Nuovi risultati per Advance mostrano come combinare una terapia intensiva ematica per il glucosio e la riduzione della pressione arteriosa per avere ulteriori vantaggi nel diabete di tipo 2

08 Set, 2008, 16:30 BST Da Tonic Life France for Advance

ROMA, September 8 /PRNewswire/ --

- La strategia di cura con Advance ha il potenziale per salvare vite e proteggere milioni di diabetici nel mondo da complicazioni gravi

Secondo i nuovi dati presentati oggi in occasione del congresso della European Association for the Study of Diabetes (EASD - Associazione Europea per lo Studio dei Diabeti), che combinano un controllo intensivo degli zuccheri nel sangue ottenuto con il rilascio di gliclazide modificato (Diamicron MR(R)) con un abbassamento intensivo della pressione arteriosa basato su una combinazione fissa di perindopril e indapamide (Preterax(R)) può ridurre il rischio di decesso causato da patologie cardiache di circa un quarto (24%) ed il rischio di complicazioni epatiche di circa un terzo (33%) nei pazienti affetti da diabete di tipo 2.

I risultati più recenti di ADVANCE (Action in Diabetes and Vascular Disease - Azione per il diabete e per le malattie vascolari), il più grande studio mai condotto su pazienti affetti da diabete di tipo 2, mettono a disposizione ulteriori prove per una nuova strategia che ha il potenziale per salvare vite e proteggere milioni di diabetici nel mondo da complicazioni gravi.

I nuovi risultati di ADVANCE mostrano che i vantaggi di un controllo rigido sul glucosio nel sangue e della pressione arteriosa sono indipendenti tra loro e si sommano. Questa nuova prova rappresenta un importante passo in avanti per la gestione di milioni di persone affette da diabete nel mondo, poiché la strategia di trattamento utilizzata in ADVANCE ha ridotto sia la probabilità di sviluppare complicazioni dal diabete che quella di morte per tali complicazioni.

Controllo intensivo e progressivo del glucosio nel sangue per avere benefici a lungo termine

Questi ultimi risultati combinati seguono la recente pubblicazione dei risultati dello studio sul braccio per la riduzione del glucosio presentati nel New England Journal of Medicine.(1) Questi risultati hanno mostrato che una strategia intensiva, che comprende la prescrizione iniziale sistematica di sulfonylurea gliclazide a rilascio modificato, fino alla dose massima di 4 compresse al giorno, per poi aggiungere in modo progressivo altri farmaci convenzionali, ha ridotto i livelli di glucosio nel sangue in modo sicuro fino a livelli di emoglobina A1c del 6,5% e protegge i pazienti dalle complicazioni gravi del diabete.

In particolare, questa strategia intensiva ha ridotto il rischio di malattie epatiche di un quinto, ed ha diminuito il rischio di proteinuria, un predittore potente di un aumentato rischio cardiovascolare, di circa un terzo(30%). Questi risultati superano le prove esistenti, e potrebbero portare benefici a milioni di pazienti nel mondo, poiché le malattie renali sono una delle conseguenze più gravi e disabilitanti del diabete, che provocano il decesso di una persona su cinque tra i pazienti affetti da diabete.

La strategia intensiva, basata sul rilascio modificato di gliclazide ha determinato tutti questi benefici con un basso rischio di ipoglicemia (4 volte meno rispetto agli studi precedenti) senza alcun aumento di peso rispetto alle altre strategie terapeutiche basate su un iniziale e maggiore uso di insulina oltre ai glitazoni, come mostrato in ACCORD.(2)

Oggi, appare chiaro che la prevenzione delle complicazioni gravi del diabete richiede un intervento multifattoriale, poiché i risultati nuovi di ADVANCE mostrano che i benefici di una terapia intensiva per il glucosio nel sangue e della riduzione della pressione arteriosa sono indipendenti e si sommano tra loro nel ridurre i decessi per problemi cardiovascolari (-24%) e le complicazioni renali (-33%). In questo contesto, una strategia intensiva e progressiva per il controllo del glucosio, come quella scelta in ADVANCE può avere un ruolo importante, in particolare per la protezione dei reni.

ADVANCE

ADVANCE è stato promosso ed ideato dai ricercatori presso il George Institute for International Health australiano e sponsorizzato dal National Health and Medical Research Council del governo australiano, e da Servier. Lo studio multicentro, randomizzato, placebo e controllato ha coinvolto in totale 11.140 pazienti affetti da diabete di tipo 2, provenienti da 20 nazioni nel mondo e con un follow-up di cinque anni. La scelta del Diamicron MR si è basata sulla ben nota efficacia e sul profilo di sicurezza, come dimostrato dai milioni di pazienti affetti da diabete trattati ogni giorno.

Riferimenti bibliografici:

(1) The ADVANCE collaborative Group. Intensive blood glucose control and vascular outcomes in patients with Type 2 Diabetes (Il gruppo di collaborazione ADVANCE. Controllo intensivo del glucosio e dei risultati vascolari nei pazienti affetti da diabete di Tipo 2). N Engl J Med 2008;358:2560-72.

(2) The ACCORD study Group. Effects of Intensive Glucose Lowering in type 2 Diabetes (Il gruppo di studio ACCORDO. Gli effetti della riduzione intensiva del glucosio nel diabete di tipo 2). N Engl J Med 2008;358:2545-59.

http://www.advance-trial.com

    
    Per maggiori informazioni si prega di contattare:

    Sarah Ballard o Claire Mosley
    Tonic Life Communications
    Tel: +44-207-798-9900/ Mobile: +44-7989-689-283
    E-mail: sarah.ballard@toniclc.com / claire.mosley@toniclc.com

    http://www.advance-trial.com

FONTE Tonic Life France for Advance