Uno studio dimostra che la radioembolizzazione con SIR-Spheres migliora significativamente la sopravvivenza globale dei pazienti con carcinoma colorettale non operabile

MAGDEBURG, Germania, October 21, 2012 /PRNewswire/ --

Gli autori hanno evidenziato come la sopravvivenza dei pazienti che hanno ricevuto trattamenti con le SIR-Spheres sia più del doppio rispetto a quella dei pazienti che hanno ricevuto la miglior terapia di supporto, un beneficio in competizione con quello dei nuovi agenti biologici.

I risultati di un controllo condotto su coppie appaiate di pazienti con carcinoma colorettale metastatico che colpisce prevalentemente il fegato, per i quali tutte le opzioni di chemioterapia erano state esaurite, hanno dimostrato come l'aggiunta di radioembolizzazione con SIR-Spheres prolunghi significativamente la loro vita rispetto alla miglior terapia palliativa usata da sola.[1]

     (Logo: http://photos.prnewswire.com/prnh/20121019/568108 )

Lo studio, pubblicato sul numero di ottobre di Cardiovascular and Interventional Radiology, dimostra come la sopravvivenza mediana generale sia raddoppiata nei pazienti che hanno ricevuto la radioembolizzazione assieme alla migliore terapia di supporto, piuttosto che quest'ultima da sola: 8,3 mesi contro 3,5 mesi (rapporto di rischio [HR] 0,26; intervallo di confidenza [CI] al 95% di 0,15-0,48; P<0.001). Un'analisi multivariata ha confermato che la radioembolizzazione è stato l'unico fattore predittivo significativo di sopravvivenza prolungata tra tutti i parametri di base studiati (HR 0,30; CI al 95% di 0,16-0,55; P<0.001).

"La radioembolizzazione prolunga in modo significativo la sopravvivenza generale paragonata alla sola terapia di supporto in una coorte ben appaiata di pazienti con malattia estesa, refrattaria alla chemioterapia, presente prevalentemente nel fegato, per i quali esistono opzioni di trattamento limitate," ha affermato il Prof. Jens Ricke, Direttore del Reparto di Radiologia e Medicina Nucleare dell'Ospedale Universitario di Magdeburg, Germania, e autore senior dello studio. "L'evidenza suggerisce che la radioembolizzazione dovrebbe essere presa in considerazione come trattamento opzionale per i pazienti affetti da metastasi del fegato o prevalentemente del fegato, causata da cancro colorettale, nei quali la chemioterapia non abbia funzionato o che siano intolleranti ad essa".

Informazioni sullo studio

Lo studio ha paragonato la sopravvivenza globale di 58 pazienti con metastasi causata da cancro colorettale, che ha colpito solamente o prevalentemente il fegato, i quali erano refrattari a qualsiasi chemioterapia raccomandata, oppure avevano rifiutato ulteriore chemioterapia, e non erano adatti ad altre opzioni di trattamento come la resezione chirurgica, l'ablazione locale o altre forme di radioterapia. Ventinove pazienti hanno ricevuto la radioembolizzazione con SIR-Spheres (microsfere in resina di Y90; Sirtex Medical Limited, Sydney, Australia) e sono stati seguiti in modo prospettico. Questi pazienti sono stati appaiati retrospettivamente per trattamenti precedenti e carico tumorale per una coorte contemporanea di >500 pazienti, che avevano ricevuto la miglior terapia di supporto da 3 centri in Germania, per identificare 29 pazienti consecutivi con almeno 2 dei 4 criteri specifici di appaiamento (la presenza di metastasi sincrone o metacrone, carico tumorale, fosfatasi alcalina aumentata, e/o antigene carcinoembrionico [CEA] >200 U/mL). L'endpoint primario dello studio è stato la sopravvivenzaglobale.

A seguito della radioembolizzazione, 12 pazienti (41,4%) hanno presentato una risposta parziale e altri 5 (17,2%) una malattia stabile, con un tasso di controllo della malattia del 58,6%. La sopravvivenza senza progressione della malattia è stata di 5,5 mesi nella coorte della radioembolizzazione rispetto ai 2,1 mesi di coloro che avevano rievuto la miglior terapia di supporto. Gli effetti indesiderati dopo la radioembolizzazione sono stati generalmente di leggera o moderata intensità, prevalentemente transitori, autolimitativi e gestibili.

