Lo strumento diagnostico molecolare m2000(TM) e il test RealTime HIV-1 di Abbott si aggiudicano il Premio Chicago all'Innovazione

22 Ott, 2007, 16:01 BST Da Abbott

ABBOTT PARK, Illinois, October 22 /PRNewswire/ --

- Le innovazioni Abbott riconosciute per la terza volta in cinque anni

Abbott (NYSE: ABT) ha ricevuto un Premio Chicago all'Innovazione 2007 per il suo strumento diagnostico molecolare m2000(TM) (www.abbott.com/global/url/content/en_US/60.15:15/feature/Feature_0021.htm) e per il test di carica virale RealTime HIV-1 Abbott, il test più sensibile nel suo genere, in grado di rilevare e misurare con precisione tutti i ceppi conosciuti del virus dell'immunodeficienza umana (HIV).

Il test RealTime HIV-1 Abbott, approvato per l'impiego negli Stati Uniti nel maggio 2007 ed eseguito sul sistema m2000, è l'unico test di carica virale nel suo genere in grado di rilevare e misurare tutti i ceppi di gruppo M, gruppo N e gruppo O dell'HIV-1 nonché i sottotipi non B del virus. Questi prodotti offrono ai medici un metodo di test veloce e molto preciso come ausilio per assicurare che i pazienti ricevano il trattamento più valido ed efficace.

È la terza volta in cinque anni che Abbott viene scelto per un Premio Chicago all'Innovazione. Nel 2005 il test sul cancro della mammella PathVysion(TM) (http://www.pathvysion.com) di Abbott Società ha ricevuto un'onorificenza, e nel 2003 HUMIRA(TM)(http://humira.com), il primo farmaco contro l'artrite reumatoide basato sugli anticorpi monoclonali umani, si è aggiudicato il premio.

"Alla Abbott lavoriamo per migliorare la vita e spesso la salviamo. Questa è una motivazione importante per promuovere l'innovazione" ha dichiarato Miles D. White, presidente e amministratore delegato della Abbott. "I pazienti dipendono da noi per farmaci nuovi e migliori, diagnostica e nutrizione, e questo costituisce uno stimolo ai nostri scienziati ogni giorno. Il test di carica virale HIV-1, m2000, PathVysion e HUMIRA sono solo alcuni esempi del tenore delle ricerche condotte presso Abbott per trovare soluzioni ai problemi medici ancora irrisolti".

I Premi Chicago all'Innovazione, patrocinati da Kuczmarski and Associates e dal Chicago Sun-Times, vogliono far conoscere i contributi offerti dalle aziende dell'area di Chicago allo sviluppo di prodotti innovativi in grado di cambiare il mondo. Abbott e altri assegnatari dei premi parteciperanno a una cerimonia e al ricevimento questa sera al Goodman Theatre, con la presenza di circa 400 esponenti della vita economica, accademica e politica locale.

Informazioni sul test RealTime HIV-1 di Abbott e sullo strumento m2000

Sin dall'introduzione sul mercato nel 1985 dei primi test diagnostici del virus HIV, le autorità sanitarie si sono preoccupate della capacità del virus di mutare e di creare nuovi ceppi di sottotipi in grado di eludere il rilevamento. Il trattamento ottimale dell'HIV dipende dalla misurazione accurata dei livelli virali, quindi in presenza di sottotipi varianti non rilevati, la terapia farmacologica potrebbe risultare inefficace.

Molti dei ceppi varianti del virus non sono prevalenti negli Stati Uniti quanto invece in altri paesi, tuttavia nuovi studi fanno pensare che il flusso di immigrati da aree del mondo dove tali ceppi sono più comuni sta comportando l'aumento del numero pazienti a cui è stata diagnosticata di recente l'infezione da HIV variante.

"Con oltre 20 anni di esperienza nei test dell'HIV, i nostri scienziati hanno individuato una particolare regione del genoma dell'HIV resistente alle mutazioni, e sono riusciti a mettere a punto la prima e unica analisi di carica virale nel suo genere in grado di rilevare e misurare tutti i ceppi conosciuti dell'HIV" ha dichiarato John Robinson, Ph.D. senior director presso Research and Development di Abbott Molecular.

L'analisi RealTime HIV-1 ha la funzione di monitorare la prognosi della malattia e di coadiuvare la valutazione della risposta virale ai trattamenti farmacologici antiretrovirali. Le misurazioni quantitative dei livelli di HIV-1 nel sangue hanno contribuito fortemente alla comprensione del processo con cui l'infezione del virus porta alla malattia e si sono dimostrate un parametro essenziale nella prognosi e nella gestione degli individui infettati dall'HIV. La decisione di intraprendere o meno la terapia antiretrovirale o del relativo cambiamento è guidata dal monitoraggio dei livelli di HIV-1 o della carica virale nel plasma, del numero di cellule CD4-T e delle condizioni cliniche del paziente. Lo scopo della terapia antiretrovirale è di ridurre il virus nel plasma al di sotto dei livelli rilevabili.

