Le aziende europee sottovalutano l'impatto ambientale della governace documentale derivante da processi di stampa inefficienti

30 Nov, 2009, 09:00 GMT Da Ricoh Europe

LONDRA, November 30 /PRNewswire/ -- Nuove ricerche condotte da Ricoh (http://www.ricoh-europe.com/) dimostrano che i manager europei perdono opportunità concrete per ridurre l'impatto ambientale e promuovere l'efficienza aziendale grazie ad una governance documentale sostenibile. Emergono inoltre differenze nette da Paese a Paese.

La ricerca (http://research.ricoh-europe.com/) ha evidenziato che solo una minoranza tra le aziende europee intervistate stabilisce obiettivi e analizza le implicazioni ambientali della governance documentale, tra cui l'efficienza energetica ed il riciclo. Mentre il 67% dei top manager stabilisce obiettivi di costo per la governance documentale, solo il 41% degli intervistati definisce dei target correlati alla riduzione dell'impatto ambientale. Questo suggerisce che i manager europei sottovalutano i benefici per la sostenibilità aziendale connessi all'implementazione di strategie per il contenimento dei costi. Inoltre, è importante sottolineare che, alla luce di quanto sopra, molte aziende troveranno difficile migliorare in maniera continuativa la sostenibilità dinanzi all'assenza di processi coerenti di misurazione e di revisione.

Dalla ricerca emerge anche che, nella maggior parte delle organizzazioni, la responsabilità per la governance documentale è decentrata e frammentata: solo il 39% degli intervistati dichiara di aver attuato una strategia aziendale in tal senso. Questo significa che vengono trascurati anche gli interventi più semplici, che potrebbero generare un impatto positivo immediato sulla sostenibilità. I risultati salienti dello studio evidenziano che:

- Il 32% dei manager afferma che l'uso della stampa in fronte-retro (ossia su entrambi i lati del foglio) è lasciato a completa discrezione dei dipendenti, e solo il 18% degli intervistati ha definito precise procedure in tal senso nella propria azienda.

- Quasi metà (47%) dei manager europei non conosce le procedure aziendali in tema di riciclo, e il 40% non è al corrente della prassi per il riciclo dei toner.

- Quando ai manager è stato chiesto se i dipendenti valutassero l'impatto ambientale al momento di stampare i documenti, gli intervistati hanno assegnato al personale un punteggio di 5,5, su una scala compresa tra 10 (prestano attenzione a questo tema) e 1 (non prestano affatto attenzione a questo tema).

Per affrontare seriamente queste problematiche bisognerebbe adottare una strategia centralizzata per la governance documentale, che consentirebbe di analizzare le attività aziendali nel loro complesso e fornirebbe dati precisi in base ai quali monitorare il raggiungimento degli obiettivi e la riduzione dei costi, permettendo inoltre di identificare le possibili aree di miglioramento. Adottando un approccio di questo tipo, le aziende potrebbero ottenere effetti positivi sulla redditività, riducendo l'impatto ambientale e incrementando l'efficienza finanziaria per il futuro.

Analizzando i dati Paese per Paese emergono differenze nette nelle modalità in cui la riduzione dell'impatto ambientale viene inclusa nelle strategie di governance documentale. Francia e Italia risultano i Paesi europei con l'approccio ambientale più efficace, mentre Regno Unito e Irlanda occupano l'ultimo posto in classifica. Se si assegna un valore agli aspetti ambientali della governance documentale, ad esempio riciclo, definizione di obiettivi, comportamenti del personale, è possibile stilare una classifica europea dei Paesi che attuano le politiche più sostenibili in relazione alla governance documentale. Considerando i sette Paesi presi in considerazione dall'indagine Ricoh Document Governance Index ( http://research.ricoh-europe.com/) la classifica è la seguente:

    
    1. Francia e Italia
    2. Germania
    3. Olanda
    4. Belgio
    5. Spagna
    6. Regno Unito & Irlanda

Tuttavia, nessuno dei Paesi esaminati supera il 50% del punteggio massimo ottenibile , e ciò suggerisce la possibilità di notevoli miglioramenti per ridurre l'impatto complessivo sull'ambiente.

