L'ECHA (Agenzia europea delle sostanze chimiche) invita le aziende ad adeguarsi alla nuova normativa e a inviare i propri dati entro le scadenze stabilite

13 Set, 2010, 17:54 BST Da ECHA - European Chemicals Agency

HELSINKI, September 13, 2010 /PRNewswire/ -- Il regolamento dell'UE sulla classificazione, l'etichettatura e l'imballaggio (CLP) impone nuovi obblighi legali alle aziende chimiche che operano nel mercato dell'Unione Europea; a decorrere dal 1degrees dicembre 2010, infatti, le suddette aziende saranno tenute a classificare ed etichettare le sostanze pericolose in conformità al regolamento CLP.

Per visualizzare il comunicato stampa multimediale, fare clic su:

http://multivu.prnewswire.com/mnr/prne/echa/44215/

Le aziende dovranno comunicare la classificazione e l'etichettatura delle sostanze introdotte sul mercato a un database centrale, definito Inventario delle classificazioni e delle etichettature, creato e gestito dall'ECHA. La prima scadenza fissata per la comunicazione di tali dati è il 3 gennaio 2011.

Le informazioni principali di questo Inventario delle classificazioni e delle etichettature saranno disponibili a tutti gli utenti sul sito web dell'ECHA, fatta eccezione per le informazioni commerciali riservate che non saranno divulgate al pubblico.

L'Agenzia europea delle sostanze chimiche prevede che il numero delle comunicazioni CLP sarà elevatissimo, all'incirca qualche milione, e suggerisce pertanto alle aziende interessate di inviare i propri dati con netto anticipo rispetto alla scadenza. L'ECHA e i centri nazionali di assistenza informatica di tutti i paesi dell'Area Economica Europea sono pronti a fornire supporto al settore e in particolare alle PMI per aiutarle a rispettare questi nuovi obblighi.

La comunicazione è gratuita e sono disponibili diversi strumenti informatici per l'invio dei dati. La scadenza del 3 gennaio 2011 riguarda tutte le sostanze introdotte sul mercato dal 1degrees dicembre 2010, indipendentemente dalla quantità.

Ai sensi del Regolamento CLP, le informazioni relative ai pericoli dovranno essere specificate sulle etichette di sostanze e miscele. Pittogrammi, avvertenze, indicazioni di pericolo e consigli di prudenza consentiranno a produttori, importatori, utenti a valle e distributori di condividere facilmente informazioni sulla pericolosità di sostanze e miscele.

Questa normativa dell'UE sulla classificazione, l'etichettatura e l'imballaggio contribuirà a garantire un elevato livello di protezione per la salute umana e l'ambiente contro i pericoli derivanti dall'utilizzo domestico e lavorativo di sostanze chimiche. Il Regolamento CLP si basa sul Sistema mondiale armonizzato di classificazione ed etichettatura stabilito dalle Nazioni Unite (UN GHS). L'unificazione a livello mondiale faciliterà il commercio tra paesi all'interno e all'esterno dell'Unione Europea consentendo agli esportatori di utilizzare la stessa descrizione dei pericoli nel proprio paese e in quello in cui esportano i loro prodotti.

Per maggiori informazioni:

sezione CLP sul sito web dell'ECHA (in 22 lingue): http://echa.europa.eu/clp_en.asp

Centri nazionali di assistenza informatica in tutti gli stati membri dell'UE: http://echa.europa.eu/help/nationalhelp_en.asp

Contatto stampa: ECHA PRESS OFFICE, press@echa.europa.eu

FONTE ECHA - European Chemicals Agency