L'analisi istantanea delle uve assicura la qualità del vino

05 Set, 2007, 09:00 BST Da FOSS Analytical A/S

HILLEROED, Danimarca, September 5 /PRNewswire/ -- Un'uva sana e correttamente valutata è la condizione principale per ottenere un vino di qualità. La vendemmia è alle porte o già iniziata in molti casi e molti produttori utilizzeranno quest'anno le soluzioni analitiche proposte FOSS per valutare correttamente le uve.

(Photo: http://www.newscom.com/cgi-bin/prnh/20070905/271126 )

L'analisi è effettuata mediante uno strumento molto semplice da utilizzare che consente di valutare lo stato di maturazione e lo sviluppo del quadro acido e quindi scegliere il momento della raccolta e le successiva lavorazioni durante la fermentazione.

L'utilizzo del sistema di analisi inoltre completa l'esame visivo e valutazioni basate sulla esperienza e conoscenza del territorio di provenienza delle uve. La semplicità e la rapidità delle analisi permettono quindi una pianificazione più precisa della raccolta, in relazione a obiettivi qualitativi, condizioni meteo e tutte le altre varianti che possono intervenire. Tali azioni e decisioni possono essere prese praticamente in tempo reale.

Controllo della qualità direttamente al conferimento.

Un altro impiego fondamentale dell'analizzatore FOSS è alla stazione di conferimento dove i parametri espressi possono essere utilizzati per stabilire nuovi criteri di pagamento. L'esclusiva tecnologia brevettata FOSS è in grado di fornire indicazioni istantanee sul grado di sanità e maturità delle uve. I risultati analitici sono disponibili in due minuti aiutando a stabilire criteri di pagamento più precisi in relazione a parametri stabiliti.

La prassi di effettuare il pagamento in base alla qualità del prodotto conferito è comune in altri settori agroalimentari, mentre è poco usuale nel settore enologico, dove è spesso utilizzata l'ispezione visiva. Christian Harpsoe, FOSS Wine Market Manager dice: "Stiamo verificando un aumento di interesse dei produttori verso il pagamento in base alla qualità".

Un'integrazione alla conoscenza

Introdotti nel 1999, gli analizzatori FOSS sono divenuti poco a poco sempre più utilizzati, sia nel cosiddetto 'Nuovo Mondo' dove i produttori devono assicurare prodotti "riconoscibili" per caratteristiche organolettiche e di provenienza, ma anche presso i tradizionali produttori europei che devono fronteggiare concorrenze globali.

Secondo l'IBIS Wine Industry Report 2007, infatti, i primi cinque paesi produttori dell'EU hanno diminuito nel corso degli ultimi 10 anni la loro quota di mercato dal 75% al 60%. Per conto i paesi emergenti hanno aumentato le loro quote, nello stesso periodo, dall'8% all'attuale 27%.

Eric Wilkes, responsabile Controllo Qualità presso la Fosters Wine Estates in Australia, descrive come l'uso constante e giornaliero di un analizzatore FOSS fornisca vitali informazioni nella quotidiana pratica enologica. Alla domanda se esista un piccolo rischio che l'enologo sia sostituito da una macchina Wilkers commenta "Io non credo che la tecnologia renderà mai obsoleta l'esperienza umana, anche se in futuro avrà una posizione più importante".

Ulteriori informazioni

Per determinare i parametri qualitativi gli analizzatori FOSS utilizzano specifiche lunghezze d'onda della luce nella regione dell'infrarosso. Olte che su uve e mosti le analisi possono essere effettuate durante tutto il percorso produttivo e di lavorazione (fermentazione, affinamento, invecchiamento, pre e post imbottigliamento).

Visitate il nostro sito http://www.foss.dk/Solutions/BusinessAreas/Wine.aspx o contattate:

    
    Contatti nei vari paesi
    Francia
    info@foss.fr
    telefono: +33-(0)146-491-919

    Spagna
    general@foss.es
    telefono: +34-934-949-940

    Italia
    fossitalia@foss.it
    telefono: +39-(0)49-828-7211

    Germania
    info@foss.de
    telefono: +49-(0)410-151-780

    Internazionale
    Wine Market Manager, FOSS, ch@foss.dk

    FOSS
    http://www.foss.dk

FONTE FOSS Analytical A/S