Come dichiara Tom Wagland, dell'Environmental Management di Ricoh Europe: "Sebbene la sostenibilità rivesta grande importanza nell'ambito delle strategie aziendali e la produzione di documenti sia una parte rilevante delle attività quotidiane, vi è scarsa consapevolezza del fatto che la governace documentale può generare impatti positivi sia sull'efficienza ambientale che sull'efficienza aziendale. Le aziende possono attivare subito iniziative semplici in grado di migliorare le gestione e il controllo dei flussi dei documenti".

La governance documentale sostenibile in pratica:

Grazie ai servizi di consulenza Pay Per Page Green forniti da Ricoh, in tutta Europa le aziende stanno incrementando la loro redditività, riducendo simultaneamente l'impatto sull'ambiente.

- In Olanda, un'organizzazione del settore pubblico ha ridotto del 75% i consumi energetici, e del 10,3% quelli cartacei

- In Germania, una casa automobilistica stima di poter risparmiare 920.000 Euro nel corso del contratto, oltre ad aver ridotto i consumi di carta di 3.388 tonnellate e le emissioni di CO2 di 4.934 tonnellate,

- In Francia, un'azienda automobilistica sta registrando risparmi annui di 160.000 Euro grazie a consumi energetici ridotti di oltre 535.000 kWh

- Una società farmaceutica con sedi in Italia valuta di poter risparmiare il 27,8% del fabbisogno annuo di kWh e il 10,3% di consumi cartacei, riducendo del 15,8% l'impatto ambientale complessivo

Per scaricare il rapporto completo ed approfondire i risultati dello studio, visitate http://www.ricoh-europe.com/research.

Note

Il rapporto Ricoh Document Governance Index

L'indagine Ricoh Document Strategy Index è stata condotta per conto di Ricoh Europe dalla società indipendente di ricerche di mercato Coleman Parkes Research. Sono state effettuate 311 interviste a "decision maker" senior di medie e grandi aziende nei settori di Servizi finanziari, Servizi professionali, Servizi pubblici e Telecomunicazioni, Aziende di servizi e Media di tutta Europa. Le interviste sono state condotte in Belgio, Francia, Germania, Italia, Olanda, Spagna, Regno Unito e Irlanda. Tutti gli intervistati sono responsabili della gestione documentale nelle rispettive organizzazioni e sono stati contattati nei mesi di luglio e agosto 2009. L'indagine è stata effettuata in condizioni "controllate" per poter fornire informazioni rappresentative sull'intera Europa e nell'ambito di ciascun settore verticale target.

Informazioni su Ricoh

Ricoh Company, Ltd ("Ricoh Company") è leader tecnologico mondiale per la stampa office e production printing. Lavora con primarie aziende in tutto il mondo per migliorare gli ambienti di lavoro ed ottimizzare l'efficienza documentale. Con un organico globale di oltre 108.500 persone, è attiva in Europa, nelle Americhe, in Asia-Pacifico, in Cina e in Giappone.

La struttura Ricoh Global Services offre supporto strategico alle filiali Ricoh in tutto il mondo. Grazie ad una rete di vendita e di assistenza senza eguali nel mercato, Ricoh Global Services offre elevato valore aggiunto alle aziende multinazionali, con soluzioni end-to-end fornite in modo omogeneo anche in più Paesi diversi. I Clienti Ricoh possono quindi contare su un partner unico per tutte le esigenze a livello mondiale.

Ricoh Europe Holdings Plc è una società per azioni e il quartier generale Ricoh per l'area EMEA - con sedi a Londra (Regno Unito) e ad Amstelveen (Paesi Bassi) - cui fanno capo oltre 35 filiali e consociate.

Nell'anno fiscale conclusosi il 31 marzo 2009, il fatturato di Ricoh nell'area EMEA ha superato i 523,4 miliardi di yen, pari al 25% del totale mondiale. Il fatturato consolidato del Gruppo è stato di oltre 2.091,7 miliardi di yen.

http://www.ricoh-europe.com

    
    Per maggiori informazioni contattare:
    Ricoh Europe PLC
    Janice Gibson
    Tel.: +44(0)20-7465-1153
    E-mail: press@ricoh-europe.com
    http://www.ricoh-europe.com

FONTE Ricoh Europe