BB&T rende noto che gli utili per azione (EPS) del primo trimestre ammontano a 0,29 dollari; il valore si riduce di 0,40 dollari a seguito della rettifica fiscale

WINSTON-SALEM, North Carolina, 18 aprile 2013 /PRNewswire/ -- BB&T Corporation (NYSE: BBT) ha annunciato oggi l'utile netto del primo trimestre 2013 disponibile per gli azionisti ordinari, pari a 210 milioni di dollari (o 0,29 dollari) per azione diluita. L'utile netto disponibile per gli azionisti ordinari e gli utili per azione risentono dell'impatto di una rettifica, precedentemente annunciata, di 281 milioni di dollari in relazione a una controversia irrisolta su un debito d'imposta contestato. Al netto di tale rettifica, per il primo trimestre l'utile netto di BB&T disponibile per gli azionisti ordinari è di 491 milioni di dollari (o 0,69 dollari per azione diluita).

Escludendo la rettifica fiscale, l'utile netto per azione diluita disponibile per gli azionisti ordinari è aumentato del 13,9% rispetto al primo trimestre del 2012. Gli utili diluiti per azione, nel primo trimestre, escludendo la rettifica fiscale, sono aumentati del 13,1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Questi utili hanno generato un rendimento medio annualizzato del capitale investito dello 0,57% e un utile netto medio per gli azionisti ordinari del 4,44%. Escludendo la rettifica fiscale, il rendimento medio annualizzato del capitale investito è dell'1,20% mentre il rendimento medio del capitale proprio è del 10,34%.

"Siamo lieti di comunicare gli alti rendimenti ottenuti nel primo trimestre, nonostante un contesto impegnativo, per quanto riguarda le attività di finanziamento", ha dichiarato il Presidente e AD Kelly S. King. "I rendimenti riflettono gli ottimi risultati del nostro gruppo assicurativo e una produzione trimestrale record da parte del nostro gruppo di finanziamento ipotecario.

"Inoltre, durante il trimestre abbiamo esercitato un ottimo controllo della spesa, con una diminuzione del 20% su base annua delle spese non fruttifere, rispetto al quarto trimestre dello scorso anno. Questa diminuzione è stata stimolata dalla riduzione dei costi correlati al credito nelle proprietà pignorate, nei servizi professionali e nelle spese connesse ai prestiti.

"Il valore medio dei prestiti è leggermente diminuito nel corso del trimestre, ma ciò è in gran parte dovuto alla fuga dei prestiti garantiti e di quelli per acquisizione, ristrutturazione e costruzione di immobili residenziali. Senza questo declino, i valori medi dei prestiti sarebbero leggermente aumentati. Inoltre, la crescita dei prestiti si è intensificata nell'ultima parte del trimestre e ci aspettiamo un'ulteriore crescita nel secondo trimestre, quando le turbolenze stagionali si saranno placate.

"Gli utili operativi netti per il primo trimestre ammontano a 2,5 miliardi dollari, con un incremento del 5% rispetto al primo trimestre dello scorso anno", ha affermato King. "Questa crescita sostanziale è dovuta ai maggiori ricavi dell'attività assicurativa, derivanti dall'acquisizione di Crump e dalla crescita organica del 5%, con una valutazione migliorata dei premi riguardanti i beni commerciali e i sinistri.

"Continuiamo a ottenere progressi eccellenti nella riduzione dei costi legati al credito e alle attività in sofferenza", ha osservato King. "Le attività in sofferenza sono diminuite dell'8,0% rispetto allo scorso trimestre, con una riduzione del 18% nei beni immobiliari pignorati. In particolare, gli storni netti sono scesi allo 0,98% del valore medio dei prestiti e delle locazioni, per la prima volta sotto l'1,00% da giugno 2008; prevediamo poi un ulteriore miglioramento nei prossimi trimestri. Inoltre, i costi relativi alle proprietà pignorate sono diminuiti nel primo trimestre fino a 18 milioni di dollari, con un calo del 63% rispetto al trimestre precedente, riflettendo il nostro significativo progresso".

