La World Stroke Organization e Boston Scientific uniscono le forze contro l'ictus

03 Giu, 2013, 11:15 BST Da World Stroke Organization

LONDRA, June 3, 2013 /PRNewswire/ --

La World Stroke Organization collaborerà con una delle aziende leader a livello mondiale nel settore della tecnologia medica, Boston Scientific Corporation (NYSE: BSX), per agire nella battaglia a livello mondiale contro l'ictus e aumentare la conoscenza di  questa patologia.  

"La World Stroke Organization (WSO) mira a ridurre l'impatto globale dell'ictus mediante la prevenzione, il trattamento nella fase acuta e la cura a lungo termine", ha affermato il suo Presidente, il professor Stephen Davis.  "La collaborazione con Boston Scientific e con altre importanti aziende impegnate nel campo dell'ictus, volta a concentrare gli sforzi sulla fibrillazione atriale e sulle altre patologie correlate all'ictus, ci aiuta a conseguire questa missione."  

In qualità di membro più recente della World Stroke Campaign, Boston Scientific si unirà ad altri sponsor per diffondere informazioni sulla Giornata Mondiale dell'Ictus che si svolgerà il 29 ottobre 2013 e sosterrà l'impegno della World Stroke Organization a condividere messaggi chiave e informazioni importanti sulla prevenzione dell'ictus e sui trattamenti mediante il sito Web della campagna, opuscoli, poster, attività formative ed e-mail.    

"Boston Scientific si impegna a migliorare la salute dei pazienti in tutto il mondo. Il supporto offerto alla WSO per aumentare la consapevolezza generale in merito all'ictus è un prolungamento naturale della nostra missione", ha affermato il dr. Keith Dawkins, Global Chief Medical Officer, Boston Scientific.  "Ci impegniamo costantemente a sviluppare tecnologie innovative che possano offrire alternative all'attuale standard terapeutico per l'ictus e l'attività della WSO mirata a sostenere l'educazione dei pazienti sull'ictus, sui fattori di rischio, sulla prevenzione e sulle opzioni terapeutiche, è complementare alla nostra attività."  

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, ogni anno circa 15 milioni di persone subiscono un ictus. L'ictus è la seconda causa di morte nei soggetti di età superiore ai 60 anni e la quinta causa di morte nei soggetti di età compresa tra 15 e 59 anni. L'ictus colpisce anche i bambini, inclusi i neonati. Ogni anno, quasi sei milioni di persone muoiono a causa di un ictus, che risulta essere  responsabile di più decessi in un anno rispetto a quelli attribuiti ad AIDS, tubercolosi e malaria insieme. L'ictus è anche la causa principale di disabilità a lungo termine a prescindere da età, sesso, provenienza etnica o Paese.  

La WSO ha lanciato la World Stroke Campaign nel 2010 con lo slogan "1 su 6" per richiamare l'attenzione sul fatto che nel mondo una persona su sei subirà un ictus nell'arco della propria vita. L'ictus non conosce confini e può colpire a qualsiasi età. Ulteriori informazioni sulla campagna sono a disposizione su  visiti http://www.worldstrokecampaign.org

La WSO invita le organizzazioni affiliate e i partner a condividere la sfida "1 su 6" della WSO e chiede loro di ricordare a tutti queste importanti azioni per prevenire l'ictus:

  1. Essere a conoscenza dei fattori di rischio personali: ipertensione, diabete e colesterolo elevato.
  2. Essere fisicamente attivi e fare regolarmente esercizio. Conseguire e mantenere un peso corporeo sano.
  3. Seguire un'alimentazione sana a base di frutta a verdura e limitare il consumo di sale, zucchero, grassi saturi e insaturi, per mantenersi in salute e tenere sotto controllo la pressione arteriosa.
  4. Limitare il consumo di bevande alcoliche.
  5. Evitare il fumo. Se si fuma, chiedere aiuto per cercare di smettere.
  6. Imparare a riconoscere i segnali d'allarme di un ictus.

Informazioni sulla WSO

La World Stroke Organization (WSO) è stata fondata nell'ottobre del 2006. La sua missione è quella di ridurre l'impatto globale dell'ictus mediante la prevenzione, il trattamento e la cura a lungo termine. In qualità di  principale organizzazione internazionale nell'ambito dell'ictus, la WSO mira a compiere la propria missione nei seguenti modi:

  • Incoraggiando le prassi migliori
  • Aumentando la consapevolezza in merito all'ictus tra la popolazione generale e gli operatori sanitari
  • Impedendo che una malattia cerebrovascolare determini disturbi della deambulazione, mancanza di equilibio, compromissione cognitiva vascolare e modifiche al comportamento
  • Influenzando le politiche mirate alla prevenzione dell'ictus e al miglioramento dei servizi sanitari
  • Fornendo educazione in collaborazione con organizzazioni pubbliche e private
  • Facilitando il supporto alla ricerca sull'ictus per i soggetti affetti da questa patologia
  • Incoraggiando lo sviluppo di sistemi e organizzazioni per la cura e il supporto a lungo termine dei pazienti che hanno subito un ictus e delle loro famiglie.

Grazie ai singoli associati  e alle organizzazioni in tutto il mondo, incluse le associazioni di pazienti con ictus, la WSO è la voce globale per l'ictus. La WSO è l'unica ONG internazionale dedicata all'ictus ad avere relazioni ufficiali con l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Il professor Stephen Davis, MD, FRCP, Edin FRACP, di Melbourne, Australia, è il Presidente della World Stroke Organization.            

http://www.worldstrokecampaign.org

FONTE World Stroke Organization