Intervista esclusiva di Time agli ostaggi italiani liberati

04 Ott, 2004, 12:20 BST Da Time Magazine

LONDRA, October 4 /PRNewswire/ --

- Le volontarie italiane Simona Torretta e Simona Pari nominate Eroine Europee 2004 da TIME - Rilasciate dopo tre settimane di prigionia in Iraq - "Le due Simone" ritratte sulla copertina di TIME Europa

"Non lo facciamo perché ci sentiamo delle eroine. Semplicemente non vogliamo erigere barriere fra noi e gli iracheni".

"Saddam è stato un dittatore crudele - non lo volevamo al potere - ma ora non c'è più è ora che gli occupanti lascino il paese...I cittadini hanno diritto di opporsi a una forza occupante. I sequestri, le decapitazioni e gli attacchi kamikaze come quello che recentemente ha ucciso 35 bambini sono azioni disumane e brutali che non hanno nulla a che vedere con la resistenza. Io sono una pacifista". Simona Torretta, volontaria italiana recentemente liberata.

Questa settimana, come parte del reportage speciale Eroi Europei 2004, TIME ha riportato un'intervista esclusiva con le due volontarie italiane, Simona Torretta e Simona Pari, che il 7 settembre sono state prelevate con la forza dal loro ufficio a Baghdad in pieno giorno e sono state tenute prigioniere da miliziani iracheni fino alla scorsa settimana. Volontarie che vivevano in Iraq per sostenere la ricostruzione di scuole, formare il corpo insegnanti e distribuire acqua e medicinali, "le due Simone" (come sono ritratte sulla copertina di TIME Europa di questa settimana) hanno messo loro stesse "al servizio della vita" e, come risultato, sono state tenute prigioniere 21 giorni. Nella loro intervista a TIME parlano della loro terribile esperienza e della situazione in Iraq.

Durante un'intervista di un'ora con Time presso la sede di "Un ponte per Baghdad" a Roma, in Piazza Vittorio Emanuele II, il vivacissimo centro della comunità immigrata della città, le due Simone hanno spiegato i motivi che le hanno portate in Iraq e perché hanno deciso di rimanere quando molti altri se ne stavano andando. "L'ho fatto per due ragioni", dice Simona Pari, giovane donna nativa di Bologna dai grandi occhi espressivi che ha lavorato anche per "Save the Children" in Afghanistan e nei Balcani prima di arrivare in Iraq nel 2003. "Il mio lavoro mi diverte molto e credo nei diritti umani. A troppe persone sono negati i diritti fondamentali di cui tutti meritiamo di godere".

Le persone che aiutano non sono un concetto astratto. Sono amici. "E' un lavoro che facciamo con loro, non per loro" aggiunge Simona Torretta, una ragazza romana che lavora in Iraq dal 1994 e che laggiù ha passato buona parte degli ultimi cinque anni. Nel 2003 è diventata responsabile delle operazioni a Baghdad per il gruppo di volontari per cui lavora, attivo in Iraq dal 1991 per aiutare ad alleviare gli effetti delle sanzioni economiche imposte al paese. "Parliamo con le famiglie, con i leader religiosi e anche con i bambini per scoprire cosa pensano che sia necessario fare".

Le "due Simone" appaiono nel secondo elenco annuale di TIME Europa degli Eroi Europei che rende onore a persone straordinarie il cui spirito e capacità hanno fatto del mondo un luogo migliore, spesso opponendosi a condizioni estremamente avverse. Alcune sono famose, altre no, ma tutte hanno qualcosa in comune: azioni eroiche che hanno avuto una significativa influenza sulla vita del loro prossimo.

"La pubblicazione dell'elenco degli Eroi Europei dell'anno scorso ha avuto un impatto molto forte. La nostra piattaforma tanto autorevole ha aiutato alcune di queste meravigliose persone a continuare il loro fondamentale operato" ha affermato l'editore di TIME Europa, Eric Pooley. "Quest'anno abbiamo prestato particolare attenzione all'eroismo sbocciato in contrapposizione al terrorismo: i soccorritori a Mosca e Madrid. Una ragazzina di 13 anni che non ha voluto abbandonare la sorellina durante l'assedio alla scuola di Beslan. E le due volontarie italiane, Simona Torretta e Simona Pari, che sono state liberate la scorsa settimana da alcuni ribelli iracheni e i cui radiosi sorrisi ingentiliscono la copertina di questa edizione così speciale".

Le due Simone non sono eroine perché sono state prese in ostaggio e liberate (secondo alcune indiscrezioni sarebbe stato pagato un riscatto di 1 milione di dollari dal governo italiano, anche se Roma nega questa possibilità), ma per il loro validissimo e coraggioso operato. Hanno ascoltato una voce dentro di loro che diceva: non abbiate paura del pericolo, andante dove c'è sofferenza. "Con un piccolo sforzo" afferma Simona Pari a TIME "si può contribuire a migliorare le cose".

L'elenco completo degli Eroi europei, mediorientali e africani di TIME è la seguente:

- Fadela Amara (Francia) - attivista contro la violenza contro le donne nelle aree di periferia

- Marie Cammal (Francia) - difensore dei bambini di strada cambogiani e delle vittime di abusi

- Dr Ervigilio Corral Torres (Spagna) - direttore dell'unità di crisi durante l'attacco dinamitardo dell'11 marzo a Madrid; grazie all'intervento del suo team sono state salvate circa 400 persone.

