Il sangue non è acqua

06 Set, 2012, 07:00 BST Da Decanter

LONDRA, September 6, 2012 /PRNewswire/ --

Quando si tratta di produrre vino, il vecchio adagio che "il sangue non è acqua" si rivela corretto. In una degustazione "cieca" di 14.120 vini durante il Decanter World Wine Awards di quest'anno, un buon 71% di questi vini proveniva da cantine a gestione familiare.  

     (Logo: http://photos.prnewswire.com/prnh/20120906/559221 )

Sarah Kemp, Direttore editoriale di Decanter Magazine, spiega : "Una battuta dice che il '90% delle famiglie è disfunzionale, mentre il restante 10% lo nega, motivo per cui sono stupefatta e impressionata da come il mondo del vino sia ancora, nella fascia alta, un affare di famiglia". Sarah tuttavia rifiuta l'idea che i  migliori vini possano avere origine solo da cantine a gestione familiare. "Anche le cooperative e le cantine aziendali hanno iniettato enorme energia nel mondo del vino e sanno produrre vini di grande qualità".

Una delle soprese del DWWA 2012 è stata che le cantine a gestione familiare non erano soltanto europee: i vincitori provenivano da Nuova Zelanda, Sud Africa e persino Cina.

Gustavo Bauzá, proprietario di Bodegas Salentein a Mendoza, Argentina, è stato il vincitore di quest'anno del Trofeo "Rosso monovarietale sotto le 10£" per il suo Potillo Malbec 2011. "Alcuni dei miei primi ricordi sono collegati al gioco nei vigneti," dice Gustavo. "Ho imparato a conoscere il vino e l'enologia sin da piccolo. Conosco i nostri terreni nei minimi dettagli, ogni blocco, ogni filare di viti. Non sono un produttore di vini nomade, che si sposta da un lavoro all'altro su diversi terreni: è qui che farò sempre il mio vino. Gustavo, che ha conseguito varie qualifiche formali in enologia, compreso un MBA, è categorico nell'affermare che è la sua attenzione al dettaglio a fare la differenza tra un buon vino e un grande vino.

In molte cantine i metodi di produzione restano tradizionali, ma le generazioni più giovani introducono nuove idee su come garantire che i vigneti siano sostenibili e al sicuro dal punto di vista ambientale, pur restando al contempo redditizi. Dopo tutto, ci vogliono 30 anni prima che una vite  dia i suoi frutti migliori. Non le pianti per te stesso: le pianti per i tuoi figli.

Note per i redattori:

  • Decanter Magazine gode di fama internazionale per la sua reputazione prestigiosa e la sua influenza senza pari sui consumatori.
  • Attraverso il rigoroso processo di giudizio, ciascun vino viene degustato da una giuria dedicata. Ciascun vino viene discusso dalla giuria approfonditamente prima che essa emetta un parere.
  • Per ulteriori informazioni, consultare http://www.decanter.com/dwwa/

Clementine Communications
Juliette Fortin or Clemence de Crécy- +44(0)207-471-8730
juliette@clementinecom.com

FONTE Decanter