World GTL Inc intenta la maggior causa di sempre contro l'azienda di proprietà del governo di Trinidad Petrotrin

14 Mag, 2010, 21:05 BST Da World GTL Inc

NEW YORK, May 14, 2010 /PRNewswire/ --

- La causa da 2 miliardi di dollari USA asserisce che Petrotrin abbia espropriato attività della joint venture World GTL Trinidad Limited

World GTL Inc, nella maggior causa mai intentata contro un'azienda pubblica o privata nel Trinidad, e in piena campagna elettorale, ha rivelato oggi di avere sporto denuncia contro l'azienda petrolifera di Trinidad e Tobago (Petrotrin), di proprietà governativa, presso il tribunale del Distretto Federale degli Stati Uniti per l'esproprio indebito di attività di proprietà della joint venture World GTL Trinidad Limited. La denuncia è stata notificata a Petrotrin tramite l'ordinanza di un tribunale locale. World GTL Inc rivendica danni per oltre 2 miliardi di dollari USA.

World GTL Trinidad Limited era impegnata nella costruzione di un impianto gas-to-liquid (GTL) situato all'interno della raffineria Petrotrin di Point-a Pierre, Trinidad, con proprietà al 51% di World GTL of St. Lucia Ltd - un'affiliata di World GTL Inc - e al 49% di Petrotrin. Al momento dell'esproprio, l'impianto era sul punto di essere messo in servizio e di diventare il primo impianto GTL commerciale nell'emisfero occidentale.

I danni rivendicati da World GTL Inc corrispondono alla proiezione del valore imprenditoriale contemplata dagli analisti di Wall Street in occasione di un'offerta iniziale al pubblico.

Nella querela, World GTL Inc asserisce che Petrotrin abbia messo in atto il suo piano segreto di espropriazione dell'impianto con la piena consapevolezza e il consenso del governo di Trinidad.

Nel 2005, World GTL Inc e Petrotrin siglarono un "accordo di progetto" per la costruzione di un impianto GTL all'interno della raffineria Petrotrin in un luogo scelto da Petrotrin e indicato come sicuro sebbene si trovasse direttamente sottovento dell'unità di recupero dello zolfo di Petrotrin. Petrotrin assicurò a World GTL Inc che il luogo scelto all'interno della raffineria fosse sicuro dal punto di vista ambientale.

"Per poter ottenre i finanziamenti per il progetto, Petrotrin ci presentò a Credit Suisse, osservando che l'ex-ministero delle finanze di Trinidad era diventato funzionario di questa banca. La banca acconsentì a un prestito di 125 milioni di dollari USA," ha affermato James Carlisle, vicepresidente finanza e operazioni di World GTL Inc.

"Contrariamente alle rassicurazioni di Petrotrin quando siglammo l'accordo di progetto, vi sono state numerose fuoriuscite tossiche di zolfo dalla raffineria che hanno contaminato l'intera struttura, compreso l'impianto GTL," ha spiegato ancora Carlisle. "Per questo abbiamo dovuto evacuare l'impianto in più occasioni - a volte senza potervi fare ritorno per ben due mesi - cosa che ha creato imprevisti sforamenti dal budget che hanno inciso in modo significativo sulla nostra capacità di rispettare le scadenze di progetto specificate nell'accordo con Credit Suisse. Le chiusure e le evacuazioni degli impianti sono continuate nonostante le numerose rassicurazioni del nostro partner, Petrotrin, che i problemi sarebbero stati risolti," ha detto il dirigente.

Tuttavia, secondo la querela, Petrotrin ha subdolamente rilevato il prestito di World GTL Trinidad da Credit Swiss, che era stato garantito in solido, dimostrando chiaramente la propria intenzione di diventare sola proprietaria dell'impianto GTL.

"Inoltre, e con evidente noncuranza delle proprie responsabilità fiduciarie nei confronti della joint venture, Petrotrin ha compiuto azioni che ne dimostrano l'intenzione di assumere il controllo del progetto," ha continuato Carlisle. "Ci riferiamo ad esempio al pagamento a Credit Suisse di un premio per danni causati di 16,2 milioni di dollari USA - allora oggetto di vertenza - al fine di facilitare la presa di possesso del prestito. Questo fu fatto in segreto, in modo da poter dichiarare un'inadempienza che consentisse l'esproprio dell'attività senza che ci fosse versato alcun compenso."

Nella la querela, World GTL Inc e la sua affiliata World GTL St. Lucia asseriscono che Petrotrin non abbia debitamente risolto il problema della fuoriuscite di zolfo perché aveva sempre voluto che la costruzione dell'impianto non venisse ultimata nei tempi previsti, con la conseguente inadempienza degli obblighi previsti dall'accordo di prestito con Credit Suisse. Questo consentì a Petrotrin di nominare un curatore fallimentare che rilevasse in toto le attività dell'intero progetto senza adeguato compenso per World GTL Inc. Tale comportamento non solo era contrario all'accordo tra le parti ma costituisce vera e propria frode, secondo i querelanti.

World GTL Inc esige un compenso da Petrotrin per gli illeciti di frode, falsa dichiarazione, violazione contrattuale, appropriazione indebita, negligenza ed esproprio.

World GTL Inc, con direzione a New York, fu creata nel 2000 per costruire e gestire impianti gas-to-liquid (GTL) per la conversione del gas naturale (carbone e altri idrocarburi) in carburanti non inquinanti e di alto valore.

FONTE World GTL Inc