Insolvenze in peggioramento nei Paesi Nafta e in Brasile nel 2016

28 Set, 2016, 14:00 BST Da Atradius N.V.

BALTIMORA e ROMA, September 28, 2016 /PRNewswire/ --

Le previsoni di Atradius sui comportamenti di pagamento delle aziende a livello internazionale

  • Insolvenze in aumento negli USA (+3%) ed in Canada (+4)  
  • La contrazione del PIL in Brasile (-3,4%) provoca l'aumento dei fallimenti  
  • Il 92% delle imprese registra ritardi di pagamento dai propri clienti B2B  
  • Mancini (Atradius Italia) "essenziale tutelare il portafoglio crediti export dai mancati pagamenti" 

Insolvenze in peggiornamento quest'anno nei Paesi NAFTA ed in Brasile, con incrementi previsti rispettivamente del +3% negli Stati Uniti e del +4% in Canada, determinati soprattutto dai bassi prezzi delle materie prime. Prezzi bassi del petrolio, rallentamento della crescita economica statunitense e crescita lenta della produttività in Messico, recessione in Brasile (Pil -3,4%) sono le ragioni principali dell'aumento dei fallimenti d'impresa in questi Paesi. In un contesto insolvenze difficile, cresce l'interesse delle imprese verso gli strumenti di tutela del business dai mancati pagamenti dei clienti.  

Secondo l'edizione di settembre 2016 del "Barometro Atradius sui comportamenti di pagamento tra imprese a livello internazionale - Focus NAFTA e Brasile", il 92% dei fornitori intervistati in un sondaggio in questi Paesi ha lamentato ritardi di pagamento su fatture commerciali nel corso dell'anno. In pratica, i ritardi di pagamento da parte dei clienti hanno interessato circa la metà del valore totale delle fatture commerciali emesse. Per questo motivo, due fornitori su cinque hanno pagato in ritardo i propri fornitori, provocando un effetto domino su tutta la catena del valore dei rapporti commericali. In sintesi, con il rallentamento dei flussi di cassa viene a limitarsi la capacità di investimento e crescita delle imprese.

Il Barometro Atradius evidenzia, inoltre, che a causa delle criticità derivanti dai ritardi di pagamento sulle fatture commerciali:

  • circa il 30% dei fornitori in NAFTA e Brasile ha dovuto adottare specifiche misure per correggere i flussi di cassa
  • circa il 20% è dovuto ricorrere a finanziamenti esterni per compensare le perdite.

Nel corso dei prossimi 12 mesi, per tutelare la redditività aziendale, il 40% dei fornitori intervistati chiederà alle imprese clienti forme di pagamento con garanzia, intensificando le attività di controllo del merito di credito delle controparti commerciali, oltreche delle precedenti esperienze di pagamento.

Andreas Tesch, Chief Market Officer di Atradius N.V., ha commentato: "Le previsioni d'insolvenza nella maggior parte dei mercati avanzati, tra cui Stati Uniti e Canada, sono peggiorate. Indipendemente dalle ragioni sottostanti, le sfide poste da un ambiente d'insolvenza difficile richiedono che le imprese adottino strategie di gestione dei crediti commerciali, che consentano loro di crescere in modo sicuro".

Massimo Mancini, Contry Manager di Atradius per l'Italia, conclude sottolineando che "Le criticità riferite ai ritardi di pagamento su fatture commerciali, siano essere domestiche o all'export, dovrebbero essere sempre gestite in maniera strategica, e non soltanto in momenti di difficoltà, come quelli causati in alcune economie dalla pressione al ribasso sui prezzi delle materie prime. Come assicuratori del credito, pensiamo che le imprese debbano orientarsi sempre più verso l'utilizzo di strumenti in grado di prevenire tali criticità, per garantirsi crescita e sviluppo sostenibili".

Il Barometro Atradius sui comportamenti di pagamento tra imprese a livello internazionale - Focus NAFTA e Brasile può essere scaricato gratuitamente sul si trova sul sito Internet di Atradius http://www.atradius.com oppure http://www.atradius.it

FONTE Atradius N.V.