Il test RealTime HIV-1 è destinato all'impiego in combinazione con la presentazione clinica e con altri marker di laboratorio quale indicatore di prognosi della malattia e come ausilio nella valutazione della risposta virale al trattamento antiretrovirale, quantificata sulla base delle variazioni nei livelli plasmatici di HIV-1 RNA. L'analisi non è destinata all'impiego come test di screening dell'HIV-1 per i donatori o come test diagnostico per confermare la presenza dell'infezione HIV-1.

Il test RealTime HIV-1 viene eseguito sul nuovo Abbott m2000, un sistema automatico che utilizza la reazione polimerasica a catena (PCR) in tempo reale per amplificare, rilevare e misurare i livelli minuti di virus nei campioni di sangue come pure livelli estremamente elevati di questi agenti infettivi. La PCR in tempo reale consente di produrre grandi quantità di DNA da campioni molto piccoli in breve tempo, consentendo il rilevamento di livelli estremamente bassi di materiale genetico di un virus.

"Lo strumento m2000, in combinazione con l'analisi dell'HIV-1 e il software sviluppato da Abbott, offre ai laboratori clinici la possibilità di misurare automaticamente e velocemente livelli ridottissimi di virus nei campioni dei pazienti, mettendoli in condizione di fornire risultati di test molto precisi nel giro di poche ore" ha dichiarato Scott Safar, senior director presso Systems Development and Support di Abbott Molecular.

Cenni su PathVysion

PathVysion è un test per pazienti affetti da cancro della mammella che fornisce ai medici informazioni genetiche per aiutarli a prevedere se un determinato tipo di trattamento contro il cancro può essere valido per un determinato paziente. La tecnologia PathVysion FISH per visualizzare in fluorescenza l'ibridazione in situ misura il numero di copie del gene HER-2 a livello del DNA. Utilizzando colori fluorescenti e un microscopio, i medici contano il numero effettivo di geni HER-2 presenti nel nucleo cellulare. I risultati del kit PathVysion sono intesi come ausilio nella selezione di potenziali candidati per la terapia monoclonale Herceptin(R) (trastuzumab) e come integrazione alle informazioni cliniche e patologiche esistenti correntemente utilizzate come fattori di prognosi nei pazienti affetti da cancro della mammella con stato linfonodale positivo allo stadio II. Il kit PathVysion è inoltre indicato per coadiuvare la prognosi di sopravvivenza complessiva e in assenza di malattia in pazienti affetti da cancro della mammella con stato linfonodale positivo allo stadio II trattati con chemioterapia adiuvante con ciclofosfamide, doxorubicina e 5-fluorouracile (CAF).

Informazioni sull'attività di diagnostica molecolare di Abbott

Abbott Molecular, una divisione di Abbott fondata a Des Plaines, Illinois, è leader emergente nella diagnostica molecolare - l'analisi di DNA, RNA e proteine a livello molecolare. Gli strumenti e i test di Abbott Molecular forniscono ai medici informazioni cruciali sulla base del rilevamento precoce di agenti patogeni e di variazioni di lieve entità ma molto significative nei geni e nei cromosomi dei pazienti. Questi prodotti coadiuvano i medici nella diagnosi precoce delle malattie e delle infezioni, nella scelta delle terapie appropriate e nel monitoraggio della progressione della malattia. Oltre al test di carica virale RealTime HIV-1 e all'Abbott m2000, il portafoglio prodotti di Abbott Molecular include anche innovativi test genomici per i cambiamenti cromosomici associati a malattie congenite e al cancro.

Cenni su HUMIRA

Negli Stati Uniti, HUMIRA è approvato dall'FDA (Food and Drug Administration) per la riduzione dei segni e della sintomatologia, e per la maggiore remittenza clinica, inibendo così la progressione dei danni strutturali, e migliorando la funzionalità fisica di pazienti adulti con artrite reumatica di entità da moderata a grave.

HUMIRA viene indicato per la riduzione dei segni e dei sintomi di artriti attive, inibendo così la progressione dei danni strutturali, e migliorando la funzionalità fisica di pazienti adulti con artrite psoriasica. HUMIRA può essere utilizzato da solo o in combinazione con il metotrexate o altri farmaci antireumatici in grado di modificare la malattia (DMARD). HUMIRA è anche approvato per la riduzione dei segni e della sintomatologia nei pazienti affetti da spondilite anchilosante.

