L' Europa consolida il Network in Nanotecnologia in Sicilia

15 Mag, 2006, 10:30 BST Da Frontiers

ENSCHEDE, Paesi Bassi, May 15 /PRNewswire/ -- Il network di Nanotecnologia Frontiers (www.frontiers-eu.org) si riunirà in Sicilia dal 15 al 17 Maggio per discutere e stimolare la diffusione e il progresso della scienza tra i suoi membri. In uno sforzo commune si delineranno nuove direzioni per ricerche future e saranno lanciate iniziative e collaborazioni internazionali.

Frontiers, e un Network di Eccellenza finanziato dalla Commissione Europea. E' iniziato due anni fa e ha lo scopo di stabilire in Europa linee guida nel campo biomedico collegate alle nanotecnologie attraverso l'integrazione di competenze, strumentazioni e investimenti. Frontiers raggruppa dodici famosi istituti di Nanotecnologia disseminati in tutta l'Europa, 200 scienziati con diverse competenze e nell'insieme converge una considerevole mole di conoscenza. Attraverso il suo approccio integrato, Frontiers, rinforzerà la posizione dell'Europa in nanotecnologia ne aumenterà la competitività in R&D (ricerca e sviluppo) rispetto agli Stati Uniti e al Giappone.

La nanotecnologia offre un enorme potenziale in tutti i settori industriali ed e'particolarmente interessante nelle applicazioni in campo medico. Uno degli scopi del programma di Frontiers è di focalizzare lo sviluppo delle nanoscienze su problemi industriali le cui soluzioni porteranno a nuove tecnologie commercializzabili, strumenti e dispositivi che un giorno avranno un grande impatto sulla scienza, industria e società. Recentemente questa strategia ha portato alla creazione del primo spin-off di Frontiers: Medimate. Medimate è il risultato di una collaborazione tra l'istituto MESA+ (in Olanda) e il centro di ricerca di Karlsruhe (Germania), entrambi membri di Frontiers. Medimate sviluppa metodi di analisi di elettroliti per scopi medici e attualmente l'attenzione è concentrata sul rilevamento del litio nel sangue. Il litio è il piu' importante medicinale per i pazienti che soffrono di depressione maniacale. Ci si aspetta, in un futuro prossimo, che Frontiers porti allo sviluppo di altri spin-offs.

I campi di ricerca di Frontiers vicini ad applicazioni e che saranno oggetto di discussione durante il congresso in Sicilia sono:

- Targeting di medicinali Con l'utilizzo di nanoparticelle opportunamente programmate è possible trasportare un medicinale alla sua destinazione finale, in modo strettamente selettivo, dove verrà rilasciato, evitando tutti gli effetti collaterali, e passando attraverso le barriere biologiche quali ad esempio la barriera sangue-cervello per il trattamento dei tumori al cervello.

- Biochips e bio arrays Per un'accurata individuazione di geni e proteine con applicazioni nell'analisi di medicinali e in diagnostica clinica e forense.

- Biosensori Capaci di analizzare e memorizzare, per esempio, uno o piu'componenti chiave in tempo reale (quail ad esempio sensori per il glucosio per la somministrazione automatica di insulina).

- Medicina rigenerativa Include sia campi di ricerca già maturi come impianti ancorati alle ossa (impianti odontoiatrici, giunzioni artificiali per l'anca, lenti intraoculari), e altri molto meno sviluppati, aree emergenti come ad esempio ricostituzione dei tessuti tramite cellule indifferenziate.

FONTE Frontiers