Il Tirolo annuncia che praticamente tutti i maggiori collegamenti viari sono aperti

29 Ago, 2005, 07:23 BST Da Tirol Werbung

INNSBRUCK, Austria, August 29 /PRNewswire/ -- La parte orientale e la maggior parte del Tirolo non sono state coinvolte dalle inondazioni del 23 agosto, tuttavia, alcune zone più occidentali della provincia austriaca hanno subito degli allagamenti, i quali hanno interessato alcune reti stradali. La maggior parte delle strade allagate sono già state riaperte al traffico, permettendo in questo modo ai turisti che lo desideravano, di abbandonare le località di villeggiatura per fare rientro a casa. La maggior parte dei turisti ha comunque deciso di rimanere e di continuare le vacanze.

Le squadre di soccorso sono ancora impegnare 24 ore su 24 per riuscire a ripristinare le abitazioni e le infrastrutture viarie nelle aree più colpite. In particolare, i danni hanno interessato principalmente le abitazioni private, e in misura minore gli hotel. Nella maggior parte dei casi, i turisti possono continuare o cominciare le loro vacanze come avevano programmato.

Anreas Steibl, direttore dell'Ufficio del Turismo di Paznaun/Ischgl ha dichiarato "È incredibile. Due giorni fa, non credevamo che il processo di ripristino sarebbe cominciato così velocemente come è accaduto. Le squadre di soccorso hanno svolto un lavoro fantastico; gli abitanti locali e anche i turisti si sono prestati per dare una mano per tornare alla normalità il più rapidamente possibile. La maggior parte dei collegamenti stradali sono ora nuovamente transitabili, permettendo così ai turisti che desiderano lasciare la valle di farlo; tuttavia ora le piogge sono terminate, i livelli delle acque dell'inondazione si stanno abbassando, e il numero di turisti che decide di partire è molto basso."

Accessibilità alla Valle Paznaun

La strada di accesso a See è ancora transitabile via Tobadill. La strada è aperta al traffico (per i veicoli fino a 3,5 tonnellate) tutti i giorni dalle 08:00 alle 20:00. L'accesso a Kappl è consentito sempre via Tobadill, sulla strada B188 per See, proseguendo poi su strade secondarie fino a Kappl. La strada è transitabile in entrambe le direzioni di marcia( con senso alternato) e i convogli vengono scortati. È solo consentito il transito ai veicoli di peso non superiore a 3,5 tonnellate.

    
    Orari di ogni convoglio
    08:00 - 10:00 da Hrs Landeck a Kappl
    11:00 - 13:00 da Hrs Kappl a Landeck
    14:00 - 16:00 da Hrs Landeck a Kappl
    17:00 - 19:00 da Hrs Kappl a Landeck

La strada che porta a Galtuer e Ischgl passa da Montafon (Vorarlberg) e la strada Silvretta, transitabile solo da veicoli di peso inferiore a 3,5 tonnellate. I turisti che hanno prenotato dei soggiorni di vacanza nella valle Paznaun possono viaggiare lungo questo itinerario per raggiungere i loro rispettivi hotel. La maggior parte degli hotel non ha subito danni e pertanto sono aperti.

Situazione positiva nella Valle Stanz

"Il centro di St. Anton non ha subito alcun danno, gli unici danni si sono verificati sulla strada che porta alla cittadina e sulle strade in uscita. Le operazioni di pulizia sono a buon punto e i turisti possono ora riprendere le proprie vacanze senza temere ulteriori interruzioni" ha dichiarato Martin Ebster, direttore dell'Ufficio del Turismo di St. Anton e della Valle Stanz. L'accesso ai paesi della valle Stanz (St. Anton, Pettneu , Flirsch e Strengen) è possibile tramite la superstrada Arlberg (S 16). Nella zona del traforo Strengen il traffico può transitare scortato in convogli, e pertanto ritardi e code sono inevitabili. Il traforo è chiuso dalle 22:00 alle 6:00. L'accesso a Strengen è possibile solo da occidente, via Flirsch. Il transito attraverso il traforo Arlberg, o il relativo passo alpino, non è attualmente praticabile.

Tutti i collegamenti stradali per la Valle Lech sono aperti

La Valle Lech è stata anch'essa interessata dalle inondazioni, ma ora la situazione è tornata praticamente alla normalità e sia gli abitanti locali che i turisti possono riprendere la loro vita di tutti i giorni.

Michael Kohler, direttore dell'Ufficio del Turismo della Valle Lech ha dichiarato "Gli instancabili e continui sforzi delle squadre di soccorso hanno dato risultati straordinari. Ad eccezione di un hotel e di un campeggio, le infrastrutture turistiche sono tutte intatte. I collegamenti viari sono in buone condizioni e la Valle Lech è raggiungibile dalla Germania, dalla Svizzera, nonché via Bregenz".

Josef Margreiter, CEO del Comitato del Turismo del Tirolo ha dichiarato "Vorrei ringraziare profondamente tutti i turisti che stavano trascorrendo le loro vacanze in Tirolo quando si è verificata l'inondazione. La loro solidarietà e comprensione durante i primi giorni del disastro sono stati profondamente apprezzati; vorrei inoltre ringraziare tutti coloro che si sono prodigati ad aiutare spontaneamente le popolazioni locali nelle operazioni di pulizia".

Servizi d'informazione e siti web delle regioni interessate dalle inondazioni

Gli uffici del turismo locali forniscono un servizio d'informazioni continuo, per offrire informazioni aggiornate e affidabili. La sicurezza degli automobilisti ha sempre occupato un ruolo di primaria importanza quando si devono prendere decisioni che riguardano la riapertura delle strade.

Per ulteriori informazioni:

    
    Ufficio del Turismo di Paznaun (Ischgl, Galtür, Kappl, See)
    Telefono +43-5444-5266-0
    info@ischgl.com
    www.ischgl.com
    
    Ufficio del Turismo di St. Anton/Stanzertal
    Telefono +43-5446-22690
    info@stantonamarlberg.com
    www.stantonamarlberg.com
    
    Ufficio del Turismo di Lechtal
    Telefono +43-5634-5315
    info@lechtal
    www.lechtal.at

Per informazioni dettagliate sulla situazione del traffico dopo le inondazioni, visitate il sito: www.serviceline.tirol.at

FONTE Tirol Werbung