Il registro indipendente STENT conferma la sicurezza e l'efficacia eccellentedello stent TAXUS(TM)

29 Nov, 2005, 08:30 GMT Da Boston Scientific Corporation

NATICK, Massachusetts, November 29 /PRNewswire/ --

- I dati provvisori a 9 mesi del più vasto registro statunitense indipendente sui DES evidenziano il predominio dello stent Taxus della Boston Scientific rispetto allo stent Cypher di J&J

Boston Scientific Corporation (NYSE: BSX) ha accolto con grande soddisfazione i risultati provvisori comunicati dal registro indipendente e multicentrico STENT che hanno ulteriormente confermato la sicurezza e l'efficacia del proprio sistema di stent a eluizione di paclitaxel TAXUS(TM) Express2(TM) per la cura delle coronaropatie su una popolazione reale di pazienti con arterie coronariche ostruite. Un'analisi dei dati relativi a pazienti che sono stati seguiti per 9 mesi dalla data dell'impianto ha rivelato un andamento numericamente favorevole allo stent TAXUS rispetto al sistema di stent a eluizione di sirolimus Cypher(R) della Johnson & Johnson nella riduzione degli eventi cardiaci avversi maggiori (MACE) e della rivascolarizzazione del vaso target (TVR).

STENT (Strategic Transcatheter Evaluation of New Therapies) è il primo registro statunitense, multicentrico prospettico avviato per valutare la sicurezza e l'efficacia a lungo termine degli stent coronarici a eluizione di paclitaxel e sirolimus su una popolazione di pazienti reali e in situazioni cliniche. Charles Simonton, M.D., è il responsabile del comitato di controllo esecutivo per il gruppo STENT.

"Lo studio attuale rivela come gli stent TAXUS siano stati impiantati in pazienti leggermente più anziani, con rischi di lesioni più gravi e con vasi un po' più piccoli dei pazienti sottoposti a impianto di stent Cypher" ha dichiarato il Dr. Simonton. "In base ai dati raccolti finora, nei risultati a nove mesi, gli stent a eluizione di paclitaxel e sirolimus hanno dimostrato complessivamente efficacia e sicurezza simili. Se nel confronto si tiene conto della maggiore complessità del quadro clinico dei pazienti sottoposti a impianto di stent TAXUS, i risultati volgono a favore dello stent TAXUS, ma senza differenze statisticamente significative tra i due stent."

Partecipano alla compilazione del registro otto centri statunitensi per il trattamento delle coronaropatie, che hanno iscritto più di 8.000 pazienti, la più grande popolazione mai coinvolta in qualsiasi indagine di questo genere. Al momento della divulgazione dei risultati provvisori dell'indagine, avevano concluso il follow-up a nove mesi 3.758 pazienti, di cui 1.476 erano stati sottoposti a impianto di stent TAXUS e 2.282 di stent Cypher. Le caratteristiche di base erano simili tra i due gruppi esaminati, anche se i pazienti cui era stato impiantato lo stent TAXUS tendessero ad essere un poco più anziani e con una sindrome coronarica più acuta, diametro dei vasi leggermente più piccolo e rischio più elevato di lesioni ACC. Gli ultimi risultati clinici propendono numericamente a favore del paclitaxel piuttosto che del sirolimus, in particolare per quanto riguarda i valori relativi ai decessi (2,1 contro 2,7), a infarto miocardico (1,8 contro 2,2), TVR (3,4 contro 4,2) e MACE (6,8 contro 7,9). Inoltre, entrambi gli stent TAXUS e Cypher hanno dimostrato una limitata incidenza di episodi trombotici, coerentemente con i risultati riscontrati per gli stent in metallo non rivestito.

"In contrasto con alcune delle indagini condotte in Europa, anche se più limitate come numero di pazienti coinvolti ed eseguite presso un unico centro, i risultati provvisori forniti dallo STENT suggeriscono che gli stent a eluizione di paclitaxel e di sirolimus sono pressoché equivalenti o mostrano un andamento favorevole per lo stent TAXUS" ha affermato Hank Kucheman, Presidente del settore Interventional Cardiology di Boston Scientific. "Cosa più importante, i risultati confermano ciò che era già emerso dalle indagini cliniche casuali come TAXUS II, IV e V e , da registri come ARRIVE: il sistema di stent TAXUS Express2 si caratterizza per un'ottima prestazionalità nella popolazione di pazienti reali. Ci auguriamo di poter disporre dei risultati completi l'anno prossimo."

Ulteriori risultati estrapolati dal registro STENT verranno presentati alla conferenza American College of Cardiology nel 2006, con la presentazione dell'analisi conclusiva prevista per il simposio TCT del 2006.

Boston Scientific si occupa dello sviluppo, della produzione e della commercializzazione in tutto il mondo di dispositivi medicali, e i suoi prodotti sono utilizzati in un'ampia gamma di specialità mediche chirurgiche. Per ulteriori informazioni, visitate: www.bostonscientific.com.

Questo comunicato stampa contiene affermazioni di carattere previsionale. La Società desidera avvertire il lettore del comunicato stampa che i reali risultati potrebbero differire rispetto a quelli discussi nelle affermazioni di carattere previsionale e potrebbero essere soggetti, tra l'altro, a rischi associati a test clinici, processi di approvazione regolamentare, commercializzazione di nuove tecnologie, proprietà intellettuale e altri fattori descritti nella documentazione della Società con la Commissione di Sicurezza e Scambio.

FONTE Boston Scientific Corporation