- Hicham El Guerrouj (Marocco) campione di mezzo fondo e doppio oro olimpico

- Jane Goodall (GB) - studiosa del comportamento animale, fondatrice del Jane Goodall Institute e attivista in aiuto di uomini e animali in Africa

- Steffi Graf (Germania) - campionessa internazionale di tennis, fondatrice e sostenitrice dell'organizzazione Children For Tomorrow

- Sylvie Guillem (Francia) - etoile del balletto di indubbio valore morale e artistico

- Nick Hornby (GB) - romanziere straordinario, mecenate di giovani talenti e fondatore di una scuola per bambini autistici

- Otylia Jedrzejczak (Polonia) - nuotatrice medaglia d'oro olimpica che ha messo all'asta la propria medaglia per aiutare i bambini affetti da leucemia

- Vika e Olya Kallagova (Russia) - sopravvissute all'assedio della scuola n.1 di Beslan

- Vilho Kivikangas (Finlandia) - medico e presidente per gli aiuti allo sviluppo di Fida International, si occupa di fornire medicinali ai più bisognosi

- Ilya Lyubimsky (Russia) - soccorritore professionista, ha salvato numerose vite umane dopo l'assedio nel 2002 e l'esplosione di un ordigno esplosivo nella metropolitana nel febbraio 2004 a Mosca

- Ngozi Okonjo- Iweala (Nigeria) - Ministro dell'Economia nigeriano, si batte contro la corruzione e cerca di migliorare le condizioni della travagliata economia del suo paese

- Ellen MacArthur (GB) - navigatrice, ha compiuto un giro del mondo in solitario a tempo record

- Claude Nobs (Svizzera) - fondatore del Montreux Jazz festival la cui passione e spirito hanno cambiato il volto della musica in Europa

- Simona Pari e Simona Torretta (Italia) - volontarie che hanno dedicato la loro vita a lenire le sofferenze dell'Iraq recentemente rapite in Iraq, minacciate di morte e liberate la scorsa settimana. INTERVISTA ESCLUSIVA DI TIME

- Carlo Petrini (Italia) - fondatore dell'importantissimo Movimento Slow Food, il Don Giovanni del settore alimentare sta aiutando a cambiare il nostro modo di considerare il cibo

- Jan Pfeiffer (Repubblica Ceca) - attivista contro l'uso di "letti-prigione" e il modo brutale con cui sono trattati i pazienti psichiatrici in Europa centrale

- Carla del Ponte (Svizzera) - procuratore generale all'Aia e difensore di calibro internazionale delle vittime dei conflitti

- Anita Roddick (GB) - fondatrice del Body Shop, attivista a favore dell'ambiente, del commercio etico, dei diritti umani e della giustizia sociale

- Mstislav Rostropovich (Russia) - musicista di fama internazionale, direttore d'orchestra e attivista a favore delle vaccinazioni infantili

- Sorious Samura (Sierra Leone) - importante regista di documentari, ha rischiato la propria vita per documentare le sofferenze di altri africani

- Hasan Saltik (Turchia) - produttore musicale, si avvale della musica per superare i pregiudizi nel suo paese

- Sabriye Tenberken (Germania) - insegnante non vedente e attivista a favore dei non vedenti in Tibet

- Emma Thompson (GB) - attrice e attivista contro l'HIV, sostenitrice delle donne affette da AIDS in Africa

- Orri Vigfusson (Islanda) - appassionato pescatore, si impegna per la salvaguardia dei mari e la tutela del salmone selvatico

- Aida Seif El Dawla (Egitto) - attivista per i diritti umani, conduce una campagna contro le persecuzioni politiche

TIME Europa renderà omaggio agli Eroi Europei 2004 durante una speciale manifestazione che si terrà il 26 ottobre 2004 presso l'RSA a Londra.

I reportage completi saranno disponibili nell'edizione di TIME Europa dell'11 ottobre, in edicola in tutta Europa dal 4 ottobre, e sul sito web www.timeeurope.com

TIME è a disposizione dei lettori in tutta Europa, in Medio Oriente e Africa, Asia, Sud Pacifico, Canada, America Latina e Stati Uniti. Ogni edizioni offre ai lettori accesso alle fonti internazionali di TIME grazie a importanti reportage regionali. TIME è un settimanale leader in Europa con una tiratura di 555.000 copie in Europa e Stati Uniti e più di 290.000 in Asia. Fondato nel 1923, TIME raggiunge a livello mondiale i 5,4 milioni di copie.

    
    Per ulteriori informazioni, rivolgersi a: 

    Emma Gilpin 
    Dirttore Int. Affari Pubblici
    TIME Europe 
    tel. +44-(0)-20-7322-1193 
    cell. +44-(0)-7082-955-243 
    e-mail. emma_gilpin@timemagazine.com

    Jo Crosby
    Assistente Affari Pubblici
    TIME Europa 
    tel. +44-(0)-20-7322-1103 
    cell. +44-(0)-781-3185-975 
    e-mail. jo_crosby@timemagazine.com

FONTE Time Magazine