La protesta in Ucraina si diffonde

23 Nov, 2004, 18:18 GMT Da Our Ukraine

KIEV, Ucraina, November 23 /PRNewswire/ -- Migliaia di cittadini hanno invaso le strade ucraine in tutto il paese per protestare contro i risultati elettorali, i quali mostrano la vittoria delle elezioni presidenziali di domenica scorsa dell'attuale Primo Ministro Viktor Yanukovych. Gli ucraini che vivono e lavorano all'estero, in città e capitali europee, da Mosca a Washington, si sono uniti ai loro compatrioti protestando davanti alle sedi diplomatiche ucraine.

"Questo conflitto potrà essere risolto solo dall'ultima istituzione democratica ancora esistente in Ucraina: il parlamento" ha affermato il leader dell'opposizione Viktor Yushchenko che, secondo gli exit poll e gli stessi elettori, ha effettivamente vinto le elezioni presidenziali.

Circa 150.000 dimostranti hanno affollato la centralissima piazza dell'Indipendenza di Kiev per il secondo giorno consecutivo. Ieri il Consiglio comunale di Kiev ha approvato una proposta per chiedere al parlamento di considerare una mozione di sfiducia nei confronti della commissione elettorale centrale del paese, che molti sospettano coinvolta nella falsificazione dei voti. Il parlamento si incontrerà in seduta straordinaria questo pomeriggio. Migliaia di dimostranti si sono pacificamente riuniti davanti al luogo dell'incontro.

Le proteste si sono rapidamente estese ieri fino alle città dell'Ucraina occidentale come Lviv e Ternopil. Oggi le città dell'Ucraina centrale di Kirovohrad eVinnitsya, così come i centri industriali di Kharkiv, Dnipropetrovsk e Zaporizhya si sono uniti alla protesta che ormai accomuna tutta la nazione.

Il leader democratico Viktor Yushchenko ha chiesto ieri ai suoi sostenitori di scendere in strada in seguito alla comparsa di prove secondo le quali il governo si era reso responsabile di una frode elettorale di enormi dimensioni atta a falsare i risultati delle elezioni.

Gli osservatori internazionali non hanno riconosciuto le elezioni come libere ed eque, accuratamente rispondenti alla volontà della popolazione ucraina. L'UE, gli Stati Uniti, la NATO, l'OSCE oltre a gruppi locali ucraini di monitoraggio del voto hanno affermato che il risultato delle elezioni non rispecchia la realtà. Molte delle irregolarità elettorali erano direttamente riconducibili all'attuale governo del Primo Ministro Yanukovych.

Secondo i risultati della commissione elettorale centrale ufficiale, l'attuale Primo Ministro in carica Yanukovych ha ricevuto 14.966.336 voti (49,39%) rispetto ai 14.154.153 per Viktor Yushchenko (46,71%), una differenza di 812.183 voti. Due exit poll che si riferiscono alla giornata elettorale mostravano rispettivamente Yushchenko in vantaggio di 11 e 6 punti percentuali.

Il 17 novembre, giorni prima del voto decisivo, il vice presidente della Commissione Elettorale Centrale, Yaroslav Davydovych, ha affermato che 1,5 milioni di votanti assenti (il 4% della popolazione) sarebbero stati cancellati dalle liste per la giornata elettorale. Sono stati inoltre aggiunti 700.000 nuovi votanti nelle liste elettorali, principalmente nella regione orientale di Donetsk. Domenica, giornata delle elezioni, numerosi seggi elettorali delle regioni di Donetsk e Luhansk hanno registrato una partecipazione superiore al 100%. Un utilizzo scorretto dei voti di elettori assenti è stato più volte sottolineato dagli osservatori e identificato come una frequente violazione di cui si sono avvalsi i sostenitori di Yanukovych.

FONTE Our Ukraine