Servizi bancari mobili: CGAP sfida il mercato a raggiungere i 25 milioni di utenti entro il 2012

24 Set, 2008, 16:58 BST Da CGAP

NEW YORK, September 24 /PRNewswire/ --

Il centro globale di risorse microfinanziarie CGAP si è assunto oggi un nuovo impegno quadriennale teso a identificare, finanziare, studiare e promuovere servizi bancari mobili di tipo tecnologico al servizio di 25 milioni di persone in 20 Paesi. Elizabeth Littlefield, amministratore delegato di CGAP, annuncerà il piano in occasione di un appuntamento dal titolo "Chiamata all'azione per i servizi bancari mobili" a cura della Clinton Global Initiative.

"La rete delle filiali bancarie fisiche ha i suoi limiti. Grazie ai cellulari e al contante che circola nei negozi locali, i servizi bancari mobili possono raggiungere ogni più piccolo villaggio e barrio del mondo in via di sviluppo," ha affermato la Littlefield. "La tecnologia può consentirci di raggiungere milioni di persone che fino a ieri erano emarginate dal sistema finanziario formale."

L'impegno di CGAP fa leva su oltre cinque anni di lavoro su servizi bancari mobili e microfinanza. In questo lasso di tempo CGAP ha offerto consulenze e contribuito a progetti di dozzine di fornitori in Asia, Africa e America Latina, e ha condotto valutazioni approfondite delle politiche in materia di 10 Paesi. Sulla base di questo lavoro, CGAP ha pubblicato una serie di white paper incentrati su modelli commerciali, esigenze della clientela e quadri normativi. Questo lavoro si è avvalso fin dal 2006 del generoso contributo finanziario della Bill and Melinda Gates Foundation.

"Affrontiamo con ottimismo ed energia le difficoltà insite in questo progetto, consapevoli del potenziale dei servizi bancari mobili di trasformare la vita delle persone. Questo significa comprendere meglio le esigenze e i bisogni della clientela, aiutare le autorità a bilanciare le esigenze di protezione del consumatore e dell'innovazione, e lavorare con compagnie telefoniche e banche al fine di creare modelli commerciali sostenibili," ha affermato ancora la Littlefield.

Nell'affrontare queste problematiche, il CGAP si è assunto l'impegno di mettere 10 milioni di dollari USA e il proprio know-how al servizio di gruppi microfinanziari, banche, e gestori di telefonia mobile che individuino modelli commerciali in grado di realizzare questo intento, studino le esigenze degli individui più poveri e vulnerabili al fine di offrire loro un'ampia gamma di servizi, specialmente per quanto riguarda il risparmio, e creino un dialogo con gli enti di regolamentazione dei servizi bancari e telefonici del mondo in via di sviluppo.

I Paesi attualmente coinvolti nel progetto sono: Afghanistan, Bangladesh, Brasile, Filippine, Ecuador, Egitto, Ghana, India, Kenya, Maldive, Messico, Mongolia, Pakistan, RD del Congo, Russia, Senegal, Sudafrica, Tanzania, Uganda e Zambia.

Il CGAP (gruppo consultivo per l'assistenza ai poveri) è la più importante risorsa al mondo per la promozione della microfinanza. Essa offre informazioni obiettive, consulenza, e soluzioni innovative al settore finanziario, governi e investitori al fine di ampliare l'accesso alla finanza per la gente povera di tutto il mondo. Per maggiori informazioni potete visitare www.cgap.org.

Sito Web: http://www.cgap.org

FONTE CGAP