SOS...gli abitanti del Quebec dal Canada chiedono aiuto al mondo per fermare l'eutanasia

11 Feb, 2014, 07:15 GMT Da Coalition of Physicians for Social Justice

MONTREAL, February 11, 2014 /PRNewswire/ --

- Con foto

Il Quebec si appresta a diventare la prima provincia in Canada e il primo posto nelle Americhe a emanare una legge che permette l'eutanasia senza un referendum, gli abitanti del Quebec si rivolgono al mondo per chiedere aiuto in modo da  influenzare il governo del Quebec a non approvare tale legislazione. In questo video i cittadini di diversi ceti sociali di Quebec raccontano le loro storie personali e spiegano i pericoli e gli abusi che deriverebbero dall'emanazione di tale legge.

     (Photo: http://photos.prnewswire.com/prnh/20140210/668148 )

Nadine, che al momento ha 16 anni e ha sconfitto una forma aggressiva di leucemia vivendo un'esperienza straziante che ha visto anche un trapianto di midollo osseo, descrive come avrebbe rifiutato la chemioterapia che le avrebbe salvato la vita quando aveva solo 14 anni, se la proposta di legge fosse stata in vigore. La legge avrebbe permesso a una quattordicenne di rifiutare il trattamento senza il consenso dei genitori. Fortunatamente la legge non era in vigore e Nadine è viva e in buona salute. Sua madre Claude è stata testimone dell'importanza della famiglia e dell'affetto nel sostegno dei giovani nei momenti più vulnerabile della loro vita.

Video: http://youtu.be/Z1a2tsk_jZI

Codice da integrare:

Altre persone descrivono i pericoli e gli abusi a cui sarebbero esposte persone di tutte le età qualora l'eutanasia fosse approvata in Quebec. Nella versione francese del video, Christiane, che ha 40 anni, si è trovata coinvolta in passato nella battaglia persa della madre contro un tumore al seno e in tempi più recenti nella stessa lotta che ha visto la sorella sopravvivere grazie ai notevoli miglioramenti delle cure mediche. Cosa sarebbe accaduto se la sorella avesse rinunciato troppo presto e avesse deciso per l'eutanasia invece di combattere il tumore sulla base della precedente esperienza di sua madre? Cosa sarebbe accaduto se il medico avesse dipinto una prognosi e un futuro spiacevoli? Cosa?

Inoltre nella versione francese, altri testimoni, tra cui Luc descrivono i potenziali abusi da parte di politici, amministratori ospedalieri, medici e famiglie in una società guidata dal denaro, dove alcune vite sarebbero considerate meno degne di vivere a causa delle pressioni finanziarie.

Il dottor Sylvia Baribeau, un medico di famiglia e il dottor Pierre Faubert, uno psicologo clinico, descrivono lo svantaggio emotivo e fisico in cui si trova una persona nel momento di prendere una decisione relativa all'eutanasia.

Questi video di testimonianza seguono la commovente storia di Jessica, di 4 anni, nata con una grave malformazione cardiaca e il suo appello al re del Belgio per non firmare la legge per l'eutanasia dei bambini nel video rilasciato il 2 febbraio.

La legislazione Quebec sull'eutanasia sarà presentata l'11 febbraio 2014, la "Giornata mondiale del malato." La Commissione per i diritti umani del Quebec raccomanda l'allargamento dell'eutanasia ai bambini.

Crediti brani musicali:
Yiruma: Kiss the Rain(String Ver.)
Yiruma: Time Forgets

Note per i redattori:

Le immagini presenti in questo comunicato sono rese disponibili da PA Photowire. Possono essere scaricate da http://www.pa-mediapoint.press.net o visualizzate su http://www.mediapoint.press.net o http://www.prnewswire.co.uk.

L'immagine presente in questo comunicato è resa disponibile dall'European Pressphoto Agency (EPA). Per visualizzarla, visitare http://www.epa.eu e accedere utilizzando il nome utente: prnewswire e la password: guest01

Per ulteriori informazioni:
Dottor Paul Saba +1-5148863447 pauljsaba@gmail.com
Sito web: coalitionmd.org
Twitter: @CoalitionMD
Youtube: http://www.youtube.com/user/coalitionmd

FONTE Coalition of Physicians for Social Justice