PR Newswire: news distribution, targeting and monitoring
2014

Stando alle nuove ricerche, un forte vincolo unirebbe asma nei bambini e inquinamento atmosferico

Share with Twitter Share with LinkedIn

ATENE, Grecia, October 15, 2013 /PRNewswire/ --

I ricercatori forniranno la prova più decisiva a tutt'oggi sul vincolo biologico esistente tra inquinamento atmosferico e asma nei bambini nel corso della riunione su asma e allergia pediatrica (PAAM 2013) dell'Accademia Europea di Allergologia e Immunologia Clinica (EAACI come da sigla in inglese), che si terrà dal 17 al 19 ottobre ad Atene, Grecia.

     (Logo: http://photos.prnewswire.com/prnh/20121012/567656-a )

I dati pubblicati congiuntamente dal Département d'Épidémiologie et Maladies Allergiques et Respiratoires (EPAR) dell'Università della Sorbona e dallo Institut National de le Santé et de la Recherche-Médicale (INSERM), aventi sede entrambi a Parigi, indicano che l'inquinamento atmosferico può essere alla base di nuovi casi di asma. Inoltre, segnalano che le prove ricavate da studi tossicologici, unitamente a informazioni relative ai geni associati all'asma, evidenziano un legame biologico verosimile tra inquinamento atmosferico e asma.

Stando ai nuovi dati, è altresì probabile che 1 bambino su 7 che abita a meno di 75 m da una strada trafficata sviluppi asma (http://www.aphekom.eu) mentre nelle aree a forte inquinamento, la percentuale di bambini che potrebbero esserne affetti è di 1 a 4.

Inoltre, i livelli di inquinanti presenti nell'aria aggravano le condizioni degli asmatici malgrado il calo generale registrato in termini di inquinamento atmosferico industriale.

L'inquinamento atmosferico in ambiente confinato è dovuto a stufe a gas o a cherosene con sistema di ventilazione deficiente, fumo di sigarette, solventi, adesivi presenti nelle vernici e altri materiali simili. Inoltre, tale forma d'inquinamento è in costante aumento e, dato che le persone trascorrono, in media, quasi il 90% del tempo al chiuso, tale circostanza è motivo di preoccupazione.

Questi esiti vengono resi noti complessivamente "nell'Anno dell'Aria" in cui l'UE ha rafforzato la legislazione relativa alla qualità dell'aria. Tuttavia, a tutt'oggi non è stato preso alcun provvedimento di rilievo in merito all'asma e ad altre malattie analoghe.

"Tali risultati evidenziano che fattori ambientali come le emissioni atmosferiche, nei cui confronti è possibile la prevenzione, possono essere vincolati direttamente a malattie quali l'asma -sostiene la Prof.ssa Isabella Annesi-Maesano, Direttrice per le Ricerche dell'INSERM e Direttrice del Dipartimento EPAR-. Dal momento che l'inquinamento atmosferico è attualmente al secondo posto del ranking mondiale dei fattori di rischio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, serve un approccio serio per l'asma e altre malattie analoghe".

"Questi tipi di studi contribuiscono a sottolineare quanto sia importante proteggere i bambini dai rischi ambientali -prosegue il Prof. Nikos Papadopoulos, Presidente di EAACI-. Si rende necessaria una maggiore attenzione da parte di tutti e, in modo particolare, dall'UE, sia verso i livelli di inquinamento atmosferico sia verso le malattie allergiche respiratorie, per poter garantire progressi significativi atti a migliorare la vita dei bambini".

PAAM 2013

PAAM è uno degli appuntamenti più importanti di EAACI a cui partecipano oltre 1.000 addetti ai lavori. Nell'ambito di questo evento principale dell'anno imperniato su allergia e asma, si esaminano aspetti quali l'anafilassi, l'allergia alimentare e l'asma, la rinite, l'eczema e l'immunoterapia.

"L'allergia, l'asma e gli aspetti sanitari connessi alle medesime riguardano i giovani che, spesso, sono oggetto di diagnosi errate da parte dei medici -aggiunge il Prof. Nikos Papadopoulos-. PAAM informa regolarmente su come si deve attivare chi ne soffre, non soltanto in Europa ma in tutto il mondo, per lottare contro alcune delle malattie a maggior crescita su scala globale. Si tratta dell'evento di maggior spessore di questo tipo e mi auguro che il successo e i risultati di questa riunione trovino riscontro nell'edizione del 2015 di PAAM a Berlino, Germania".

Info EAACI

L'Accademia Europea di Allergologia e Immunologia Clinica, EAACI, è un'organizzazione non-profit attiva nel campo delle malattie allergiche e immunologiche quali asma, rinite, eczema, allergie professionali, allergie alimentari e farmaci e anafilassi. Fondata nel 1956 a Firenze, EAACI è la maggiore associazione medica in Europa nel settore dell'allergia e dell'immunologia clinica. Vanta oltre 7.800 membri provenienti da 121 Paesi nonché 42 Società nazionali di allergologia.

http://www.eaaci.org

SOURCE EAACI - European Academy of Allergy and Clinical Immunology



Featured Video

Journalists and Bloggers

Visit PR Newswire for Journalists for releases, photos, ProfNet experts, and customized feeds just for Media.

View and download archived video content distributed by MultiVu on The Digital Center.

Share with Twitter Share with LinkedIn
 

Custom Packages

Browse our custom packages or build your own to meet your unique communications needs.

Start today.

 

 
 

PR Newswire Membership

Fill out a PR Newswire membership form or contact us at (888) 776-0942.

 
 

Learn about PR Newswire services

Request more information about PR Newswire products and services or call us at (888) 776-0942.

 

Online Member Center

Not a Member?
Click Here to Join
Login
Search News Releases
Advanced Search
Search
  1. PR Newswire Services
  2. Knowledge Center
  3. Browse News Releases
  4. Contact PR Newswire
  5. Send a News Release