Lei Jia fa conoscere la quintessenza della sua voce cinese al pubblico dell'America settentrionale

03 Mar, 2015, 23:17 GMT Da Lei Jia Music Studio

-- Esibizioni di successo a Toronto e New York

PECHINO, 3 marzo 2015 /PRNewswire/ -- Il riconoscimento a livello internazionale della Cina ha fatto sì che la festività annuale più importante del paese, la Festa di Primavera (o Capodanno lunare), sia diventata gradualmente l'evento più celebrato in Occidente; per il quale presenza di spettacoli dei migliori artisti cinesi durante la festività è diventato un qualcosa di atteso, non solo da parte della comunità cinese e dagli studenti cinesi nelle università americane e canadesi, ma anche da parte della società tradizionale. Durante la Festa di Primavera, diversi artisti cinesi, tra cui Lei Jia, Yo-Yo Ma e Lang Lang, hanno fatto conoscere la musica e i suoni della propria terra a un pubblico trepidante sia a Toronto che a New York, ricevendo una grande risposta e un sincero benvenuto dal pubblico.

Foto - http://photos.prnewswire.com/prnh/20150302/178687

Il 21 febbraio (il terzo giorno dell'anno lunare), la neve e il freddo pungente non hanno scoraggiato il pubblico che ha assistito, facendo registrare un tutto esaurito, al concerto per il Nuovo Anno Cinese tenuto dalla Toronto Symphony Orchestra. Invitati speciali dell'orchestra, la cantante Lei Jia e il pianista Lang Lang hanno offerto un'esibizione eccezionale, accendendo sempre di più l'entusiasmo del pubblico.

Il 24 febbraio (sesto giorno dell'anno lunare), la Filarmonica di New York ha celebrato il Nuovo Anno Cinese per il quarto anno consecutivo con un concerto di gala al Lincoln Center. La straordinaria gamma di talenti ha incluso Lei Jia e la violoncellista sino-americana Yo-Yo Ma. Il pubblico di quest'anno è stato degno di nota per l'alto numero di non cinesi presenti, tra cui James Wolfensohn, ex presidente della Banca Mondiale e molti altri professionisti di Wall Street. È stato difficile acquistare un biglietto per il concerto che si è tenuto nella sala da 2.600 posti.

Sul palco dell'America settentrionale, Lei Jia ha colpito profondamente il pubblico con due brani della tradizione cinese: The Village of Sanshilipu e In Praise of Cattle. La sua esibizione è stata accolta con grande calore, e dopo la chiusura del sipario, l'artista è dovuta tornare più volte sul palcoscenico per rispondere alle richieste del pubblico. Il pubblico, per lo più non cinese, è rimasto stupito dalla ricchezza timbrica e dalla versatilità della sua voce, grazie all'estensione di diverse ottave. Alcuni membri del pubblico cinese hanno mostrato evidente commozione quando la giovane cantante ha attaccato il primo verso de The Village of Sanshilipu.

Perché Lei Jia?

Come è possibile che due orchestre di fama mondiale, la Toronto Symphony Orchestra e la Filarmonica di New York, abbiamo invitato contemporaneamente Lei Jia? È stato inaspettato, ma una scelta logica per entrambe. Negli ultimi anni la fama di Lei è cresciuta in modo rapido. Con le sue esibizioni eccezionali, la giovane cantante ha conquistato il favore sia del pubblico cinese che estero. Grazie alla formazione all'interno del sistema di musica vocale tradizionale cinese, il suo modo di cantare incarna la parte più autentica dell'espressione vocale della tradizione cinese. È stata a lungo una sostenitrice del nuovo stile musicale del guofeng, uno stile considerato come espressione dell'essenza della Cina, e ha interpretato questo stile tramite una vasta gamma di forme artistiche e contesti moderni. Appena ascoltato il suo album, Dandelion Sky, Joshua Cheek, Presidente della giuria del Grammy Awards, l'ha elogiata indicandola come "La più cinese delle voci." Rappresentativa dei giovani cantanti della comunità musicale vocale nazionale, è molto famosa tra gli ottoni militari cinesi, ma anche tra la truppa, e spesso offre esibizioni spettacolari in occasione di grandi riunioni delle truppe nazionali. La popolarità di tali esibizioni le ha lasciato poco tempo per gli spettacoli all'estero negli ultimi anni, tuttavia è stata inserita nell'album The Songs of the 56 Chinese Nationalities, una raccolta musicale scelta come regalo nazionale da donare ai capi di stato di ogni paese con cui la Cina che mantiene rapporti diplomatici. I brani dell'album possono essere ascoltati nelle sale di ascolto delle biblioteche di tutto il mondo. Tutti questi successi non hanno fatto esitare le due orchestre nella loro decisione di invitare la famosa cantante.

Perché ha deciso di eseguire i brani della tradizione Shaanxi?        

Parlando della sua decisione di eseguire The Village of Sanshilipu e In Praise of Cattle in America settentrionale, Lei ha dichiarato che il motivo è stato più o meno lo stesso per cui ha scelto di cantare the Homesick durante la serata di gala del Festival di Primavera di quest'anno: sia The Village of Sanshilipu che In Praise of Cattle sono brani della tradizione Shaanxi, brani che nella loro semplicità sono molto rappresentativi della musica cinese, e cosa ancora più importante, brani che molti membri della diaspora cinese, a prescindere dalla provenienza o meno dalla Cina, di solito conoscono e, in molti casi, sanno cantare. Spera che i due brani possano ricordare loro "una ciotola di acqua, un bicchiere di vino, una nuvola, un amore per la vita", temi nostalgici che possono ricordare all'ascoltatore la propria città natale e rivivere il calore di casa e le ansie dei parenti rimasti "a casa".  

FONTE Lei Jia Music Studio