"I risultati dello studio sono coerenti con quelli di coorti simili di pazienti refrattari alla chemioterapia con metastasi del fegato a causa del cancro colorettale trattati con la radioembolizzazione," ha affermato la Dr.ssa Ricarda Seidensticker, consulente di radiologia interventistica ed autrice leader dello studio. "Questo è stato il primo studio comparativo sulla radioembolizzazione ad utilizzare la sopravvivenza globale come endpoint primario, con un modello etico che ha permesso di evitare il crossover di pazienti alla terapia attiva, che di solito affievolisce la capacità degli studi di dimostrare la differenza nella sopravvivenza. Questi risultati paragonano anche in modo favorevole gli studi recenti sull'utilizzo di nuovi agenti biologici per trattare il cancro colorettale metastatico. In uno studio controllato randomizzato di cetuximab, per esempio, la sopravvivenza generale media è stata di 6,1 mesi contro i 4,6 mesi della miglior terapia di supporto. In uno studio simile con panitumumab, la sopravvivenza generale media è stata di 6,4 mesi contro la sopravvivenza simile della miglior terapia di supporto, seguito dal crossover a panitumumab al progredire della malattia".

Ampi studi internazionali controllati e randomizzati stanno ora tentando di valutare l'efficacia della radioembolizzazione con SIR-Spheres unita alla chemioterapia in prima linea nel trattamento di pazienti con metastasi al fegato da cancro colorettale, rispetto alla sola chemioterapia, al fine di determinare se questo trattamento possa essere usato come primo intervento.

Informazioni sul cancro colorettale

Nel 2008, a 153.000 persone degli USA e a 333.000 persone dell'Unione Europea è stato diagnosticato il cancro colorettale.[2] Circa metà di tali pazienti svilupperanno la metastasi che si diffonderà dal punto originale della malattia, principalmente al fegato. Fino al 90% di questi pazienti moriranno a causa di insufficienza del fegato dovuta alla propagazione della malattia. La radioembolizzazione (chiamata anche Terapia di Radiazione Interna Selettiva o SIRT) costituisce un nuovo approccio al trattamento dei tumori del fegato con microsfere di ittrio-90 radioattivo (Y90). Le microsfere sono inserite da radiologisti interventisti per trattare in modo selettivo i tumori con la radiazione, evitando di colpire il restante tessuto sano del fegato.

I 3 centri coinvolti nello studio (ed il numero di pazienti osservati) sono stati:

  • l'Ospedale Universitario di Magdeburg, Germania / Universitätsklinikum Magdeburg (n = 348);
  • il Campus Charité, Ospedale Universitario di Berlino, Germania / Universitätsmedizin Berlin (n = 120);
  • l'Ospedale di Magdeburg, Germania / Klinikum Magdeburg (n = 86).

SIR-Spheres sono state approvate per l'uso in Australia, nell'Unione Europea (marchio CE), in Nuova Zelanda, Svizzera, Turchia e in molti altri Paesi per il trattamento dei tumori al fegato non resecabili.

SIR-Spheres sono state anche completamente approvate dalla FDA e sono indicate negli USA per il trattamento dei tumori al fegato metastatici non resecabili da cancro colorettale, assieme alla chemioterapia arteriosa intraepatica con l'uso di floxuridine.

Riferimenti:

  1. Seidensticker R, Denecke T, Kraus P et al. Matched-pair comparison of radioembolizzazioneplus best supportive care versus best supportive care alone for chemotherapy refractory liver-dominant colorectal metastases. Cardiovascular and Interventional Radiology 2012; 35(5): 1066-1073.
  2. International Agency for Research on Cancer. GLOBOCAN 2008: Colorectal Cancer Incidence and Mortality Worldwide in 2008. http://globocan.iarc.fr/factsheets/cancers/colorectal.asp accessed 12/8/2011.

 


SOURCE University of Magdeburg



Best of Content We Love 2014 


Custom Packages

Browse our custom packages or build your own to meet your unique communications needs.

Start today.

 

PR Newswire Membership

Fill out a PR Newswire membership form or contact us at (888) 776-0942.

Learn about PR Newswire services

Request more information about PR Newswire products and services or call us at (888) 776-0942.