Principali risultati del primo trimestre 2013

  • Il valore medio complessivo dei prestiti e delle locazioni detenuti per l'investimento è diminuito dell'1,4% su base annua rispetto al quarto trimestre del 2012
    • I prestiti finanziari medi sono aumentati del 6,0%
    • I mutui ipotecari residenziali medi sono diminuiti del 3,4%
    • Il valore medio dei prestiti nell'altro gruppo di filiali attive nel prestito è diminuito del 2,5% a causa della stagionalità
    • I prestiti medi per acquisizione, ristrutturazione e costruzione di immobili residenziali sono diminuiti del 46,4%
  • I ricavi del primo trimestre ammontano a 2,5 miliardi di dollari, in calo di 73 milioni di dollari rispetto al quarto trimestre del 2012
    • Il rendimento netto da interessi è stato inferiore di 54 milioni di dollari, soprattutto a causa della fuga dei prestiti garantiti
    • Il rendimento dell'attività assicurativa è aumentato leggermente, poiché i cali stagionali sono stati compensati da condizioni di mercato stabili
    • Il rendimento dell'intermediazione sulle ipoteche si è ridotto di 51 milioni di dollari, con i margini che si sono avvicinati a livelli più normali, che hanno compensato il volume record di entrate da istituzione delle pratiche
    • L'investment banking e l'intermediazione hanno continuato a dare ottimi risultati
  • Le spese non fruttifere sono diminuite di 74 milioni di dollari (o del 20,2% annualizzato) rispetto al quarto trimestre del 2012
    • I costi per il personale sono diminuiti di 6 milioni di dollari, nonostante le pressioni stagionali. Gli occupati a tempo pieno e l'organico complessivo si sono ridotti leggermente
    • La spesa per le proprietà pignorate è risultata pari a 18 milioni di dollari, in calo di 30 milioni di dollari
    • Le spese sui prestiti sono diminuite di 15 milioni di dollari
    • I servizi professionali sono diminuiti di 10 milioni di dollari
  • Il valore medio dei depositi non fruttiferi è aumentato di 669 milioni di dollari (vale a dire dell'8,5% su base trimestrale annualizzata collegata)
    • I costi medi sui depositi fruttiferi sono scesi allo 0,36% in questo trimestre, rispetto allo 0,49% registrato nel primo trimestre del 2012
  • I parametri di qualità degli asset hanno continuato a migliorare
    • Gli asset non fruttiferi sono diminuiti di 123 milioni di dollari (vale a dire dell'8,0% escludendo gli asset garantiti)
    • I prestiti insolventi sono migliorati di 141 milioni di dollari (vale a dire dell'11,4% escludendo i prestiti garantiti)
    • Gli immobili pignorati, esclusi gli asset garantiti, sono diminuiti di 19 milioni di dollari, equivalenti al 17,8%, raggiungendo i livelli più bassi dal terzo trimestre del 2007
    • Gli storni netti, esclusi gli asset garantiti, ammontano allo 0,98% dei prestiti medi per il trimestre, in calo rispetto all'1,28% del primo trimestre del 2012
  • I livelli di capitale rimangono alti
    • Il valore del patrimonio materiale corrisponde al 7,1%
    • Le azioni ordinarie di classe 1 sono pari al 9,2%
    • Il capitale di classe 1 con base di rischio è pari al 10,8%
    • Il capitale di leverage rimane forte: 8,3%
    • Il capitale complessivo è il 13,6%

Presentazione degli utili e sintesi dei risultati trimestrali

Per ascoltare la teleconferenza sugli utili del primo trimestre 2013 di BB&T in diretta, chiamare il numero 888-632-5009 alle ore 8.00 (fuso orario ET) e inserire il codice-partecipante 5184622. Nel corso della teleconferenza si seguirà una presentazione disponibile sul nostro sito web all'indirizzo www.BBT.com. Fino al 18 maggio sarà disponibile una replica della teleconferenza al numero 888-203-1112 (codice di accesso 4313363).