All'inizio dell'anno, HUMIRA ha ricevuto l'approvazione per la riduzione dei segni e della sintomatologia e per indurre e mantenere una maggiore remittenza clinica negli adulti affetti dal morbo di Crohn di entità da moderata a grave, e che avevano presentato un risposta non adeguata alle terapie convenzionali, e per la riduzione dei segni e della sintomatologia e per indurre e mantenere una maggiore remittenza clinica in questi pazienti, se non rispondono più o sono diventati intolleranti a infliximab.

Test clinici sono in corso per valutare il potenziale di HUMIRA in altre malattie immuno-mediate.

Importanti avvertenze di sicurezza

Infezioni gravi, sepsi, tubercolosi (TB) e infezioni di tipo opportunistico, che possono portare al decesso, sono state segnalate in relazione all'uso di agenti che bloccando il TNF, tra cui HUMIRA. Molte di queste gravi infezioni si sono verificate in pazienti che assumevano anche altri agenti immunosoppressivi che, oltre ad agire sulla malattia specifica, potevano predisporre i pazienti ad altre infezioni. Tali infezioni sono state riferite anche per pazienti ai quali è stato somministrato solo HUMIRA. Il trattamento con HUMIRA non va intrapreso in pazienti che manifestano infezioni attive. Gli agenti che bloccano il TNF, che comprendono HUMIRA, sono stati associati alla riattivazione dell'epatite B (HBV) in pazienti portatori cronici di questo virus. Alcuni di questi casi sono stati anche fatali. I pazienti a rischio di infezioni HBV devono essere valutati per poter rilevare segni precedenti di infezioni HBV prima di somministrare HUMIRA. La combinazione di HUMIRA e anakinra viene sconsigliata e i pazienti che assumono HUMIRA non devono ricevere vaccini vivi.

Altri casi maligni sono stati osservati tra i pazienti a cui sono somministrati agenti per bloccare il TNF, tra cui HUMIRA, rispetto ai pazienti nei gruppi di controllo dei test clinici. Questi casi maligni, oltre al linfoma e a tumori della pelle diversi dal melanoma, sono stati simili per tipologia e numero a quelli previsti nella popolazione in generale. Si è registrata un'incidenza pari a circa 3,5 volte di linfoma nelle porzioni controllata combinata e ad etichetta aperta non controllate dei test clinici di HUMIRA. Il ruolo potenziale della terapia per bloccare il TNF nello sviluppo dei casi maligni non è noto. Gli agenti che bloccano il TNF, compreso HUMIRA, sono stati associati in rari casi con malattie demielinizzanti e gravi reazioni allergiche. Sono stati rari i casi nei quali sono stati riferiti gravi disturbi ematici con agenti che bloccano il TNF.

Si è osservato un peggioramento dell'insufficienza cardiaca congestizia (CHF) nei pazienti sottoposti ad agenti che bloccano il TNF, compreso HUMIRA, e l'insorgere del CHF è stato riferito nel caso di pazienti curati con agenti che bloccano il TNF. Il trattamento con HUMIRA può portare alla formazione di autoanticorpi e, di rado, allo sviluppo di sindromi simili al lupus. Gli eventi avversi più rilevati nei test clinici con gruppo placebo di controllo di adulti affetti da artrite reumatica (HUMIRA vs. placebo) sono stati rappresentati da reazioni nel sito di iniezione (20 percento vs. 14 percento), infezioni delle vie aeree superiori (17 percento vs. 13 percento), dolore sul sito di iniezione (12 percento vs. 12 percento), cefalea (12 percento vs. 8 percento), eruzione cutanea (12 percento vs. 6 percento) e sinusite (11 percento vs. 9 percento). Le interruzioni a seguito degli eventi avversi sono state del 7 percento per HUMIRA e del 4 percento per il gruppo placebo. Come per qualsiasi programma terapeutico, prima di iniziare la terapia è necessario prendere attentamente in esame i vantaggi e i rischi di HUMIRA.

Nei test clinici di HUMIRA per la spondilite anchilosante, l'artrite psoriasica e la malattia di Crohn, il profilo di sicurezza per i pazienti adulti curati con HUMIRA è simile al profilo di sicurezza rilevato in pazienti adulti affetti da artrite reumatica.

Cenni su Abbott

Abbott è una società di prodotti sanitari con una vasta presenza mondiale impegnata nella scoperta, sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti farmaceutici e medicali, compresi specialità alimentari, dispositivi medicali e per la diagnostica. La società conta 65 mila addetti e commercializza i propri prodotti in oltre 130 Paesi.

I comunicati stampa di Abbott e maggiori informazioni sono disponibili sul sito Internet della società all'indirizzo http://www.abbott.com.

Sito Web: http://www.abbott.com

FONTE Abbott