Voto sull'accordo con l'UE per il lavoro - ulteriori informazioni in inglese su swissinfo.ch

29 Gen, 2009, 08:00 GMT Da swissinfo

BERNA, Svizzera, January 29 /PRNewswire/ -- L'8 febbraio gli elettori avranno l'ultima parola su un accordo con l'Unione Europea che garantisce il reciproco accesso ai mercati del lavoro. La piattaforma internet swissinfo.ch seguirà il voto con un dossier in inglese.

Sono in gioco la proroga dell'accordo sul lavoro, noto anche come accordo sulla libera circolazione delle persone, e la sua estensione ai nuovi stati membri dell'Ue, Bulgaria e Romania.

Il voto è considerato uno dei più importanti degli ultimi anni per quanto riguarda i rapporti con l'UE, il maggior partner commerciale della Svizzera.

Una bocciatura dell'accordo sul lavoro porterebbe probabilmente all'annullamento di un pacchetto di sette accordi bilaterali in vigore dal 2002.

Il voto di febbraio accende gli animi. I partiti di destra sostengono che l'estensione dell'accordo all'Europa sudorientale comporterà un'ondata d'immigrazione che aggraverà la disoccupazione e peserà sul sistema previdenziale svizzero.

Il governo, il parlamento e i principali partiti di centrodestra e centrosinistra, nonché il mondo dell'imprenditoria sostengono invece che il trattato sia cruciale per l'economia svizzera, per l'accesso a nuovi mercati e per mantenere buoni rapporti con l'UE.

Il dossier comprende notizie, attualità, informazioni e analisi sul voto sull'accordo con l'UE.

http://www.presseportal.ch/go2/swissinfo_link_EU_labour_vote

swissinfo fa parte di SRG SSR idée suisse (Società Svizzera di Radiotelevisione). Il suo ruolo è informare gli svizzeri che vivono all'estero sugli eventi del loro Paese e far conoscere la realtà svizzera in altri Paesi. swissinfo realizza questo scopo grazie alla sua piattaforma internet di notizie e informazioni in nove lingue:

http://www.swissinfo.ch/eng/index.html

    
    Contatto:
    Johanna Estermann, swissinfo Kommunikation
    Telefono: +41-31-350-95-61
    E-Mail: Johanna.Estermann@swissinfo.ch

FONTE swissinfo