Per accedere alla presentazione, comprendente un'appendice in cui si riconciliano i dati che non seguono i principi contabili generalmente accettati negli Stati Uniti d'America (GAAP), accedere a www.BBT.com, fare clic su "About" (Informazioni) e scegliere "Investor Relations" (Relazioni con gli investitori). La presentazione è disponibile nella sezione "View Recent Presentations" (Visualizza presentazioni recenti).

Il Riepilogo dei risultati trimestrali di BB&T per il primo trimestre 2013 (BB&T's first quarter 2013 Quarterly Performance Summary), che contiene piani finanziari dettagliati, è disponibile sul sito di BB&T all'indirizzo www.BBT.com/financials.html.

Informazioni su BB&T

Al 31 marzo 2013, BB&T è una delle più importanti holding di servizi finanziari degli Stati Uniti, con 181 miliardi dollari di attività e una capitalizzazione di mercato di 22,0 miliardi di dollari. Con sede a Winston-Salem, in North Carolina, la società gestisce 1.842 centri finanziari in 12 Stati e a Washington, D.C., e propone una gamma completa di prodotti e servizi consumer e di commercial banking, di intermediazione titoli, di gestione patrimoniale, di finanziamento e di assicurazione. BB&T, che è presente nella classifica Fortune 500, è largamente apprezzata per la massima soddisfazione che offre ai clienti, come riconosciuto da J.D. Power and Associates, U.S. Small Business Administration, Greenwich Associates e altri. Ulteriori informazioni su BB&T e sulla sua linea completa di prodotti e servizi sono disponibili su www.BBT.com

I coefficienti patrimoniali sono preliminari. I dati sulla qualità del credito escludono i prestiti garantiti da copertura e quelli garantiti dallo Stato, nei casi applicabili.

Il presente comunicato stampa contiene informazioni finanziarie e valutazioni dei risultati determinate con metodi diversi da quelli conformi ai principi contabili generalmente accettati negli Stati Uniti d'America ("GAAP"). Il management di BB&T utilizza queste valutazioni "non-GAAP" nell'analisi dei risultati dell'azienda e dell'efficienza delle sue operazioni. Il management ritiene che tali valutazioni "non-GAAP" consentano di comprendere meglio le operazioni in corso e di rendere i risultati meglio confrontabili con quelli dei periodi precedenti, oltre a illustrare gli effetti di profitti e oneri significativi nel periodo corrente. L'azienda ritiene che per un'analisi significativa dei suoi risultati finanziari sia necessario comprendere i fattori sottostanti. Il management di BB&T ritiene che gli investitori possano utilizzare queste valutazioni finanziarie "non-GAAP" per analizzare i risultati finanziari escludendo l'impatto di elementi straordinari che potrebbero oscurare le tendenze dei risultati aziendali sottostanti. Queste informazioni non devono essere considerate come sostitutive delle valutazioni finanziarie eseguite in conformità ai principi contabili, né sono necessariamente paragonabili alle valutazioni dei risultati "non-GAAP" eventualmente presentate da altre aziende. Di seguito è riportato un elenco dei tipi di dati "non-GAAP" utilizzati nel presente comunicato stampa:

  • I coefficienti relativi al patrimonio materiale e alle azioni di classe 1 sono "non-GAAP". BB&T per calcolare questi coefficienti utilizza la definizione di patrimonio materiale di classe 1 usata nella valutazione SCAP. Anche il coefficiente del patrimonio materiale di classe I secondo gli Accordi di Basilea III è un parametro "non-GAAP" e riflette la migliore stima dei requisiti normativi proposti, che sono soggetti a modifiche. Il management di BB&T utilizza questi dati per valutare la qualità del capitale e ritiene che gli investitori possano trovarli utili nella loro analisi dell'azienda.
  • I coefficienti di qualità dell'attivo sono stati rettificati per eliminare l'impatto dei prestiti acquisiti e delle proprietà pignorate garantiti da accordi di condivisione delle perdite FDIC dal numeratore e dal denominatore di tali coefficienti. Il management ritiene che includendoli si potrebbero causare distorsioni dei coefficienti, i quali potrebbero non essere confrontabili con quelli di altri periodi o di altri portafogli che non hanno risentito dell'acquisizione.
  • I coefficienti di reddito e di efficienza sono di tipo "non-GAAP", poiché escludono i proventi (o le perdite) dei titoli, delle spese correlate a proprietà pignorate, l'ammortamento delle attività immateriali, gli oneri relativi alle fusioni e alle ristrutturazioni, l'impatto della perdita di quota FDIC e di altri elementi selezionati. Il management di BB&T utilizza questi valori nella propria analisi delle prestazioni dell'azienda. Il management di BB&T ritiene che questi dati consentano di comprendere meglio le operazioni in corso e di rendere i risultati meglio confrontabili con quelli dei periodi precedenti, oltre a illustrare gli effetti di profitti e oneri significativi.
  • L'utile medio del capitale per gli azionisti ordinari è un valore "non-GAAP" che considera il rendimento medio delle azioni ordinarie senza l'impatto delle attività immateriali e dei relativi ammortamenti. È utile per valutare i risultati di un'attività in modo coerente, in caso sia di acquisizione, sia di sviluppo interno.
  • Il margine di interesse netto fondamentale è un valore "non-GAAP" che rettifica il margine di interesse netto per escludere l'impatto dei proventi da interessi e costi di finanziamento associati a prestiti e titoli acquisiti nell'acquisizione di Colonial. Il management di BB&T ritiene che l'esclusione (dal calcolo del margine di interesse netto) degli asset a rendimento generalmente più elevato ottenuti a seguito dell'acquisizione di Colonial fornisca agli investitori informazioni utili sui risultati relativi degli altri asset di BB&T.
  • Il reddito netto disponibile per gli azionisti ordinari e l'utile per azione diluito sono stati rettificati per escludere l'impatto della rettifica fiscale da 281 milioni di dollari registrata nel primo trimestre del 2013. Il management di BB&T ritiene che queste modifiche rendano meglio confrontabili i risultati tra un periodo e l'altro e utilizza questi dati per valutare i risultati; ritiene che gli investitori possano trovarli utili nella loro analisi dell'azienda.

Nella sezione "Investor Relations" (Relazioni con gli investitori) del sito web di BB&T e nel Riepilogo dei risultati trimestrali di BB&T per il primo trimestre 2013 (BB&T's first quarter 2013 Quarterly Performance Summary) è disponibile una riconciliazione di questi valori "non-GAAP" con i parametri GAAP più direttamente confrontabili; si può consultare sul sito web di BB&T all'indirizzo www.BBT.com/financials.html.

Il presente comunicato stampa contiene dichiarazioni aventi carattere di previsione ai sensi del Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Tali dichiarazioni possono riguardare temi che implicano significativi rischi, incertezze, stime e ipotesi del management. I risultati effettivi potranno differire notevolmente rispetto alle proiezioni attuali. Consultare i documenti di BB&T depositati presso la Securities and Exchange Commission per una sintesi di importanti fattori che possono influenzare le dichiarazioni previsionali di BB&T. BB&T non assume alcun obbligo di rivedere queste dichiarazioni dopo la diffusione del presente comunicato stampa.

SOURCE BB&T Corporation



RELATED LINKS
http://www.bbt.com

Custom Packages

Browse our custom packages or build your own to meet your unique communications needs.

Start today.

 

PR Newswire Membership

Fill out a PR Newswire membership form or contact us at (888) 776-0942.

Learn about PR Newswire services

Request more information about PR Newswire products and services or call us at (888) 776-0942.