistan, March 23 /PRNewswire/ --

Lunedì 23 marzo 2009 il filantropo statunitense Greg Mortenson riceverà nel corso di una cerimonia ufficiale a Islamabad il più alto riconoscimento civile pachistano, la Sitara-E-Pakistan (stella del Pakistan) per i suoi sedici anni di sforzi per la promozione dell'istruzione e dell'alfabetizzazione delle bambine delle zone rurali

(Foto: http://www.newscom.com/cgi-bin/prnh/20090321/DC87068)

Solo tre stranieri hanno ricevuto questo riconoscimento in passato.

"Si tratta di un grande onore che ispira umiltà," ha affermato Greg Mortenson, attualmente a Kabul, "ma il merito effettivo va a milioni di insegnanti e studenti di grande determinazione, e al popolo pakistano, che continua a coltivare la speranza attraverso l'istruzione, nonostante gli enormi ostacoli."

Mortenson cita spesso un proverbio africano che imparò da ragazzo: "Se istruisci un bambino, istruisci un individuo. Ma se istruisci una bambina, istruisci una comunità."

Greg Mortenson è co-fondatore dell'organizzazione no profit Central Asia Institute www.ikat.org, fu l'iniziatore di Pennies For Peace www.penniesforpeace.org ed è coautore del best seller internazionale 'Tre tazze di tè' www.threecupsoftea.com, edito in 29 Paesi e attualmente al primo posto nell'elenco dei best seller del New York Times nella categoria della saggistica, in cui è inserito da oltre due anni.

Mortenson è convinto che l'educazione delle bambine debba essere una priorità globale e cita statistiche che mostrano che i Paesi nei quali l'alfabetizzazione femminile è più alta la mortalità infantile diminuisce in maniera sensibile, l'esplosione demografica viene contenuta, e migliorano gli indicatori complessivi di qualità della vita e salute. Mortenson è convinto che istruzione e alfabetizzazione siano una delle principali via che porta alla pace in quanto l'ignoranza genera solo odio.

Mortenson trascorse la giovinezza in Tanzania, alle pendici del Kilimanjaro (tra il 1958 e il 1973). Il padre, Dempsey, fu co-fondatore del Kilimanjaro Christian Medical Center, mentre la madre Jerene creò la scuola internazionale Moshi.

Nel luglio del 1992 la sorella di Mortenson, Christa, morì di convulsioni dopo una lunga battaglia contro l'epilessia alla vigilia di una visita a Dyersville, Iowa, dove fu girato in un campo di grano il film sul baseball 'L'uomo dei sogni'. L'anno successivo, per onorare la memoria della sorella, Mortenson tentò la scalata del K2, la seconda più alta vetta al mondo, situata in Pakistan.

Dopo la scalata del K2 nel 1993, mentre si riprendeva dalla fatica in un villaggio locale, Mortenson incontrò un gruppo di bambini seduti tra la polvere che scrivevano nella terra con dei bastoncini, e promise che avrebbe costruito per loro una scuola.

Da quella impetuosa promessa nacque una campagna umanitaria che dura fin da allora ed è dedicata a promuovere l'istruzione, specialmente delle bambine, in Pakistan e Afghanistan.

Mortenson ha fondato oltre 78 scuole nelle zone rurali di Pakistan e Afghanistan dedicate all'istruzione di oltre 30 mila bambini, di cui 22 mila femmine, dove scarse erano prima le opportunità d'istruzione.

Questo suo lavoro non è stato privo di difficoltà. Nel 1996 scampò a un rapimento a mano armata durato otto giorni nelle aree tribali della provincia di frontiera nordoccidentale del Pakistan; nel 2003 sopravvisse invece a una sparatoria tra corrieri dell'oppio afghani rivali trovando rifugio per otto ore sotto carcasse di animali putrescenti in un camion diretto verso una conceria. Mortenson è scampato inoltre a due fatwah pronunciate contro di lui da sacerdoti islamici, è stato investigato dalla CIA e ha ricevuto minacce di morte da suoi concittadni americani dopo l'undici settembre per l'aiuto dato a bambini musulmani.

Mortenson è un eroe per le comunità rurali di Afghanistan e Pakistan, dove si è conquistato la fiducia di leader islamici, comandanti militari, funzionari del governo e capi tribali.

Mortenson ha 51 anni e nei sei mesi circa che non trascorre all'estero vive nello stato del Montana (USA) con la moglie, dottor Tara Bishop, e due figli.

    
    Collegamenti correlati
    Libro www.threecupsoftea.com
    Organizzazione no profit Central Asia Institute www.ikat.org
    Programma per l'infanzia Pennies For Peace www.penniesforpeace.org

Per informazioni rivolgersi a: Jennifer Sipes, direttore delle operazioni, Central Asia Institute, USA, tel: +1-406-585-7841 cai@ikat.org

FONTE Central Asia Institute