L'indagine "Bloomberg Retail PMI" rileva un calo nelle vendite al dettaglio in Europa

06 Ott, 2004, 10:01 BST Da Bloomberg LP

MILANO, October 6 /PRNewswire/ --

- L'indice scende al 48,8; diminuisce della spesa dei consumatori

Il "Bloomberg Retail Purchasing Managers' Index" (PMI), indagine mensile che rileva la situazione del settore delle vendite al dettaglio in zona euro con un mese di anticipo rispetto alle proiezioni dei singoli governi, ha evidenziato un'ulteriore flessione. L'indice è infatti passato da 49,7 registrato in agosto a 48,8 di settembre. I dati al di sopra di 50,0 segnalano un aumento delle vendite nel mese, mentre sotto a 50,0 segnalano una diminuzione.

In Germania, un aumento marginale delle vendite su base mensile è corrisposto a una riduzione delle vendite in Francia e Italia. I commercianti attribuiscono il calo delle vendite alla forte concorrenza, ad una scarsa fiducia dei consumatori e al fatto che i consumatori mostrano riluttanza, mentre imputano il calo delle valore delle vendite a promozioni e sconti.

Le vendite effettive nel mese di settembre sono diminuite in maniera sostanziale e, in media, sono state inferiori agli obiettivi di vendita. Il settore automobilistico ha evidenziato la diminuzione più accentuata, ma anche gli altri quattro settori monitorati hanno registrato vendite inferiori alle aspettative. Viene espresso pessimismo anche per quanto riguarda il probabile andamento delle vendite in ottobre.

I risultati dell'indagine "Bloomberg Retail PMI" hanno evidenziato un netto declino delle vendite in zona euro rispetto all'anno precedente. L'indice di settembre, infatti, è 43,7, rispetto al 49,0 del mese precedente. Le tre principali economie della zona euro hanno registrato una diminuzione delle vendite al dettaglio su base annua; l'Italia è il Paese in cui si è registrato il declino più marcato, seguita da Francia e Germania.

Il "Bloomberg Retail PMI" fornisce ad aziende, amministrazioni pubbliche, banche centrali, economisti e analisti i dati accurati e aggiornati e indagini approfondite del settore delle vendite al dettaglio nella zona euro.

Il Bloomberg Retail PMI, compilato da NTC Research Limited, si basa su interviste ad oltre 1.000 responsabili vendita al dettaglio in Germania, Francia e Italia, paesi che rappresentano circa il 75% delle vendite al dettaglio in zona euro. I dati nazionali vengono poi ponderati sulla base del contributo dei singoli paesi al totale delle vendite in zona euro. Questi dati formano il Bloomberg Eurozone Retail PMI.

L' indice tiene sotto osservazione i cambiamenti che interessano le vendite al dettaglio, i risultati ottenuti rispetto agli obiettivi prefissati, le scorte, i prezzi, i dati relativi all'occupazione e altri indicatori chiave. I dati sono pubblicati circa un mese prima rispetto ai dati ufficiali emessi dalla pubblica amministrazione.

Altri risultati

Tra gli altri risultati del mese di settembre la zona euro mostra, per il quinto mese consecutivo, una diminuzione dell'acquisto di prodotti da rivendere al dettaglio. Le scorte sono aumentate in maniera marginale, dopo che nei tre mesi precedenti si sono registrate lievi riduzioni.

In settembre, i prezzi di acquisto medi pagati dai commercianti sono aumentati per il nono mese consecutivo. Secondo i commercianti stessi, l'aumento dei prezzi di acquisto è dovuto soprattutto all'aumento per i fornitori dei prezzi delle materie prime (in particolare all'aumento del prezzo del petrolio e dei metalli), cosa che, insieme alla necessità di offrire sconti per favorire le vendite, ha contribuito a ridurre ulteriormente i margini.

In settembre, il livello occupazionale nel settore delle vendite al dettaglio nei paesi dell'euro ha continuato a ridursi. Tuttavia, l'indice è cresciuto passando da 46,8 di agosto a 47,4: questo indica un lieve miglioramento del tasso di perdita di posti di lavoro. Tutti e tre i paesi hanno dichiarato una diminuzione dell'occupazione, sebbene in Germania e in Italia il tasso di perdita di posti di lavoro abbia registrato un lieve miglioramento.

L'indice Bloomberg Retail PMI viene pubblicato sul servizio BLOOMBERG alle 09:00 GMT ed è seguito da un comunicato stampa generale e dall'analisi su Bloomberg Television a partire dalle 10.00 GMT nei giorni:

- Dati di ottobre: 8 novembre 2004

- Dati di novembre: 6 dicembre 2004

- Dati di dicembre: 6 gennaio 2005

BLOOMBERG

Bloomberg LP è il principale editore mondiale di notiziari, dati ed analisi. Il terminale BLOOMBERG ed i notiziari globali Bloomberg forniscono dati, analisi, quotazioni storiche e in tempo reale, riferimenti, eventi multimediali e comunicazioni elettroniche 24 ore su 24 a società, quotidiani, operatori finanziari e privati in ogni parte del mondo. Fra i servizi media di Bloomberg: BLOOMBERG NEWS(R), notiziario finanziario diffuso via cavo ad oltre 1.800 giornalisti in 102 redazioni in tutto il mondo, BLOOMBERG TELEVISION(R), network commerciale e finanziario 24 ore su 24, prodotto e distribuito globalmente su 10 canali separati in sette lingue, e BLOOMBERG RADIOSM, con notizie aggiornatissime sul canale WBBR 1130AM a New York e sulle radio satellitari XM, Sirius e WorldSpace in tutto il mondo. Bloomberg Magazine Group e Bloomberg Press pubblicano riviste e libri per gli operatori finanziari. BLOOMBERG TELEVISION e BLOOMBERG RADIO sono collegate ad oltre 800 consociate di tutto il mondo. Per maggiori informazioni, visitare il sito Web all'indirizzo www.bloomberg.com

FONTE Bloomberg LP